• 9 commenti

Windows 10 21H1: Microsoft ufficializza il nuovo update e avvia la fase Beta per gli Insider

Microsoft, tramite un post sul proprio blog, ha appena ufficializzato Windows 10 21H1, il prossimo “grande” aggiornamento in arrivo entro la prima metà del 2021 dedicato a tutti gli utenti Windows 10.

Come ampiamente comunicato dai vari rumor, Microsoft ha in programma il rilascio di due aggiornamenti entro la fine dell’anno: il 1° identificato dalla nomenclatura 21H1 sarà come gli ultimi update rilasciati un aggiornamento minore che andrà ad ottimizzare e ad apportare modifiche marginali, il 2° identificato dalla nomenclatura 21H2 sarà invece un aggiornamento importante che andrà a rinnovare anche graficamente il sistema operativo.

In particolare Microsoft comunica che oltre alle varie ottimizzazioni e correzioni, con Windows 10 21H1 saranno aggiunte le seguenti funzioni:

  • Supporto multicamera su Windows Hello con possibilità di impostare la camera predefinita da utilizzare per l’autenticazione.
  • Miglioramenti delle prestazioni di Windows Defender Application Guard, inclusa l’ottimizzazione dei tempi dello scenario di apertura dei documenti.
  • Il servizio Criteri di gruppo (GPSVC) di Strumentazione gestione Windows (WMI) offrirà prestazioni migliori per supportare al meglio scenari di lavoro da remoto.

Per l’occasione Microsoft ha anche iniziato a rilasciare la prima build di Windows 10 21H1 (versione 19043.844) per gli utenti Insider iscritti al ramo di sviluppo Beta.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Miki73 ha detto:

    Finalmente abbiamo l’ufficialità su questo fantomatico aggiornamento grafico del sistema operativo e anche una data indicativa.
    Ora bisogna capire cosa intende Microsoft per “rivoluzione dell’interfaccia grafica” ovvero se consiste semplicemente nell’arrotondare i bordi dei menù oppure se veramente metteranno mano a tutto, faranno una interfaccia moderna ed elimineranno icone e parti dei menù vecchi che in alcuni casi hanno anche trent’anni

    • Il busca ha detto:

      non vi aspettate nulla di incredibile: rounded corners, fluent here and there. un nuovo esplorer forse, ma non è detto (e anche non strettamente necessario). Le management console resteranno per ancora parecchio tempo. Rimane comunque una buona trovata pubblicitaria.

      • Arcturus ha detto:

        Non strettamente necessario non credo. Esistono file explorer già impacchettati da terzi con funzionalità multitab ed interfaccia scalabile (che come ti dissi aiuterebbe in fase di multiselezione file a spunte su dispositivi touch), che sono come il giorno e la notte rispetto a quanto già offerto in Windows 10. Comunque noto una certa dose di giustificazionismo da parte tua, nei confronti di Microsoft. E sappi che questo atteggiamento non favorisce miglioramenti. 😁

        • Il busca ha detto:

          La grafica non è mai un miglioramento. Ed è sempre e comunque soggettiva. I file explorer che citi sono dei semplici applicativi che “mostrano” e “fanno” il minimo sindacale (copia, cancella, cerca). Io non parlo di applicativi, io parlo di shell. E’ li il lavoro più grosso e non si vede. L’applicativo è il 2%, se va bene. Nulla è mai come sembra, soprattutto in un sistema operativo vecchio come Windows.

          • Arcturus ha detto:

            @Il busca

            Ti ho descritto un paio di motivi per i quali invece lo è, eppure li hai totalmente ignorati. 🤷‍♂️ Ad ogni modo non so fino a che punto il file explorer nativo sia radicato nel sistema, ma considerando che la maggior parte degli utenti lo utilizza appunto per il minimo sindacale (comunicazione con altre app, creazione di cartelle e di file, copia/condivisione di cartelle e di file, ricerca, etc…), direi che uno dei file explorer uwp di terze parti (quello più completo fra i tanti) basta e avanza. Specialmente per colmare la lacuna con gli schermi touch.

          • Arcturus ha detto:

            P.S: Basta e avanza fino alla completa transazione di quello nativo si intende.

          • Il busca ha detto:

            @Arctarus,
            non li ho ignorati. il touch non è più necessità per il mondo desktop, da almeno 5 anni. penso te ne sia accorto. e meno male aggiungo, il touch ha davvero poco senso su un portatile o su un monitor. il minimo sindacale per MS non ha alcun senso. La riscrittura parte dal basso (per essere più precisi, dalla finestra delle proprietà del file), dall’integrazione con i servizi di archiviazione remota online (onedrive, dropbox), dalla compressione e indicizzazione dei contenuti e dal mondo della condivisione (problema non da poco). Tutto questo è la shell. Spero di averti spiegato bene che rifare il file Explorer è molto, molto, molto di più di quello che pensi. D’altronde, se hai bisogno di una UWP di Explorer, scaricala e usala. A MS non interessa quello.

          • Arcturus ha detto:

            @Il busca

            Mi sono solo accorto che nuovamente ometti le intenzioni di Microsoft con i suoi Surface 2-in-1, che nascerebbero per tentare di rubare una fetta di utenza tablet ad iPad di Apple. 😁 Semplicemente Microsoft non ha mai avuto un programma chiaro al di fuori di Xbox e Azure, e si vede da come propone soluzioni parziali che non vedono mai fine o addirittura insensate come il Duo.

          • Il busca ha detto:

            @Arctarus,
            l’utenza IPAD non interessa a MS. nemmeno quella Apple ad ogni livello e nemmeno quella ChromeOS o Android. Quella battaglia è già stata vinta da anni con Microsoft 365. Office è ovunque al prezzo giusto, ed è pure un servizio premium senza compromessi. Win win. Surface è stata una piacevole sorpresa, penso non se lo aspettassero davvero. Ad ogni modo, il mercato laptop aveva seri problemi e serviva una guida, un esempio. MS lo ha dato. Sui foldable non ci crede nessuno ora. Ci sono stati i primi prodotti che hanno dimostrato clamorosamente che non serve a nulla. Ora i progetti sono stati fatti, soldi investiti e bisogna rientrare. Chi può.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *