• 13 commenti

Windows 10X sarà lanciato senza il supporto alle app Win32?

Durante l’evento Surface di ottobre Microsoft ha svelato, oltre ai nuovi dispositivi hardware, Windows 10X, la versione del proprio sistema operativo ottimizzata per i device con doppio schermo (Windows 10X è il sistema operativo per i futuri dispositivi con doppio schermo!).

Nei mesi successivi le cose sono cambiate e lo stesso Panos Panay ha ufficialmente dichiarato che Windows 10X arriverà inizialmente sul mercato su device a singolo schermo e solo successivamente su dispositivi con doppio schermo (con un ovvio ritardo sul rilascio di Surface Neo sul mercato).

WindowsCentral oggi riporta un’importante novità legata a Windows 10X, ovvero la rimozione nelle ultime build interne in fase di sviluppo al supporto delle virtualizzazione alle app Win32. Questa rimozione arriva, secondo la fonte, dalla scelta di Microsoft di riposizionare Windows 10X in una fascia differente rispetto a quanto previsto in modo da competere con i Chromebook sfruttando Web App o applicazioni native UWP.

La virtualizzazione delle app Win32 sarebbe stata rimossa in quanto le prestazioni e la durata della batteria su hardware economico sono stati valutati insoddisfacenti. Tuttavia è chiaro che un dispositivo Windows senza app Win32 oggi sarebbe quasi un suicidio, per questo Microsoft prevederebbe di distribuire Windows 10X con il supporto alle app legacy tramite l’utilizzo in cloud (in maniera analoga a come accade oggi con Desktop virtuale Windows)

Almeno inizialmente Windows 10X sarà indirizzato quindi agli utenti che utilizzano principalmente il web durante il loro lavoro, nel momento che Microsoft sarà pronta sui device a doppio schermo che utilizzeranno hardware di fascia alta potrebbe invece arrivare anche il supporto alle app Win32 su Windows 10X.

Stando ai rumor, Microsoft dovrebbe finalizzare Windows 10X a dicembre di quest’anno e iniziare a rilasciare i primi prodotti nei primi mesi del 2021 (Surface Go 3 potrebbe essere uno dei primi device ad utilizzare questo OS).

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Emanuele88 ha detto:

    Microsoft si conferma avere le idee molto chiare :(

    • Il busca ha detto:

      scelta logica direi. Tutto il bagaglio win32 è troppo pesante e ha poco senso sui formati destinati a Win10X. Scelta corretta

      • Fabio Buscaroli ha detto:

        Ammesso e non assolutamente concesso che Win10X esca del tutto. Ho forti dubbi. Win10X è un banco di prova per diverse cose, tra cui Rust, React Native e altro…. vedremo quello che succede..

  2. Mario ha detto:

    Microfool o Microjoke direi che possono essere dei nomi perfetti per l’occasione.

  3. yepp ha detto:

    Bel colpo! 💪
    E’ giusto così perchè continuare a “pubblicizzare” le vecchie Win32 sarebbe stato un pessimo esempio per quei pigri di sviluppatori che altrimenti non si decideranno mai ad abbracciare le nuove tecnologie presenti nella piattaforma UWP.
    Il futuro era già tracciato sin dai tempi di Windows 8 e va verso le app moderne…
    => Lunga vita alle UWP app! 🥂🍾

    • Il busca ha detto:

      UWP non è la soluzione ideale per molte applicazioni. WPF sarà sempre preferibile in molti casi. Considerando che WinUI è esattamente disponibile per entrambi gli ambiente. Tuttavia penso a una miriade i PWA e React Native come client.

  4. 500spiccioli ha detto:

    Sicuri che il titolo sia giusto? Non è che avreste voluto scrivere ” Windows 10X sarà lasciato senza avviso” visto i precedenti di Microsoft? 😜

  5. 500spiccioli ha detto:

    #Emanuele88
    Per lasciato intendevo abbandonato… 😏

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *