• 6 commenti

Avira mette in guardia dallo stalkerware, la minaccia del 2021

Secondo l’ultimo rapporto di Avira sulla sicurezza informatica, lo scorso anno i criminali informatici hanno utilizzato sempre più spesso il COVID-19 come elemento chiave delle loro campagne di phishing. Gli autori di software dannosi hanno escogitato qualsiasi tipo di tattica per sfruttare le paure e la sete di informazioni degli utenti legate al coronavirus. È così che hanno indotto quelli disinformati a scaricare software malevoli sui propri dispositivi, consentendo agli autori di attacchi informatici, ad esempio, di violare i dati delle carte di credito.

Un’altra minaccia è rappresentata dallo stalkerware, ovvero programmi che spiano le loro vittime: “Da molto tempo ormai i criminali informatici usano trucchi psicologici per attirare gli utenti più inconsapevoli”, spiega Alexander Vukcevic, responsabile di Avira Protection Labs. “Attualmente ci troviamo in una situazione in cui molte persone sono alla ricerca di risposte e sono preoccupate a causa del COVID-19. Un contesto di grande incertezza sfruttabile in modo mirato.” ha continuato Vukcevic.

Dall’inizio della pandemia sono emerse delle varianti speciali di famiglie di software dannosi già note, che hanno l’obiettivo di adescare gli utenti ignari tramite le parole chiave “Corona” o “COVID-19”.

Il trojan bancario di Android, Cerberus, attira gli utenti tramite la parola “Corona”

Avira ha rilevato una variante del trojan bancario Cerberus, che si trova spesso sotto il nome “Corona-Apps.apk” e che si diffonde soprattutto attraverso campagne di phishing veicolate tramite email. La parola chiave “Corona” ha lo scopo di indurre gli utenti a installare il trojan sul loro smartphone Android.

Aumento massiccio dei trojan bancari per Android

Nel complesso, si è registrato un massiccio aumento del numero di trojan che hanno rubato le credenziali bancarie provenienti da dispositivi Android (+35 punti percentuali su base annua, come mostrato nel grafico sottostante).

“I trojan bancari hanno sempre avuto un ruolo importante nella scena dei malware per Android e quest’ultimo anno non è stato diverso. Oltre a sfruttare come “gancio” il COVID-19, usano il loro approccio classico, ovvero si travestono da applicazioni attendibili e chiedono permessi insoliti con lo scopo di ottenere le credenziali delle carte di credito“, ha affermato Vukcevic.

Un esempio per questo tipo di tattica è una variante della famiglia di trojan bancari per Android “Wroba”, che si traveste da Google Chrome per ottenere le credenziali delle carte di credito dalle applicazioni di online banking tramite un’interfaccia utente falsificata che in quasi tutti i casi è un clone della schermata di login dell’applicazione bancaria

Il COVID-19 come esca per gli attacchi informatici

Nel complesso, Avira Protection Labs ha registrato un aumento degli attacchi malware di circa il 15% rispetto all’anno precedente, con un maggiore impatto soprattutto nei primi mesi del 2020.

Il numero di tutti gli attacchi informatici bloccati da Avira è aumentato quest’anno con lo stesso ritmo della pandemia. Gli attacchi malware hanno raggiunto il primo picco ad aprile in concomitanza con la prima ondata della pandemia. In estate, con il miglioramento della situazione generale, il numero di attacchi è diminuito. In occasione invece della seconda ondata di ottobre il numero di attacchi malware è tornato a crescere di nuovo rapidamente (come mostrato nel grafico seguente).

Una minaccia sempre crescente nel 2021: lo stalkerware

Un altro software dannoso che si mimetizza attivamente e che, secondo Avira, diventerà sempre più importante nel corso dell’anno è lo stalkerware che si manifesta sotto forma di programmi dannosi, come spyware sviluppati appositamente per scopi di spionaggio, ma anche di applicazioni innocue che vengono utilizzate in modo improprio con la volontà di nuocere. Un esempio classico sono quelle utilizzate dai genitori per il monitoraggio e che spesso vengono impiegate in modo improprio per violare la privacy degli adulti. Tali applicazioni possono comunque essere scaricate legalmente dal Google Play Store.

