• 11 commenti

L’acquisizione ZeniMax/Bethesda da parte di Microsoft passa alla valutazione della Commissione Europea [AGG. x2 – Approvato]

Nel mese di settembre dello scorso anno abbiamo assistito, anche con un certo stupore, all’annuncio da parte di Microsoft dell’acquisizione di tutto il pacchetto di ZeniMax Media, proprietaria di molti team di sviluppo e giochi di famose serie (Microsoft acquisisce ZeniMax/Bethesda per ben 7,5 miliardi di dollari!).

L’acquisizione di ZeniMax/Bethesda da parte di Microsoft passa ora alla valutazione della Commissione Europea che ha ricevuto in questi giorni tutta la documentazione necessaria. Il verdetto da parte della Commissione Europea su questa acquisizione avverrà il 5 marzo 2021, solo in quel momento Zenimax potrà entrare a tutti gli effetti nell’assetto societario di Microsoft.

Ricordiamo che questa acquisizione porterà nel team Xbox circa 2.300 persone in tutto il mondo che lavorano attualmente per Bethesda Softworks, Bethesda Game Studios, id Software, ZeniMax Online Studios, Arkane, MachineGames, Tango Gameworks, Alpha Dog e Roundhouse Studios. Inoltre la stessa Microsoft ha già comunicato che intende portare ovviamente anche i prossimi titoli di Bethesda gratuitamente su Xbox Game Pass il giorno stesso del loro lancio su Xbox o PC.

Aggiornamento x1 – 08/03/2021

La Commissione Europea in queste ore ha approvato l’acquisizione ZeniMax/Bethesda da parte di Microsoft per una cifra di ben 7,5 miliardi di dollari senza mettere nessuna condizione sull’accordo.

Aggiornamento x2 – 09/03/2021

Microsoft ha appena annunciato di aver completato l’acquisizione di ZeniMax Media, società madre di Bethesda Softworks, attraverso un blog post dedicato su Xbox Wire. Grazie a questa acquisizione, Xbox dà il benvenuto ad otto studi di sviluppo di incredibile talento, tra cui Bethesda Game Studios, id Software, ZeniMax Online Studios, Arkane, MachineGames, Tango Gameworks, Alpha Dog e Roundhouse Studios, e le loro appassionate community di giocatori.

Entro la fine dell’anno Xbox condividerà nuove prospettive sui propri team di sviluppo ma, nel frattempo, per celebrare al meglio questo momento speciale, nel corso di questa settimana nuovi giochi Bethesda saranno inclusi all’interno di Xbox Game Pass.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Arcturus ha detto:

    “L’acquisisce”?

    Forse volevate dire “L’acquisizione”. 😁

    • Tonyxx85 ha detto:

      Ovviamente :)

    • Il busca ha detto:

      Intanto… addio Stadia… do solo 2 anni. Fallimento totale di Google. E miliardi di dollari cestinati.

      • Arcturus ha detto:

        @il busca

        Se per questo credo che anche xCloud di Microsoft farà la stessa fine. C’è poco interesse verso il gaming in streaming. In più con la corsa all’hardware degli ultimi tempi (fra PS5/Serie X/nVidia ed AMD…e fra poco anche Intel) uno che vuoi che se ne faccia di input lag o problemi di connessione, quando il più diretto hdd pieno di titoli acquistati fa già il suo dovere egregiamente? Vedila così…queste soluzioni sono ancora premature.

        • Arcturus ha detto:

          P.S: E per inciso…PS5 e Xbox X risultano introvabili quest’anno, e pare che questa notizia stia dando parecchio fastidio a migliaia e migliaia di utenti che pagherebbero fiumi d’oro pur di averne un esemplare subito.

          • Il busca ha detto:

            Ti devo contraddire… il gaming in streaming sarà il futuro. xCloud funzionerà perchè funziona già molto molto bene il GamePass (con Epic e EA… cosa ti aspetti di più???). Sony non ha e non ha mai avuto la stessa infrastruttura di XBox, ma farà bene. Per gli altri non esiste più nulla da mangiare. E il business scompare. Non importa se ti chiami google, incassi, leccih le ferite e chiudi. Cosi si deve fare. Ci si prova e se il caso, si molla.

          • Il busca ha detto:

            Anche se compri una 3080. I chip non ci sono. Gli scarti sono tantissimi a causa di manifatture da 7nm e 5nm. Chissà se il gioco vale la candela.

          • Arcturus ha detto:

            @il busca

            Infatti sarà il futuro, ma non a breve termine. Sai quante volte la mia 200mbit (che è anche eccessiva come velocità media nazionale) è andata in blackout nell’ultimo anno? E questo è uno dei motivi per i quali, al momento, continuerò a propendere verso una classica piattaforma locale (cosa che non escludo faranno anche altri).

          • Arcturus ha detto:

            P.S: Chi è più fortunato avrà già un pc potente, quanto basta per attendere che la produzione delle nuove 3xxx si stabilizzi.

          • Il busca ha detto:

            nelle grandi città, Milano per esempio, la qualità della FTTH è buona (sia in connection che transport). ping da 1 a 4ms. La media nazionale farà poco testo. Il digital divide in italia è importante e resterà tale. Tuttavia, la qualità della banda è obbligatoria anche per i giochi online (oltre il 75%) e non solo per quelli in streaming. Quindi con 40mbt e il trottling di una adsl non potrai mai giocare seriamente (in tanti giochi saresti ucciso senza neppure capire il perchè).

          • Arcturus ha detto:

            @il busca

            Finché rimarrà privilegio di pochi non ci sarà mai un vero passaggio generazionale. Bisognerebbe investire pesantemente sulle infrastrutture come bene di prima necessità (Internet ornai non è solo gaming), eliminando quello schifo di rame totalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *