• 24 commenti

Surface Duo smontato da iFixit: grado di riparabilità 2 su 10 | Video

Il team di iFixit ha provveduto in queste ore a smontare completamente Surface Duo, il dispositivo mobile con funzionalità telefoniche e supporto alle app Android, rilasciando il classico voto sul grado di riparabilità.

Come spesso accade per questo tipo di device, Surface Duo non utilizza componenti modulari, tutte le parti hardware principali sono saldate direttamente alla scheda madre. Le batterie sono incollate e richiedono lo smontaggio quasi completo del device, inoltre sono presenti viti tri-point non comuni. L’unico punto a suo favore è lo schermo e la protezione in vetro posteriore che è possibile sostituire senza smontare altri componenti: li voto finale sul grado di riparabilità è 2 (dove 10 è il valore massimo della facilità di riparazione).

Di seguito il video del teardown di iFixit:

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. 500spiccioli ha detto:

    È tutto miniaturizzato, i pezzi sono collocati così a stretto contatto tra loro che non hanno trovato lo spazio per inserire una seconda fotocamera. 😁

  2. Internauta ha detto:

    Il futuro è la modularità.
    Eccola, la vedete? E’ arrivata.

    Per carità, continuando di questo passo non si salverà niente e l’elettronica sprofonderà nella crisi più totale. Poi ci sono i consumatori, che ci mettono anche il loro comprando un telefono ogni 3 anni.

    • 500spiccioli ha detto:

      #Internauta
      Ogni tre anni? Max 2, avendone la possibilità ogni anno. Annualmente, anche semestralmente escono modelli nuovi, (nuovi??) tali da indurre la sostituzione del precedente ormai “vecchio”. Si chiama consumismo. 😣

      • Internauta ha detto:

        Si chiama consumismo ma nessuno vi obbliga a farlo.
        Lo fate perchè siete malati, ora non so te ma c’è tanta gente che cambia le cose in continuazione (non solo telefoni).
        Questa è una malattia mentale che va immediatamente curata.

        • Elementary ha detto:

          Internauta: devo ammettere che questo commento mi era sfuggito, anche se avevo reso già bene l’idea con il mio precedente intervento. In ogni caso aggiungo che i veri malati sono coloro che disdegnano e poi (magari senza neppure rendersene conto, in quanto troppo presi dalla loro idea) utilizzano, rendendosi automaticamente parte del sistema che vorrebbero scardinare.

    • Mario ha detto:

      @Internauta

      Altra scelta non ce n’è, e fare la guerra con i fiori poi non ha alcun senso. L’unica possibilità quindi è fare dei compromessi (tanto la vita ne è piena), un telefono Android ogni 3/4 anni o un iPhone ogni 6. Avere il telefono sprotetto o comunque non aggiornato e quindi problematico con determinate app utili (siano esse bancarie o di messaggistica) non è l’ideale.

      Vorrei anch’io qualcosa di diverso da questo status quo, ma fare i martiri non è la via migliore.

      • Internauta ha detto:

        Ma che dici? Altra scelta non c’è?
        Un telefono ti dura tranquillamente 6 anni se lo tratti bene. Lo cambiate perchè siete malati, non perchè si rompe il telefono. Ed ì una cosa non grave, gravissima che sta creando numerosi problemi nel reperimento delle risorse naturali.
        Svegliatevi!

        • Mario ha detto:

          @Internauta Non c’entra nulla trattarlo bene e te l’ho già spiegato il perché, però evidentemente hai saltato quel paragrafo a piè pari da autentico ossessionato newage qual sei. Cambiare telefono di anno in anno è da pazzi, ma tenerselo per 6 lo è allo stesso modo. Avere dispositivi non più aggiornati significa andare in contro a problemi di sicurezza e di compatibilità delle applicazioni, in determinati contesti di utilizzo. La retrocompatibilitá va bene fino ad un certo punto, poi inizi a perdere certe funzionalità che potrebbero farti comodo. La tecnologia va avanti per fortuna, ed allo stesso modo dovrebbe farlo anche il riciclo della componentistica utili alla creazione della stessa. Battiti per questo anziché fare l’oscurantista scimunito tra fanatici winzozz.

          • Mario ha detto:

            P.S: Immagina se uno avesse acquistato un iPhone 5 all’uscita e se lo fosse tenuto fino ad oggi. Praticamente avrebbe dovuto fare a meno del lettore di impronte o della scansione facciale (a proposito delle funzionalità utili), e perché poi? Per inseguire un ideale di crociata perso in partenza AHAHAHAHA.

          • Internauta ha detto:

            Guarda che io ho ancora l’Iphone 5 ad oggi.
            Impronte? Faccia?
            PuHAHAHAHAHAHAA continua a crederci, continua a pagare tecnologie altamente costose per richiesta di elementi rari (cadmio, iridio etc.) per nascondere le tue foto del tuo pisello.
            Continua a pagare soldi in più per tecnologie inutili a livello di realtà quotidiana.
            Mi fai solo ridere, anzi piangere perchè le tue caxxate si ripercuotono su tutta l’economia globale.
            Ti faccio un applauso alla tua ignoranza.
            SVEGLIATI!

          • Elementary ha detto:

            Internauta: sottovalutare le odierne tecnologie, ormai non piú costose di qualche decina di euro, è un approccio che su larga scala che ci riporterebbe all’età della pietra, in quanto – in base alla tua idea – nulla verrebbe più costruito (ed anche sviluppato) e ciò che già esiste smetterebbe di funzionare. Anche la connessione internet sulla quale dai ormai per scontata la velocità di esecuzione ha subito molteplici mutamenti, con progettazione e sostituzione annuale di schede logiche, prima di raggiungere questi risultati. Allo stesso modo la sensoristica biometrica tiene alti gli standard di sicurezza, senza doversi necessariamente ricordare password lunghissime appositamente scelte per non dar modo a malintenzionati di accedere fisicamente al proprio terminale.

    • Il busca ha detto:

      Purtroppo, per molti ilo smartphone è ancora un elemento di status. Apple e Samsung ringraziano. Letteralmente vivono su questo. Sono obbligati a sfornare almeno un prodotto (o evoluzione di prodotto) all’anno. Sono obbligati perchè le loro dimensioni non consentono di rallentare. Devono vendere. L’elettronica è già in crisi profonda da 12 anni almeno. Non esiste soluzione al problema. I piccoli sono già spariti e quello che ti rimane sono solo i giganti. Consumismo o meno, il danno è fatto.

      • Mario ha detto:

        @il busca (pignatti)

        I piccoli spariscono perché ragionano da piccoli in settori già ampiamente affermati. Nessun utilizzatore comune acquisterebbe uno dei primi prototipi di automobili senza tettuccio, quando ne hai a disposizione decine di recente produzione. Solo tu e qualche altro idiota lo farebbe per sentirsi realizzato, ma questo è un problema tuo e delle tue rotelle fuori posto ahahahaha.

        • 500spiccioli ha detto:

          #Deficiente con la M
          L’unico sano di mente saresti tu? Noi altri siamo tutti fuori testa, secondo i tuoi insensati commenti. Non ti è mai balenato nel tuo immenso “sapere” che potrebbe essere il contrario e quindi il deficiente mentale potresti essere tu? Finisci i tuoi commenti con una risata, lo sai sul volto di chi abbonda? 😶

          • Mario ha detto:

            @500cornuto

            Gira al largo, testaccia vuota, che sei l’ultimo dei coglioni qui ahahahaha. Ormai tu e gli amichetti tuoi siete già stati marchiati dalla natura, quanto basta da rendere miei interventi un surplus. Siete poche decine di fessi abbandonati pure dalla vostra beniamina, contro il 99% della popolazione che – comodamente dalla propria postazione relax – se ne frega dei vostri deliri e vive comunque tranquilla. Solo voi squilibrati pazzoidi continuate a frustarvi le natiche come dei papaboys, in cerca di qualcosa che non esiste (e neppure serve). Comunque sappiate che nei prossimi mesi Microsoft vi farà altre sorpresine, ed io sarò qui pronto a dire: “ve l’avevo detto”. FUCK 🤣🤣🤣🤣🤣

        • Il busca ha detto:

          @Mario, sei utile come le tette su un maiale. ahahah. Rido con te ma anche di te. Soprattutto di te.

  3. 500spiccioli ha detto:

    #Mario
    Quando si perde la ragione si diventa volgari. Hai confermato di essere un deficiente sociale. 😣
    Perché non ti cacciano, non lo capisco. Esprimi le tue opinioni sulla notizia, non offendere gli altri partecipanti e vivi sereno senza invidia e deficienza. Ma allo stato attuale saresti da cacciare perché continui ad insultare rendendo la sezione dei commenti di questo blog una infima taverna. 👎

  4. Elementary ha detto:

    Il busca: atteggiamento da troglodita quello dell’utente Mario, senza dubbio, ma non si può dire che la sua visione di insieme sia illogica, specialmente per quanto riguarda lo sviluppo ed il riutilizzo delle moderne tecnologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *