• 14 commenti

Ubuntu, SUSE Linux e Fedora in arrivo sullo Store di Windows 10!

Le novità che arrivano dal Build 2017, l’evento Microsoft dedicato agli sviluppatori, continuano. Dopo aver visto il nome ufficiale del prossimo grande aggiornamento (Ufficiale: Il prossimo grande update arriverà a settembre e si chiamerà Windows 10 Fall Creators Update | Novità), il nuovo design language (Fluent Design language – Ecco il video ufficiale dedicato al nuovo design language di Windows 10 Fall Creators Update), e l’arrivo di iTunes sullo Store (Apple pronta a sbarcare sullo Store di Windows 10 con la propria app iTunes!), ecco arrivare una nuova notizia.

Microsoft ha annunciato che presto sarà possibile scaricare dallo Store di Windows 10 le tre principali distribuzioni Linux, parliamo di Ubuntu, SUSE Linux e Fedora. In particolare i tre sottosistemi Linux saranno eseguiti in un ambiente virtualizzato sotto Windows. Una notizia sicuramente utile per chi deve per lavoro o formazione utilizzare uno di questi OS senza la necessità di effettuare doppie installazioni e cambiare sistema operativo in base alla necessità del momento.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. PaoloM72 ha detto:

    Questa si che é una bella novità

  2. Luca Serri ha detto:

    Domani annunceranno anche la disponibilità di Android sul Windows Store! :D

  3. Jacksoft ha detto:

    Iniziano ad essere parecchio confusi…

  4. Inviasubito ha detto:

    Questa si che sarà una cosa molto utile!

  5. bruno ha detto:

    Hanno presentato un pos con windows 10 ioT.
    Mi sa tanto di anteprima di traverso del surfacephone

  6. Luca Serri ha detto:

    Però Xamarin, che dovrebbe servire per facilitare lo sviluppo multipiattaforma, non mi sembra che abbia raccolto abbastanza successo. Con queste ipotetiche “UWP native W10 + iOS + Android” servirebbe qualcosa che convinca realmente i dev ad usarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *