• 3 commenti

Il capo di Xbox non vede Sony e Nintendo come principali concorrenti, Amazon e Google saranno i veri competitor in futuro

Il capo della divisione Xbox, Phil Spencer, durante un’intervista con Protocol ha rivelato come non considera ormai Sony e Nintendo i principali concorrenti di Xbox, bensì i principali competitor guardando il futuro saranno probabilmente Google e Amazon.

Phil Spencer spiega che nonostante abbia un grande rispetto per Sony e Nintendo, se deve guardare nei prossimi anni sono Amazon e Google con la propria infrastruttura cloud i veri competitor con cui dovrà “combattere”. Le società di videogiochi tradizionali potrebbero pensare di realizzare una propria infrastruttura ma servono anni e investimenti di decine di miliardi di dollari, non è affatto facile.

Microsoft punta molto sulla propria infrastruttura cloud e proprio per questo è pronta a collaborare con Sony e Nintendo (Satya Nadella: L’alleanza con Sony per il Cloud Gaming è nata da una loro richiesta). Spencer aggiunge che non ha senso oggi “litigare” con gli attuali player quando Google e Amazon puntano a far giocare 7 miliardi di persone, il nostro obiettivo è proprio quest’ultimo.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Emanuele88 ha detto:

    PS5 e Xbox One Serie X sono ancora “classiche” quindi la guerra sarà tra di loro. Forse la prossima generazione ancora, se Google con stadia si sveglia, potrebbe essere molto diverso. Nintendo ha una strada totalmente diversa, credo che tra le big sia toccata il meno dalla “rivoluzione” cloud.

  2. Mirko ha detto:

    Diciamo che non è l’unico, sono in molti a credere che il cloud gaming sia il futuro, un azienda grande come MS si deve muovere in anticipo, altrimenti finisce come il mobile.

  3. Mirko ha detto:

    Fa anche l’accordo con Microsoft per utilizzare l’infrastruttura cloud. E lo ha fatto ora, nel presente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *