• 14 commenti

Trend Micro: Windows Phone per ora è sicuro, Android conta quasi 70.000 malware su Google Play

Trend Micro, azienda che si occupa di sviluppare protezioni dei contenuti su internet e dalle minacce che la popolano, analizzando il mondo mobile ha voluto sottolineare come il rischio di app malware è presente, soprattutto nel mondo Android.

Tra i sistemi operativi più conosciuti l’unico che ne esce male dall’analisi è quello di Google, questo è dovuto, sia alla grande popolarità di questo sistema operativo, dalla libertà da parte degli sviluppatori di accedere pienamente nella gestione del terminale e nel poco controllo sulle app pubblicare sullo Store. Windows Phone al momento non ha una quota di mercato importante tale da rendere appetibile la realizzazione di malware, nonostante questo, vista la natura della sua struttura e la certificazione di tutte le app da parte di Microsoft è considerato al momento sicuro. Stessa cosa per iOS che mantiene un alto livello di sicurezza nelle applicazioni, tranne nel caso si effettua il jailbreak del terminale.

Trend Micro fa notare come in pratica 1/4 delle app Android totali sono malware, considerando solo quelle presenti sul Play Store si arriva a 1/10 (circa 70.000 app). L’azienda fa notare che ci sono voluti 14 anni per Microsoft per attirare un volume di codice così dannoso sui propri vecchi OS.

via – via

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Alessandro ha detto:

    Su Windows Phone anche volendo non è possibile prelevare info dal terminale senza autorizzazione, anzi in molte cose neanche tramite autorizzazione si può. Questo può essere un limite per gli sviluppatori onesti, un blocco per quelli che vogliono solo fregare i dati.

    • Drak69 ha detto:

      mah ad esempio whatsapp preleva l’intera rubrica senza grossi problemi…non capisco di cosa parli xD

      • Henrik ha detto:

        Si ma se whatsapp volesse inviare un sms ai contatti della nostra rubrica non potrebbe. Se un’app volesse infettare qualcosa al di fuori dell’app stessa non potrebbe. Di questo stiamo parlando. Ah, sono sviluppatore wp, se studi l’sdk capirai che su wp il diffondersi di virus è impossibile.

        • spasko89 ha detto:

          Ciao e scusa l’OT. Dato che sviluppi per wp vorrei farti una domanda tecnica. È per caso possibile impostare un flag di qualche tipo per far sì che le notifiche toast si clickino da sole? In questo modo si permetterebbe a viber di far squillare autonomamente il telefono, senza che si rischi di non sentire il beep della notifica… È solo un’idea che ho in testa da un po’, ma purtroppo non ho molto tempo per studiare l’intero SDK etc…

      • Marco ha detto:

        Si, ma è praticamente il massimo che puoi fare. Su Android invece hai accesso a qualsiasi cosa, incluso usare la tua posta per spammare senza che tu te ne accorga, che l’app una volta avviata mandi mess a tutta la tua rubrica, che frughi fra i tuoi documenti, che cancelli la tua memoria, etc. In più non c’è un processo di certificazione sul Google Play, ma la rimozione di app dannose è fatta su feedback degli utenti già fregati (e da uno pseudo-controllo fatto con un processo che controlla le app alla ricerca di codice malevolo conosciuto, ma che a quanto pare visti questi numeri non funziona benissimo). Microsoft ci mette 5 giorni a controllare un’app, più 3 giorni a ogni update, il che è già una sicurezza. In più praticamente ogni task deve avere l’interazione con l’utente, quindi è quasi impossibile scrivere codice veramente dannoso con le API a disposizione. Poi niente è impossibile e comunque alcuni dati sono per forza di cose esposti, ma non c’è neanche da paragonare Windows Phone ad Android in termini di sciurezza. Windows Phone ha diversi difetti, ma ha anche molti pregi e la sicurezza è indubbiamente uno di questi. Ce ne corre fra accedere alla rubrica e accedere a messaggi/mail/chiamate/memoria/documenti etc etc. Naturalmente con un po’ di accorgimenti si evitano problemi (anch’io ho avuto Android e non ho mai preso niente, o almeno niente di visibile..) ma non tutti hanno le capacità/conoscenze per sapere in ogni momento cosa stanno facendo, quindi a mio avviso un sistema ben fatto deve essere pensato per l’utente più inesperto in modo tale da garantire di per se un elevato tasso di sicurezza. Spesso la “chiusura” di un sistema viene in vista in modo negativo, ma per chi con il telefono ci lavora o comunque ha bisogno di conservarvi dati sensibili, la sicurezza è fondamentale e in questo caso la “chiusura” di Windows Phone è un ottimo alleato. Pensa che le applicazioni stesse utilizzano per conservare dati una parte di memoria denominata Isolated Storage che è inaccessibile da qualsiasi altra applicazione, quindi ogni app ha come una sorta di cassaforte per memorizzare i dati che possono essere modificati solo dalle rispettive applicazioni. Questo si traduce con grosse limitazioni a livello di condivisione file (vedi i pdf aperti con adobe reader inaccessibili da altre app) ma anche con elevati livelli di sicurezza. Ovviamente poi uno sceglie ciò che più aggrada, ma ci dovrebbe essere un po’ più di consapevolezza quando si decide di comprare uno smartphone anziché un altro.

  2. Drak69 ha detto:

    Sicuramente android potrà solo peggiorare…anche se alla fine queste info sono tutte perdite di tempo. Si dicevano le stesse cose per il pc e poi alla fine bisognava essere degli allocchi per beccarsi un virus. Conclusione? si installano un antivirus gratis e stanno attenti quando hanno i loro momenti da warezzoni (perche si sa che molti prendono un android perche è facile “sbloccarlo” per gli apk di terze parti).

    • Dario ha detto:

      Concordo, però sul mobile siamo abituati diversamente. Mentre sul pc installi nella gran parte dei casi app che conosci, sul telefono scarichiamo spesso app o giochini a caso sperando di trovare qualcosa di interessante.

      Posso capire le app che sono installate sui terminali android fuori dallo store, ma quelli presenti all’interno del play dovrebbero essere sicuri al 99%.

  3. Carmelo ha detto:

    Ovviamente, Windows phone è un altro mondo ;)

  4. Francesco ha detto:

    Kaspersky Free controlla l’installazione di ogni app. Qualsiasi problema risolto.

  5. lore83sv ha detto:

    Andoid sempre primi in tutto eh! Non si fanno mancare proprio niente… IMBARAZZANTE!

  6. Simone Tosi ha detto:

    Beh ovviamente l’esca la buttano dove di pesci ce n’è di più. Creare malware o virus che sia x Windows al momento nn conviene visto la poca utenza rispetta ad android cmq Windows Phone tutta la vita :D

  7. S3B ha detto:

    Haha e gli altri 45% che non sono compatibili o che vanno in crash quando li aprì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *