• 17 commenti

Google, multa record da 2,4 miliardi dall’Unione Europea per abuso di posizione dominante

Nel mese di aprile 2015 abbiamo visto l’Unione Europea aprire un’indagire su Google per presunte pratiche anti-concorrenziali, in violazione delle norme antitrust comunitarie (L’Unione Europea apre un’inchiesta su Google per abuso di posizione dominante).

La decisione della Commissione europea oggi è arrivata, il colosso di Mountain View è stato sanzionato con una multa record da ben 2,4 miliardi di dollari per aver violato le regolamentazioni sulla competizioni sfruttando il monopolio nelle ricerche online per favorire il proprio servizio di Shopping. In studio altri casi che riguardano Android e AdSense.

Secondo la Commissione, Google ha volontariamente dato maggior risalto al suo servizio di comparazione degli acquisti: quando un utente cerca su Google un prodotto, il suo servizio di shopping gli propone le varie possibilità accanto ai risultati in alto, quindi molto visibili. I servizi di comparazione degli acquisti dei suoi rivali, sono invece lasciati nella colonna dei risultati generici, selezionati dagli algoritmi generici. “Le prove dimostrano che il competitor messo maggiormente in risalto compare soltanto a pagina 4 dei risultati”, scrive la Commissione. Il problema è che i consumatori cliccano molto più spesso sui prodotti più visibili, e quindi su quelli sponsorizzati da Google. I numeri non lasciano dubbi, spiegano i regolatori europei: i risultati sulla prima pagina guadagnano il 95% di tutti i click, quelli sulla seconda solo l’1%.

Google, secondo la commissione, ha abusato della sua posizione dominate sul mercato della ricerca online, questo è assolutamente illegale per le regole antitrust in quanto nega alle altre aziende concorrenti la possibilità di competere ad armi pari.

La commissione europea chiede inoltre na Google di mettere fine a questa infrazione entro 90 giorni da oggi, se questo non sarà fatto ci sarà una nuova ammenda fino al 5% del fatturato giornaliero di Alphabet.

via

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Stefano ha detto:

    Come prevedibile…

  2. NeM ha detto:

    Sono convinto che la multa che arriverà per Android e ancora di più Adsense sarà ancora più forte, il mondo della pubblicità online va oltre il monopolio di google, è google.

    • marcof ha detto:

      E per le mosse sporche per affossare un potenziale concorrente? Non fare uscire nessuna app per WP, quando questo OS sembrava poter avere ancora un futuro? (che poi tanto ci ha pensato MS ad affossarlo da sola…)

  3. rafastyle ha detto:

    Giusto cosi. Ma si riferisce anche del fatto che da parecchio tempo la ricerca su Google ti propone altri risultati (sempre in materia di shopping) per i primi 2 o 3 risultati e solo dopo quello che sto veramente cercando come uno streaming?

  4. Mirko ha detto:

    Pagaaaaaaaaaa (cit.Zeb89)

  5. Miki_73 ha detto:

    Pensate a quanto cambia velocemente il mondo: non molto tempo faceva scandalo e veniva multata come cosa gravissima Microsoft semplicemente perché ti installava il suo browser assieme a Windows (che comunque potevi non usare ed installarne un altro) e confrontiamolo col fatto che oggi Google é multata perche “influenza” miliardi di persone falsando i risultati col suo motore di ricerca. A ripensare a cosa aveva fatto Microsoft fa quasi ridere…

  6. jockhorror ha detto:

    Seeeee! Tra ricorsi, appelli e strette di mano, 500€ e un aperitivo e mettono tutto a posto

  7. jockhorror ha detto:

    “quelli hanno stato i zingheri!” -Sundar Pichai, ceo google

  8. Passante ha detto:

    E menomale. Non può mica sempre solo pagare Microsoft quando Google compra tutto il mondo silenziosamente. Altro che non far uscire la scelta del browser. Forza così UE. Questi giganti che fanno i loro comodi devono pagare almeno in proporzione quello che le piccole attività già pagano ai governi. Non è possibile che paghino briciole (per quanto siano somme grandi) rispetto a ciò che fanno e il poterne che hanno. Se tassi le aziende al 70%, devi farlo anche per questi big.

  9. Antosaa ha detto:

    Meno male davvero!!! Finora l’unico bersaglio è stato Microsoft (devo dire anche da parte di molti utenti). Per non parlare dell’invadenza delle app di Google… altro capitolo che andrebbe analizzato.

  10. 00SAMU ha detto:

    EH!! Voooleeeviii monopolizzare il mondo! PAGAHHH!! pagah spilla sgancia!! Guarda che faccia!! Non se l’aspettava!!! Google è lezzoh! Si sgretola, cade a pezzih!! [semi-cit].

  11. Lorenzo ha detto:

    Non credo che per Google sia una multa poi così alta. Il problema è il solito, che fine fanno queste multe? vanno alle aziende danneggiate da Google o se li pappa l’Europa? La risposta mi sembra ovvia

    • giu_mannella ha detto:

      No, vanno a sostituire parte dei contributi che ogni stato versa annualmente all’Europa e che vengono usati per rilanciare gli investimenti e il lavoro nel territorio europeo. Non rappresentano una cifra enorme, ma non fanno certo male. Gran bel lavoro dell’Europa e della loro istituzione antitrust.

  12. samovar84 ha detto:

    Anch’io la scorsa settimana ho preso una contravvenzione per sosta vietata; ma non credo che andrò in rovina.

  13. Nicola B. ha detto:

    Pochi, ora aspettiamo quelli per Andr…Bugdroid e PlayServices

  14. Orlaf ha detto:

    Pazienza, il successo di Android andrà avanti nonostante tutto ;) ;) ;)

  15. Fede64 ha detto:

    Ok la multa, ma se questa è giusta debbono obbligarli a cambiare sistema, altrimenti sono solo briciole inutili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *