• 5 commenti

Windows Phone: Il software Open Source è il benvenuto

Dopo alcune lamentele da parte di sviluppatori di Windows Phone 7, per l’impossibilità di pubblicare sul marketplace le loro applicazioni Open Source, Microsoft chiarisce la sua posizione.

Microsoft spiega che il software Open Source è il benvenuto, l’importante che non obblighi Microsoft  ad ospitare e distribuire il software Open in modalità diverseda quelle esistenti sul marketplace.
Sul Marketplace è possibile pubblicare applicazioni con molte licenze di tipo Open Source come BSD, MIT, Apache Software License 2.0 e Microsoft Public License. Presto aggiorneranno queste licenze includendo anche Eclipse Public License, the Mozilla Public License e altre licenze simili.
GPL e LGPL saranno comunque vietati, questo perchè obbliga il distributore a rendere disponibile il codice sorgente dell’applicazione per permettere agli utenti di effettuare modifiche e  distribuire l’app ad altri utenti. Un obbligo oneroso per Microsoft che gestisce migliaia di applicazioni e sviluppatori.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Anonymous ha detto:

    Che figo il pinguino con la maglia di WP :D

  2. Ely ha detto:

    E mi sembra giusto, dovrebbe creare un arai dove inserire il codice e se modificato re-inserirlo sul market, al massimo lo sviluppatore può rilasciare il codice in una sua pagina internet se vuole

  3. krak76 ha detto:

    Cioè si vuole far credere che Microsoft non è in grado di mettere in piedi un ftp con i sorgenti dei programmi sotto gpl? Ma dai!

  4. acid ha detto:

    Che sia in grado non c'è dubbio, ma per quale motivo dovrebbe farlo? Non lo dà ne Google ne Apple. Loro non avrebbero nessun guadagno e questi si muovono solo se ci sono soldi.

  5. krak76 ha detto:

    @acid: Potrebbe farlo come dimostrazione di buona volontà,visti i precedenti trascorsi "burrascosi" con la comunità del software libero, ma concordo con te che siano in grado di ragionare solo sul mero profitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *