• 6 commenti

Surface Pro 6 smontato da iFixit: grado di riparabilità 1, Surface Laptop 2: grado di riparabilità 0

Il team di iFixit, dopo aver ha provveduto a smontare completamente Surface Go rilasciando il classico voto sul grado di riparabilità (Surface Go smontato da iFixit: grado di riparabilità scarso), ha effettuato la stessa operazione anche per i nuovi Surface Pro 6 e Surface Laptop 2.

Come spesso accade per questo tipo di device, Surface Pro 6 ha ottenuto solo 1 come grado di riparabilità (dove 10 è il valore massimo della facilità di riparazione). Purtroppo per realizzare device dallo spessore ridotto, gli ingegneri rendono veramente difficile riparare questi prodotti, in particolare sul Surface Pro 6 l’unica nota positiva per quanto riguarda lo smontaggio è l’utilizzo di viti torx standard.

Surface Laptop 2, come anche il predecessore, ha ottenuto invece 0 come grado di riparabilità, il team di iFixit parla di un device non studiato per essere aperto e riparato.

Di seguito il video del teardown di iFixit:

Per restare sempre aggiornato su tutte le notizie relative a Windows Phone puoi seguirci anche tramite la nostra app ufficiale , dal nostro canale Twitter e dalla nostra pagina ufficiale Facebook

  • Mirko

    Un peccato, purtroppo la massa vuole device da 7mm e sono obbligati a fare questo, l’arte di riparare un dispositivo anche a distanza di anni (o decenni) è finita

    • ilmondobrucia

      “la massa vuole” per fortuna ci sono dispositivi leggeri e piccoli da poter essere trasporti senza troppi problemi…
      Esistono ancora portatili da da 2,5kg e ci puoi fare tutti gli upgrade che vuoi e riparazioni a iosa …

    • Dexter

      Le alternative ci sono, l’importante è quello. Un surface invece è fatto apposta per avere la miglior mobilità possibile, e ci mancherebbe che fosse il contrario.

    • CarMan

      La massa non vuole niente. La massa mangia quello che gli metti nel piatto.

      • Luca Serri

        Ceeeeeerto, come no.

  • Miki_73

    Solido discorso inutile. Ormai si fanno dispositivi portatili spessi meno di uno smartphone e con una autonomia di una giornata intera. Impossibile siano “riparabili” (specie nel fai da te). Ormai la scheda è praticamente un pezzo unico, non ci sono quasi componenti singoli da riparare. Infatti quando lo mandi alla casa madre per un guasto spesso ti cambiano la scheda intera o addirittura te ne danno uno nuovo. Discorso a parte per la RAM o l’SSD che dovrebbero fare in modo siano accessibili ed espandibili o perlomeno con la possibilità di scegliere vari tagli in fase di acquisto a PREZZI RAGIONEVOLI. Otto giga di ram o 500giga di SSD in più non possono superare il costo del dispositivo il prezzo sul mercato è di poche centinaia di euro.