Tra le altre cose, queste applicazioni sono in grado di registrare le chiamate, tracciare la posizione del dispositivo, scattare foto o video a distanza, monitorare i dati e condividerli con terzi tramite accesso remoto. Per mascherare queste attività e non destare sospetti nella vittima, le applicazioni stalkerware hanno una modalità Stealth che mimetizza l’app in modo che sembri un processo o un’utilità di sistema, blocca il software antivirus e ne impedisce così la disinstallazione.

Evoluzione del panorama delle minacce: le previsioni di Avira per il 2021

Un argomento degno di attenzione per il 2021 è il passaggio dal tradizionale malware PE all’utilizzo di file non PE e attacchi fileless, ovvero tecniche utilizzate per infettare un dispositivo solo con l’esecuzione in memoria del malware: non viene scaricato nessun file “fisico”, il che rende più difficile il rilevamento per i tradizionali motori antivirus.

Un altro aspetto da monitorare sono gli exploit. Ogni anno supera il precedente in quanto a lacune di sicurezza rilevate nelle applicazioni comuni. I software che utilizziamo diventano sempre più complessi e il mondo non è mai stato così connesso come oggi: ciò apre la strada agli avidi cacciatori di exploit in cerca di nuove vulnerabilità. Naturalmente, non tutti sono autori di malware ma è possibile che nel 2021 le vulnerabilità sfruttate saranno più numerose che mai.

Si nota anche un cambiamento di tipo organizzativo, che vede sempre più hacker utilizzare strumenti e malware non scritti da loro stessi, ma resi disponibili o acquistati da altri criminali informatici. Questo divide ulteriormente le due categorie “hacker” e “autori di malware” in gruppi di persone separati all’interno dello stesso business, ma è necessario che determinati gruppi e agenzie governative tengano per sé le proprie creazioni e le utilizzino solo per attacchi molto mirati contro oggetti ad alta priorità, ad esempio scrivendo e utilizzando le proprie APT (Advanced Persistent Threats).

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. 500spiccioli ha detto:

    Con il Covid molta più gente si è approcciata all’uso del web per lavorare, ritrovarsi o condividere eventi o informazioni. Dove si sente aria di affari i malviventi non tardano ad arrivare, così il web è diventata la nuova frontiera da assalire. Occorrono strategie più forti per contrastare la pirateria informatica, che subdolamente cerca di rubare i dati. Serve più attenzione da parte degli utilizzatori del web, evitare di esporsi troppo, di prestare più attenzione alle informazioni immesse nel web e alle richiesta pervenute. Certo non è facile, ma bisogna sempre dubitare di tutti e di tutto. Mai rispondere alle richieste di verifica, meglio aprire direttamente il sito o l’app per aggiornare o controllare i dati. Certo un buon antivirus aiuta, ma non è la soluzione agli attacchi. Sono dell’idea che bisognerebbe inasprire le pene per coloro che rubano i dati o ti controllano senza avviso, sono a tutti gli effetti dei malviventi. Servirebbe creare un servizio di più facile contatto con le forze di polizia informatica, per segnalare i presunti casi di attacco o anche gli stalker che non sono da meno ai pirati i formatici. Ormai il web è deve essere considerato come una vita parallela a quella reale, nel bene e male, con gli effetti positivi e negativi che si vivono, di conseguenza deve essere regolamentato e controllato e eventualmente punito. 😑

    • Arcturus ha detto:

      @500spiccioli

      La legge di per se è già gentile con gli assassini, foguriamoci con qualche ladruncolo sul web.

      • 500spiccioli ha detto:

        Arcturus: Figurarsi con gli stalker, vero? 😈

        • Arcturus ha detto:

          @500spiccioli

          Anche…però su questo potresti essere più esperto di me.

          • 500spiccioli ha detto:

            Arcturus: il lupo cambia il pelo ma non il vizio. 🐺
            Ma chi te lo fa fare? Quante volte hai cambiato nickname? 👎💩

          • Arcturus ha detto:

            @500spiccioli

            Si, sei fin troppo esperto di lupi, in quanto canidi.

            P.S: Non so quale patologia psichiatrica tu abbia, però sarebbe gradita una tua risposta nel merito dei miei commenti e non della mia persona. Il folle vallo a fare alla tua ASL. 🤷‍♂️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *