• 5 commenti

HTC ha un profitto maggiore di LG, Motorola e Sony Ericsson

HTC pur vendendo meno terminali di LG, Motorola e Sony Ericsson riesce ad avere un profitto maggiore, il motivo? Puntare solo sulla fascia alta del mercato.

Gli altri produttori pur vendendo decine di milioni di telefoni non riescono ad avere un profitto superiore ad HTC, che grazie alla fascia alta del mercato (con terminali Windows Phone e Android) riesce a prendersi il quinto posto nella classifica dei produttori di telefoni che più hanno guadagnato nel 2010. In prima posizione

troviamo Apple seguita da Nokia, Samsung e RIM.

HTC punta ad avere 8% del profitto sul totale degli SmartPhone venduti il prossimo anno, un mercato che non conosce crisi, stimato ad espandersi a 420 milioni di telefoni venduti per il 2011.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. manu87 ha detto:

    Certo, fanno delle ciofeche e le vendono al doppio, per forza guadagnano di più.

  2. Anonymous ha detto:

    meglio di quei cessi di LG…

  3. Nando ha detto:

    Lg Optimus 7 invece si sta dimostrando un gran bel terminale, non a caso a preso il voto più alto insieme al samsung omnia 7 tra i windows mobile da engadget

  4. Davi91 ha detto:

    Molto meglio optimus 7 a 400 euro che gli HTC mozart e hd7 che costano molto di più,e di più nn hanno nnt, anzi 8 gb di memoria in meno contando pure che hd7 ha un gran difetto per quanto riguarda il display nello scrolling delle applicazioni

  5. manu87 ha detto:

    Non voglio creare un flame, io ho optimus anche perchè volevo limitare la spesa non sapendo che fine farà il sistema operativo; ma HTC la sta veramente facendo fuori dal WC. Mette le sd incassate, giusto per dimezzare le prestazioni della memoria, usa batterie più piccole, monitor così così… Se costasse 400 ci si potrebbe pensare, ma a quei prezzi pretendo di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *