• 106 commenti

Microsoft parla di un Surface “tascabile” in una e-mail interna | Andromeda

Da diverso tempo si parla di come Microsoft sia a lavoro su un nuovo dispositivo pieghevole (nome in codice Andromeda) che utilizzerà proprio Windows Core OS. L’idea della casa di Redmond sarebbe quella di portare un dispositivo mobile che si allontani dai classici smartphone (nonostante avrà funzionalità telefoniche) e creare un nuovo mercato per gli utenti interessati a questo device (in maniera analoga a come fatto con i 2-in-1 Surface Pro).

I colleghi di TheVerge riportano oggi di essere venuti a conoscenza di una e-mail interna a Microsoft dove si cita chiaramente un dispositivo Surface “tascabile”. Il colosso di Redmond parla di questo device come una nuova categoria di prodotto che influenzerà la roadmap complessiva di Surface e renderà meno nitida la linea tra ciò che consideriamo PC e Mobile.

Nel documento trapelato si parla diun nuovo fattore di forma di Surface, un device tascabile che unisce hardware e software per creare un’esperienza innovativa personale e versatile“.

Ricordiamo che Joe Belfiore lo scorso anno aveva comunicato come il mondo stia cambiando velocemente e che inesorabilmente si va verso qualcosa che va oltre il semplice PC e Smartphone, questo grazie alla potenza di calcolo che diventa più economica, il cloud più potente e l’intelligenza artificiale (Joe Belfiore: Il mondo sta lentamente andando su qualcosa che va oltre il semplice PC e Smartphone).

Stando ad un documento trapelato recentemente, questo nuovo dispositivo Surface chiamato in codice “Andromeda” dovrebbe essere rilasciato già entro fine anno, ovviamente come tutti i progetti interni le cose possono cambiare durante lo sviluppo (Andromeda – Il dispositivo Mobile di Microsoft in arrivo entro fine anno?).

Non ci resta che attendere!

Per restare sempre aggiornato su tutte le notizie relative a Windows Phone puoi seguirci anche tramite la nostra app ufficiale , dal nostro canale Twitter e dalla nostra pagina ufficiale Facebook

  • Emanuele88

    Direi che ormai non ci sono dubbi sull’esistenza di questo dispositivo

  • Mirko

    Speriamo in prezzi umani, per me i 1200€ arrivati per iPhone sono già abbondantemente fuori misura.
    Comunque sono proprio curioso, il team Surface ha sempre lavorato ottimamente fino ad oggi, mi aspetto grandi cose

  • Daniele

    hahaha 😀

    W il lumia 630 allora

  • Con Whatsapp che è ancora Silverlight e lo stesso vale per Telegram, con le app di FB che crashano e laggano, senza app bancarie o app adatte ai professionisti … dove pensano di andare?

    • Daniele

      Tutte le fonti dicono che questo fantomatico Surface mobile NON supporterà silverlight, quindi da questo punto la cosa è più complicata. Magari arriva una nuova versione per WhatsApp e le app super note, per il resto, non credo che MS inizialmente lo “venderà” come uno smartphone. Sarà più un tablet superportatile con penna (potendo richiuderlo) con funzioni telefoniche, pian piano cercheranno di sostiruire uno smartphone in maniera completa, ma non subito. Questo almeno secondo me

      • Si, ma resta il fatto che un tablet superportatile senza app serve a poco.

        • Daniele

          o.O cioè i tablet surface servono a poco?????????

          Sono gli UNICI veramente utili, gli altri sono semplici smartphone con schermo grande, non diciamo cavolate

          • Sono ottimi fino a quando li usi come notebook, se cerchi di usarli come tablet sono tremendi.

    • Luca Serri

      Come già detto altrove, se arriverà non sarà sicuramente un dispositivo per la massa, non sono certo così id10ti. A meno che non riescano a inventarsi qualcosa di così incredibile da far passare in secondo piano le app, ma ne dubito.

    • Signor Citrus

      Ma ancora con la storia delle app?
      Ma l’hai capito che questa app non servono a una mazza nella maggior parte dei casi?
      Adesso è tutto su internet. Tanto che Google sta rilasciando software direttamente su browser a anche Google vuole portare webapp come standard.
      Ma prima di farlo si prenderà altri miliardi di dollari dalle app dei consumatori polli che continuano a usarle e comprarle.

      • Orlaf

        Intanto però quelle che servono e non ci sono, non possono essere utilizzate (perché non concepite per un utilizzo tramite browser).

        E non entro nel merito di quelle che ritieni utili, in quanto tu ed io abbiamo idee divergenti di utilizzi in mobilità.

        • Signor Citrus

          Vedrai appena Google si muoverà seriamente verso lo sviluppo di webapp le cose cambieranno rapidamente.

          • Orlaf

            Ed io non nego il cambiamento, solo che deve essere proporzionale alle necessità.

            Figurati a me cosa importa se domani tutti passano alle PWA.

            Se funzionano bene e fanno ciò che prima facevano le app native, per me comunque non ci saranno problemi.

          • Fabio b

            Come per tutti. Ma attenzione PWA è una tecnologia, WebApp è un concetto.

          • Fabio b

            Ti farei notare che Google è già piena di WebApp. Ma scusa, cosa intendi per WebApp? perchè secondo me stai facendo davvero molta confusione.

          • Signor Citrus

            Possibile, servizi tramite browser che usano anche qualche parte software del dispositivo occupando quindi pochissima memoria.

        • Fabio b

          Definire “quelle che servono” please. La cosa mi sembra piuttosto soggettiva o sbaglio? a me ne servono due WA e SIGNAL. Ma questo sono io.

      • Luca Serri

        Probabimente a te bastano quelle, ma ce ne sono diverse che non possono essere sostituite dal browser (oppure solo in parte), quindi non puoi generalizzare e tirare fuori la solita scusa degli utenti polli.

        • Orlaf

          A quanto pare il rosic di bruno si estende anche via email. Attenti… https://uploads.disquscdn.com/images/ae8657ac4ecf27ff86696024c02c4a77a513afc0ccabfb6c18907656a9c72a61.png

        • Signor Citrus

          Fammi un esempio.

          • Luca Serri

            Puoi dare un’occhiata alle cose che fa IFTTT, per esempio quelle integrate con il sistema operativo (Android o iOS) e quindi non sostituibili dal browser. Oppure alcune app di messaggistica, come Wechat o Snapchat (che da noi non sono così popolari ma altrove sono usatissime). O gli impianti di sorveglianza/allarme gestibili da app. O le fotocamere Canon che tramite app possono essere comandate dal telefono e anche inviare a questi ultimi le foto scattate (utile per chi è in vacanza o comunque non ha dietro il PC). Oppure alcune promozioni usufruibili solamente tramite app mobile (al volo mi vengono in mente Roadhouse e Foodora). O anche alcune cose dipendenti dai permessi offerti dal sistema operativo (per esempio gli oggetti flottanti in Android).

            Come vedi, di casi ce ne sono. Puoi dire che non ti interessano e ci sta (pure a me diverse non interessano), ma questo non significa che siano inutili e che gli utilizzatori siano stupidi.

          • Signor Citrus

            Senti, ma per chi utilizza normalmente il telefono (quindi la maggior parte della gente) pensi che gliene fregherebbe qualcosa di quello che hai appena scritto?
            No, a tranne poche cose il resto é roba inutile.

          • Luca Serri

            Il tuo errore (tralasciando il fatto che stai con i paraocchi e pensi solo per te) è che ritieni qualsiasi minoranza insignificante, quando non è proprio così. Una minoranza di persone usa IFTTT, una minoranza di persone usa l’app di Canon, e questo vale anche per molte altre cose: sono tante e se le metti tutte assieme hanno un peso enorme. In altre parole, anche se prendi un utente con poche esigenze è altamente probabile che prima o poi si vada a “scontrare” con qualche cosa che W10M non fa o fa peggio per colpa dell’app in questione. Ne ho visti veramente tanti di casi del genere: all’inizio tutto bellissimo, poi pian piano sbucano le app, e salvo pochi “irriducibili” si finisce per migrare altrove.
            Ma non lo dico per cattiveria, al contrario ho sempre amato moltissimo Windows Phone, ma è inutile e privo di senso chiudersi a credere di essere una setta di intelligenti in mezzo a un mare di idioti. Se hai un briciolo di obiettività, prova a pensare che forse se abbandonano persino tanti utenti storici un motivo deve esserci. (Cioè, persino unmondodipecore che per mesi ha rotto le OO dicendo che con il browser si fa tutto (con tanto di insulti vari) alla fine si è preso un Android perché gli serviva per una cosa non fattibile con W10M…)

          • Signor Citrus

            La minoranza non la ritengo insignificante. Ritengo insignificante complicarsi la vita con questi apparecchi tecnologici quando ce ne sono due o tre che potrebbero essere universali e andare bene per tutte le persone del mondo.
            Quindi basta prenderci in giro e guarda la realtà.

          • Luca Serri

            Non è complicarsi la vita, al contrario ognuna di queste cose seppur non necessaria è una comodità per qualcuno. Ma a questo punto nemmeno lo smartphone stesso è necessario, visto che si vive lo stesso anche senza. Tu dovresti guardare la realtà dei fatti, invece di pretendere che le tue preferenze debbano valere per chiunque. Ciò che va bene a te non va bene per altri, è inevitabile.

          • Signor Citrus

            Se passi da un estremo all’altro. La comunicazione ci sta, nell’antichità umana le strade erano l’internet che é oggi.
            Ma molte altre cose non servono a niente perché ci sono altri metodi più validi.
            E comunque tornando in tema non ho detto che tutto può essere basato su web, però la maggior parte dei servizi base si.

          • Luca Serri

            1) Il discorso è sempre quello che ti ho ripetuto più volte: non puoi basarti solo sulle tue preferenze per generalizzare. Per te i servizi basilari sono alcuni, ma per qualcun altro può essere fondamentale un’altra app che per te è inutile.
            2) Anche supponendo che con servizi base si parli di cose utilizzate dalla maggior parte dell’utenza, il tuo discorso comunque cade: come detto prima, è altamente probabile che anche un utente medio prima o poi si trovi davanti qualcosa di “secondario” che W10M non permette, e perché dovrebbe rinunciare a una comodità in più? Solo perché tu hai deciso che 2-3 cose scelte da te devono andar bene per tutti? Lo capisci che non ha il minimo senso?

          • Signor Citrus

            No caro, i servizi base quelli sono e quelli restano.
            É da migliaia di anni che é così.
            Stai vaneggiando.

          • Luca Serri

            Non sto vaneggiando, sto semplicemente provando a farti capire che tu non sei il mondo e non puoi imporre la tua personale visione. (Comunque non hai risposto alla domanda 2.)

          • Fabio b

            Sei troppo superficiale e grossolano. Duo o tre? E la concorrenza? Non sarai mica comunista? 🙂

          • Signor Citrus

            Tre, 10 vanno bene…
            Avere invece centinaia di cose che fanno fondamentalmente la stessa cosa é solo uno spreco di tempo e risorse per l’ambiente e per l’umanità stessa.

          • Fabio b

            Se analizziamo la funzionalità, escluso il controllo di un device fisico come la fotocamera CANON e tutto il modo di trasmissione limitrofa (BT, NFC…), tutti gli esempi che hai citato, sono tranquillamente riproducibili.

          • Luca Serri

            Mi elencheresti per ogni singolo esempio che ho fatto almeno un modo per fare esattamente le stesse cose con un W10M? (Con IFTTT un esempio per ogni applet per iOS o Android.)

      • Sviluppo webapp per lavoro. Per adesso ci sono grosse limitazioni e non tutti sono disposti a rinunciare alle applicazioni native.

        • Fabio b

          Le applicazioni native richiedono circa 5 volte il tempo di una applicazione web. se il progetto è una cosa molto piccola, i tempi potrebbero avvicinarsi. Se il progetto è infrastrutturale (app/webapp, backoffice, shop, bi, analytics…) lo sviluppo di un applicazione nativa non più alcun senso. Troppo tempo perso, versioni, piattaforme. Gli strumenti web ci sono e sono molto performanti. Si può fare tutto, avendone le capacità, ovvio.

          • Ni. Con le applicazioni web ti porti dietro ancora certi limiti per l’accesso alla sensoristica (ora come ora mi viene in mente il sensore delle impronte, accesso ai contatti, ai messaggi, ecc) e ai dati. Inoltre non hai nessuna garanzia che il funzionamento sarà fluido e uniforme. Ti scontri poi con millemila librerie mai aggiornate o documentate e pure se vai sul classico rischi di dover studiare un bel po’, soprattutto se cerchi di fare qualcosa di particolare. Tanto dipende anche dal browser … con Chrome caschi quasi sempre in piedi, con Edge o Safari no.

            PS https :// whatwebcando . today/ Questo per vedere quali limitazioni ci sono ancora con le webapp

          • Fabio b

            I sensori è ovvio che non ci siano. Per il resto, ci sono pochi paragoni. La fluidità è un mantra che non ha più molto senso. Molte app sono fluide ma la controparte web fa 10 volte tanto. Cosi tanto che una volta sviluppate sull’app il funzionamento diventa precario. Su tutti i sistemi, le app sono sendboxed e le risorse che possono usare sono limitate. Non esistono molti vantaggi oggigiorno. Se poi pensi che un dev mi costa 280 euro giorno… la decisione è presa. I browser non sono un problema se utilizzi strumenti consolidati (Angular, React, Bootstrap, Material) già solo con questi, non hai alcun problema. Ripeto è questione di soldi.

          • Per esempio con Edge sul mio attuale Lumia:

            Camera & Microphone
            Audio & Video caputure: si
            Advanced camera controls: no
            Recording media: no
            Real-time communication: no

            Surroundings;
            Bluetooth: no
            USB: no
            NFC: no
            Ambient light: si

            Device features
            Network type & speed: no
            Online state: si
            Vibration: no
            Battery status: no
            Device memory: no

            Native behaviors
            Local notifications: si
            Push messages: no
            Home screen installation: no
            Foreground detection: si
            Permissions: no

            Operation System
            Offline storage: si
            File access: si
            Contacts: no
            SMS: no
            Storage quotas: no
            Task scheduling: no

            Input
            Touch gestures: si
            Speech recognition: no
            Clipboard (copy and paste): si
            Pointing device adaptation: si

            Seamless experience
            Offline mode: no
            Background sync: no
            Inter-app communication: no
            Payments: no
            Credentials: no

            Location & Position
            Geolocation: si
            Geofencing: no
            Device position: si
            Device motion: si
            Proximity sensors: no

            Screen & Output
            Virtual & Augmented reality: no
            Fullscreen: si
            Screen orientation & lock: si
            Wake lock: no
            Presentation features: no

            Come vedi sono tante le limitazioni. Fare una webapp sarebbe tanto difficile quanto limitante.

          • Fabio b

            Di questo fantastico elenco, cosa pensi possa essere realmente usato da una app per offrirti un servizio? geofancing?, background sync, inter-app communications? Molte di queste features hanno poca rilevanza nel mondo reale. Comunque, dal punto di vista numerico, hai ragione!

      • War 78

        Ti rendi conto del controsenso che affermi? Per quale motivo dovrebbe abbandonare una cosa che le rende miliardi di dollari? Google masochista? Dai..

        • Signor Citrus

          Perché sanno anche loro che fanno schifo, ma ci stanno guadagnando quindi aspettano. Per ora hanno il vantaggio di permettersi di aspettare.

          • War 78

            Appunto, non credo parliamo di mesi..

          • Fabio b

            Ma tu cosa ti aspetti? Quanto sei disposto a pagare? Perchè se le vuoi gratis……

      • Fabio b

        Quello che dici è una tendenza generale. Ma gli investimenti fatti, saranno fatti fruttare fino all’ultimo. Non si fa beneficienza. Solo l’utente finale la fa: disposto a testare per 0 lire.

    • yepp

      WhatsApp NON è un’app Silverlight, ma è un’app nativa per WP81 che utilizza il Windows Runtime.
      Al massimo puoi lamentarti che non è un’app UWP per W10M.

      • Luca Serri

        Hai una fonte che provi questa tua affermazione?

        • moichain

          fonte? ma se legge solo topolino!!!

          • Luca Serri

            Quando gli fa comodo le fonti le trova. Poi ovviamente le rimaneggia a modo suo.

        • ilmondobrucia

          Ci sono articoli su internet che dicono che potrebbe uscire una nuova versione di WhatsApp Universal app.
          Le cose sono due: o sono io che non capisco quello che leggo o lui è un genio … O anche postato sopra un articolo di Windowscentral

      • WhatsApp È SILVERLIGHT.

        • Fabio b

          E quindi, il runtime è ottimo. Qual è il problema? Si vede che non ci avete mai lavorato seriamente.

          • Luca Serri

            Non entro nel merito della bontà di SL in sé (anche perché l’ho usato troppo poco per poterlo giudicare a modo), il potenziale problema sta nel fatto che se (e sottolineo se) i rumor fossero confermati l’ipotetico dispositivo definitivo di Microsoft non potrebbe usarla non essendo una UWP app (che sono RT). Poi oh, sono discorsi del tutto ipotetici perché sappiamo poco e nulla, quindi per ora non vedo motivi per cui dovremmo preoccuparcene.

          • bruno

            Come si sviluppa con xamarin?
            Mai provato?

          • Shalashaska

            Xamarin è una delle cose più merdose mai partorite sulla faccia della terra.
            Poi c’è Xamarin Forms che è anche peggio.

          • Fabio b

            E’ decisamente semplice. Le librerie sono buone e Xamarin.Forms risolve quasi tutti i problemi che puoi avere. Se cerchi una soluzione nativa, è un ottimo e veloce compromesso. Senza dubbio uno dei migliori. Consigliato.

      • ilmondobrucia

        “watsApp per Windows Phone è una delle poche applicazioni su Windows 10 Mobile di oggi che continua a ricevere aggiornamenti frequenti dal suo sviluppatore. Purtroppo, l’app è basata su Silverlight, che è ciò che le applicazioni sviluppate per Windows Phone 8.1 utilizzate nel 2014. Questo significa che l’app non è Universale Piattaforma Windows app (UWP) e come tale non funziona su tutti i Windows 10 piattaforme e dispositivi oggi disponibil”

        Fonte è Windowscentral (tradotto con translate) del 15 giugno 2018

        • Fabio b

          SL non era male per nulla. Mi ha dato parecchie soddisfazioni.

    • Fabio b

      da 8.1 in avanti SL non è praticamente più presente se non per conpatibilità. Ad ogni modo, SL è stato un runtime di tutto rispetto e funzionava davvero bene. Io ne ero molto soddisfatto.

      • Lo so. Ai tempi avevo fatto un paio di applicazioni in Silverlight e mi ci trovavo molto bene. Poi non ho più seguito lo sviluppo. Ho provato a fare un client UWP per comprare i biglietti per il trasporto urbano ed extraurbano della mia città (poco più che una webview) e mi è stato chiesto di rimuovere l’applicazione dello store, quindi ho lasciato perdere del tutto.

        • Fabio b

          Accidenti! mi spiace.

  • War 78

    Sono curioso, vedremo cosa combinano

    • Fabio b

      Spero non esca mai. Il mercato non lo vuole. Non è ne carne ne pesce. Bah.

      • bruno

        Tu sei il mercato.
        Giustamente.

        • Fabio b

          Lo hanno già congelato. Era prevedibile. Marketing essenzialmente. Ha davvero poco senso. Sarebbe un dispositivo premium. Se sei un pro, non puoi fare a meno del laptop. Huawei ha marcato la differenza e lo ha fatto molto bene.

          • bruno

            Il mercato si crea.
            Guarda iphone quando é uscito, oppure surface e i 2-1.
            Se vuoi innovare fai cosi, se vuoi seguire il grege e non rischiare , continui a fare la stessa minestra per anni e anni,guarda iphone 6/7/8.
            La novità di questi anni é stato il nouch , lo schermo senza bordi e allungato da far sembrare un telefono un cambi canali,il 3D touch di apple che neanche é 3D touch.
            Microsoft ha innovato,e gli altri copiato, guarda il dex, la scansione dell’iride,il triflash RGB e molte altre , ma ha perso la scommessa telefonia.
            L’ha persa perché ha un marketing ridicolo e ha purtroppo lottato alle condizione di google e apple,partendo con almeno 4anni di svantaggio.
            L’unico modo per vincere é creare un nuovo mercato.
            Il mercato non decide nulla é il marketing che decide.

          • bruno

            Non hanno congelato nulla.

          • Fabio b

            Il progetto Andromeda è stato certamente congelato e se non del tutto cancellato – fonte Mary Jo Foley. Non puoi nemmeno paragonare iPad a Surface. Come fai? Uno è un PC l’altro è un giocattolo. Dai

          • bruno

            In pratica dai ragione alla fonte che ti da la notizia che preferisci o che ti fa piu comodo.
            Windows Central dice il contrario.
            Il memo che fa riferimento the verge é stato scritto da panos panay e parla del Surface Andromeda.
            Inutile dare conclusioni affrettare.
            Io spero che esca qualcosa, sopratutto qualcosa di innovativo in questo marasma di nulla assoluto sperando che si superi il problema store per idioti ,come era una volta prima,con piu liberta nellusare un prodotro/device/terminale.
            Tu speri che non esca perché crollerebbe tutto il tuo mondo,problemi tuoi e android farebbe la fine del sorcio.
            Il mercato non sceglie,il mercato dei fa.
            Android con una vera concorrenza non esisterebbe su mobile.
            Io non li paragono surface e ipad.
            Purtroppo la Apple non la pensa come te.
            “Ipad pro il sostituto del pc”
            Lo dicono e pubblicizzano loro.

          • Fabio b

            E tu gli credi? Foley non è esattamente una pinco pallino. Io spero che escano novità che hanno senso perchè con MS lavoro e lavoro bene. Android è ottimo ma l’ecosistema MS è piuttosto impareggiabile come costobeneficio e time to market. Sai gli sviluppatori costano soldi se vuoi un prodotto fatto bene.

          • bruno

            E tu credi a foley?
            Dai fai il serio.
            Se vuoi vedere quello che ti pare problemi tuoi.
            Windows Central e the verge, mica sto parlando di siti dove si parla solo di apple.
            Uno é il principale e piu famoso sito dove si parla di microsoft, il secondo é il principale sito al mondo in fatto di importanza e non sono di cert gli ultimi arrivati..
            Android é ottimo lo dici tu.
            Per me é un accozzaglia di codice se avrebbe un concorrente vero ora sarebbe si e no al 25%.

          • Fabio b

            Si vede che non sei un programmatore e parli per sentito dire. Android è meno peggio (molto meno) di quel che si dice (i programmatori di app non lo so). Amo The Verge per tante cose ma non per le notizie tecniche. Windows Central non è nemmeno paragonabile a ZDnet. Opinione mia ovvio. Più famoso di che? Penso che i dati in tuo possesso non siano esattamente corretti (ArsTechnica dove la metti?).

          • bruno

            The verge ha in mano un documento Interno dicono “mail memo” di panay.
            la foley parole dette da fonti incerte,cavolo credo a lei perché mi fa comodo.
            Certo per valutare android bisogna essere programmatori,quindi per valutare una TV bisogna essere ingegneri, per valutare una mela un fruttivendolo o almeno laureato in agronomia,per valutare windows 10 devi essere laureato in almeno 3 campi,per valutare una macchina un pilota/ingegnere meccanico.
            Ma sei serio?
            Quindi se uno fa assistenza a pc e telefoni, non sa nulla e va a casaccio per risolvere i problemi.
            Con il tempo si acquisisce, anche sbagliando ,esperienza,piu se ne acquisisce e piu i problemi si risolvono.
            Fammi capire ,quindi tutti i meccanici nele officine sono laureato in ingegneria giusto?
            Il tuo ragionamento fila.
            Quando arriva un cliente gli dico mi spiace non sono programmatore vado a casaccio a cu.o ,pero sono 20 € l’ora.
            Lo hai scritto seriamente o era una battuta?
            Per me eri ironico.
            Android é penoso, lo uso tutti i santi giorni sia miei telefoni che dei clienti, ha una marea di problematiche che si portano avanti da versioni precedenti per no parlare dei bug sia di sicurezza e di uso quotidiano.
            Per non parlare dei nuovi i bug che creano i costruttori.

          • Fabio b

            Se compri un televisore e non sei un tecnico, l’unico giudizio che puoi dare è relativo alla tua esperienza di utente, ma non essendo tecnico, è la tua esperienza e vale solo e soltanto per te. E’ bello? E’ brutto? E’ costoso? Non penso tu possa andare molto più in la. La tua esperienza non ti ci porta, è semplice. Il tuo giudizio è chiaramente deficitario e circostanziato. Se vado da un meccanico perchè la macchina non va e non ha la mappatura della mia centralina non penso possa fare proprio nulla se non cambiarmi le gomme o l’olio. La qualità del professionista che ti offre un servizio la devi valutare tu. Ma se non hai le competenze cosa fai? Ti fidi. Non puoi fare altro. Allora se ti dicono che Android è una merda tu ti fidi. Usi degli applicativi che magari sono fatti molto male ma è Android ad essere una merda. Ti manca la competenza di comprendere il perchè un’app va bene e una no. E’ un sistema operativo molto aperto, potenzialmente dannoso, ma davvero libero. E’ molto divertente. Amavo W10M, ci ho lavorato molto e mi ha dato parecchie soddisfazione. Ma Android è un altro modo. Forse sei troppo vecchio, è come dire 8086 e Amiga. Ho un Galaxy S8 da quando è uscito (quasi 2 anni ormai) e posso dirti che va come il primo giorno, rapido come un fulmine. Certo, devi stare attentino a certe cose, ma… ormai normale amministrazione.

          • bruno

            Dimentichi una cosa semplice semplice.
            Siamo nell’era di internet.
            Forse ti sfugge questa cosa.
            Il meccanico ti monta e smonta i motore , non ha studiato e non ha nessuna laurea mio caro.
            Si chiama esperienza e passione.
            La.stessa p io esser applicata ad altri campi
            Hai detto una cavolata e
            ora cerchi di rimediare
            S8 va come un fulmine?
            Si quando é spento.
            Sai quanti ne ho ripristinati questo mese proprio perché andavano come “Fulmini” com dici tu mio caro?
            Cinta le dita delle mani e dei piedi.

          • Fabio b

            Forse tu non lo sai ma il motore il meccanico non lo smonta a meno che il tool connesso alla centralina gli dica di farlo. La passione andava bene 30 anni fa con i carburatori. Internet non c’entra nulla, si chiama elettronica. Il mio S8 va come un fulmine e la batteria dura quasi un 1,5 g. E sono soddisfatto. Certo, ti ripeto, una o due accortezze le uso. E’ probabile che Android sia troppo per te ed abbia bisogno di qualcosa che ti protegga dal mondo esterno (W10M era il massimo in questo) oppure Apple. Ti ripeto, ci vuole conoscenza, dalla conoscenza viene la competenza. In ogni lavoro che fai.

          • bruno

            Ma tu sai di cosa parli o scrivi gusto per colorare il bianco?
            Il tool dei meccanico di oggi li sanno usare i meccanici di oggi e quelli di ieri si informano e si aggiornano ma mica devono prendere una laurea per smontare un motore.
            Ma per caso vivi su marte?
            Trovami un meccanico in officina commerciale ,non i meccanici nel box Ferrari, che sia laureato in ingegneria meccanica.
            Ahahahahahha
            Il tool dei meccanici sono 3 li conosco, dato che li ho “prelevati” per un mio amico meccanico che ha 25 anni e ti smonta un motore a occhi chiusi.
            E per la cronaca non ha nessuna laurea mio caro.
            La passione c’è ancora oggi, mio caro scendi sulla terra.
            Mi spiace internet centra eccome é un pozzo di saggezza,se vuoi studiarti qualcosa basta solo la buona volontà.
            Ma il manico, non lo si trova da nessuna parte ,ne sui libri e ne su internet,si chiama esperienza sul campo caro saggio.
            Si chiama pratica quella che tu non possiedi.
            Vedi la differenza, io posso prendere un libro ,studiare e aggiornarmi , la pratica non la puoi prende da nessuna parte mio caro.
            Ma tanto sei di legno non ti entra in testa
            La batteria dura un giorno e mezzo…certo.
            Non lo usi o perennemente in risparmio energia sicuro.
            S8 ha uno schermo da 5.8 con una risoluzione di 2960×1440 con 570 ppi praticamente é un faro per le navi, con un octacore da 2,3GB/1,7GB per giunta con una batteria da 3000 Mah.
            Per giunta android ha il peggior risparmio di energia in commercio.
            Ne hai di fantasia
            Ma la finisci di dire cose, che stanno ne in cielo ne in terra per favore.
            Quindi io lo reputo penoso perch jo paura dei virus e non lo so usare.
            O forse ne ho viste cosi tante e per quello non reputo un os all’altezza ?
            Marche e modelli vari ,una volta ho trovat lo stesso bug su 5 modelli diversi di marche duverse.
            Ma si puo.
            Ahahahhahahah
            La conoscenza é una cosa, la competenza é un altra coaa e non sono concatenati mio caro.
            Se vuoi tirare su un muro devi avere il muratore quello con il manico,se vuoi rinfrescare una parere mica ci vuole un architetto.
            No no non mi risulta.

          • Fabio b

            La qualità dipende da tante cose. Il tuo amico sarà bravo quanto vuoi ma se il guasto è elettronico, i meccanici vengono meno. Non serve una laurea al tuo amico, la laurea serve a chi costruisce il tool che usa per agire sulla centralina (da almeno 10 anni è tutto controllato da essa – anche e in primis il funzionamento del motore). Lui deve solo eseguire con coscienza e attenzione e sostituire il pezzo guasto. Se smonta il motore, non risolve niente, lo deve rimontare. Tu puoi prendere un libro e studiare ciò che vuoi, ma se non sperimenti ciò che leggi, non per questo sei competente. I risultati di danno la competenza. Leggere non basta, quindi, se non eserciti, parlare non serve a nulla. Non sei attendibile.
            Cosi come non sei minimamente attendibile quando parli di performance di oggetti che nemmeno hai o conosci appieno come sono utilizzati. Quello è il tuo punto di vista. Tuo personale legato alla tua esperienza perciò limitato per definizione. Cosi come è la mia. Ma tanto vale.

          • bruno

            Esistono gli elettrauti, ma sai la differenza tra un meccanico ed un elettrauto?
            Ripeto dato che sei un po duro a capire.
            Un meccanico o elettrauto si oggi o di ieri si aggiornano ma la parte meccanica non la leggi o stufi da nessuna parte.
            Un tecnico informatico quando sistema un computer fisso o un telefono oppure un portatile,non é laureato,non gli serve la laurea basta il manico e l’esperienza.
            Nellesperieza é inclusa anche quella software oltre che che quella manuale ,ma tanto pur di portare avanti le tue fantasie.
            Ma tanto im testa non ti entra.
            Ti stai arrampicando sugli specchi smettila.

          • bruno

            Se mio nonno aveva tre palle era un flipper.
            Lasciamo perde ,non ci arrivi.

          • Carlo Gamna

            “si faccia una domanda e si dia una risposta” diceva Marzullo. Sinceramente, non avevo mai visto nessuno prima d’ora scrivere a se stesso “non ci arrivi”. Congratulazioni.

          • Fabio b

            Vedo che te ne intendi di programmazione. Consentimi una domanda: ma che lavoro fai? In che cosa sei un “manico”? In che cosa hai l’esperienza?

          • bruno

            Non ho mai detto che mi intendo di programmazione.
            Riporta dove hai letto questa mia affermazione.
            Comunque da quello che leggo, tu sei laureato in boriosità e strafottenza.
            Per farmi queste domande, vuol dire che quando colloqui non qualcuno, non hai neanche la decenza di leggere quello che ti scrive la contro parte.
            Faccio assistenza pc/telefonia da un bel po, é nata come una passione quando avevo 14 anni.
            Ho lavorato sempre nell’ambito informatico (tranne qualche sprazzo di altro) jo usato, cosi tanti sistemi operativi che te ne neanche conosci ,anche perché non ci sono piu onon si usano piu tipo TOS di spectrum.
            Tanto in testa non ti entra.
            La teoria te la dai in faccia se non hai la pratica in molti campi.
            La pratica molte volte é piu importante della teoria,uno puo fare corsi di aggiornamento o pendere attestati interni alle case automobilistiche, tipo un mio amico a 35 anni é capo tecnico nella mercedes di roma e per la cronaca non ha nessuna laurea.
            I software che ti vanti tanto per i meccanici , sono fatti da programmatori con nessuna competenza meccanica o ingegneristica meccanica, quindi piantala di die puttanat.e.
            I creatori di quadri software non hanno le competenze, devo per forza avere consulenze molto approfondite con tecnici nell’automazione e sistemi meccatronici e e meccanici con tanta esperienza senno il programma al massimo lo fanno sula frutta e verdura
            Inutile continuare,hai una visione sballata del mondo del lavoro,per fare la commessa non serve nessuna competenza di laurea ,ma tante esperienza ,al massimo saper usare office e tantissimi lavori stessa identica cosa.
            Io conosco persone che hanno laurea in infermieristica e se la danno in faccia perché il mondo del lavoro funziona in un altro modo.
            Sarai uno di quelli che quando gli si rompe il pc vai di corsa ad un negozio di informatica.
            Ahahahhaha

          • Fabio b

            Assembly? Tu sai cosa sia un linguaggio assembler per piattaforme x86 o x64? Mi vuoi stupire o è ancora una parola che hai letto da qualche parte? Al tuo amico o tuo cugino, chiedigli che prodotto usa come compilatore, e che linker usa? Inoltre, non ti voglio sminuire affatto, lavorare in un centro assistenza di porta ad una competenza relativa alla problematiche che puoi ricevere. Riparazione e sostituzione. Ma sarà davvero difficile che tu mi possa dire perchè un driver video non va a dovere, se c’è un memory leak,o se il tcp non funziona in maniera opportuna, perde pacchetti ecc, fa troppi round trip. Quello che ti sto dicendo che la tua competenza finisce la dove inizia il software. Ed è comunque tanta roba se sei davvero un manico. Quindi quando mi spazi a 360 gradi e mi parli di competenza, tendo a dubitare. La laurea mi da una certezza che alcuni argomenti tu li abbia studiati nella “maniera corretta”. Spesso la passione richiede un certo numero di errori per produrre il risultato buono. Lo studio idealmente suggerisce quasi subito il risultato ottimo. Usare un algoritmo di sort al posto di un altro, può fare una enorme differenza se sto sviluppando un motore database. Ma può fare un’enorme differenza anche se so come un motore database sviluppa il prodotto cartesiano di una query (devo decidere di restringerlo il più possibile con i primissimi criteri di selezione -> meno righe > meno risorse > più velocità = ottimizzazione. Questo è il mio dominio, il software. non sono laureato ma in 30 di programmazione ho commesso cosi tanti errori che ora, la mia competenza la ritengo davvero interessante. E vengo ricercato per questo. Tutto qui. Cerco sempre di circostanziare la mia affermazione al mondo che conosco meglio. Quando è un pour-parler, dico sempre che è la “mia opinione”.

          • bruno

            Stupire te?
            E perché dovrei?
            Ti ho solo riferirò di avere un conoscente che programma in assembly e che per giunta detto da lui ,non sa dove metter le mani dentro in pc ,piu o meno come te che chiacchieri tanto, ma non saprai neanche in che verso si montano i banchi Ram.
            Ahahahhaha
            In un centro assistenza non si sostituisce soltanto un pezzo del pc mio caro,si fa ben oltre e piu complicato.
            ovviamente come già detto e ripetuto io non uso nessun decompilatore per nessun codice, non é compito mio ,ma di altre persone.
            Quando si fa una diagnosi ad i pc non si va a cu.lo,oppure (magari)non esce nessuna scritta “tranquillo devi sostituire la Ran che o la scheda video che si é rotta o altra cosa”.
            Questa é L’esperienza personale ,solo quella ti avvantaggia in un momento come questo rispetto ad altre persone anche laureate.
            Quello che ti voglio far capire é che molte persone che non hanno potuto o voluto studiare ,o per altri motivi,avendo avuto esperienze con un minimo di studio autodidatta sono capaci e molto componenti.
            Se hai una laurea in molti campo te la dai in faccia se non fai un periodo di tirocinio.
            Il tirocinio, serve per fare esperienza.
            Appunto.
            Puoi scrivere tantissimi paroloni,quanti be vuoi ,ma non ci fai una fava in un centro assistenza, ci fa a meno che tu non insegni o voglia dare lezioni.
            Non sie laureato e quindi cosa chiacchieri?
            Sei un autodidatta e hai avuto esperienza come dico io ,con la passione e con lo studio autonomo,come fanno molte persone che non hanno un pezzo di carta ,dal meccanico al tecnico informatico.
            Quindi in poche parole stai confermando quello che dico io.
            Ahahhahahaha

          • Fabio b

            Non hai compreso. Avere la laurea significa aver studiato. Puoi aver studiato anche senza una laurea (il mio caso). La passione non c’entra una beata fava. Se sei appassionato e non hai studiato, in campo informatico, vali pochino. Tutti gli autodidatti studiano: non è esattamente come vedere un video che ti spiega. Perché se non hai le basi per capire, ti limiti a eseguire senza pensare, provare. E nel mio settore non si può fare, o meglio tantissimi lo fanno, e poi fanno lavori di merda. La pazienza ti serve per gestire lo sconforto. Tuttavia, se un driver non va, non lo puoi correggere, lo puoi solo sostituire, non sapendo neppure perché non va. I bluescreen danno sempre i memory dump, li analizzi mai? Sono molto precisi su quello che ha causato il crash(anche se non sempre, ma di solito si). Oppure cerchi il codice di errore su google, sperando che qualcuno si sia preoccupato di dumpare, capire e risolvere il problema, e applicherai quanto dice nel suo blog in maniera pedissequa? Questa è passione, questa può anche essere efficienza, ma non è competenza. Come puoi dire che Android è il peggiore SO se non lo hai mai programmato? Tu lo hai solo utilizzato. Quindi dovresti dire: in mia opinione, Android è il sistema operativo meno usabile che ci sia. Poichè le informazioni che hai, non sono sufficienti per dare un giudizio di merito. Solo pratico.

          • bruno

            Lascia perdere sei di coccio.

          • Fabio b

            Di coccio no, mai. Ma mi devi convincere. Se la tua idea è migliore della mia, dopo due secondi è mia 🙂

          • bruno

            Come faccio a convincere una persona che neanche legge i miei commenti.
            Dai rilassati che la vita continua.
            La mia idea non potrà mai essere tia se usi i paraocchio.
            Sei convinto che per valutare se una cosa fa caga.e devi essere laureato e tu che affermi questa assurdità neanche lo sei .
            Vedi che il castello di carta cade gia da solo.
            Mha.

          • Fabio b

            Avessi letto il mio penultimo commento…

          • bruno

            Ti dico la sincera verità, mi sono un po stufato e non ho temo di seguirti come a scuola.
            Chiudiamola qua.
            Tu hai una visione limitata,nel senso non hai mai lavorato al di fuori del tuo modo programmato.
            Nel mondo del lavoro che io ho conosciuto , la tua visione non esiste.
            Se hai esperienza, ti prendono senno te la prendi nel cu.o,anche perché non hanno tempo ad istruire ogni volta i pivelli.
            Buona visione

          • Fabio b

            Sai che noi facciamo il contrario? I pivelli possono essere anche bravi, e soprattutto…. costano meno 🙂
            Apparteniamo a due differenti realtà lavorative. Me ne rendo conto. Buona fortuna

          • bruno

            Anche noi facciamo il contrario mia nonna, zio Peppino e Alfredo il panettiere e Gelsomina la barista.
            Con piccolo particolare che tu non sai perché hai terminato la scuola media da poco e quindi sei qui a rompere i coglil.i ,avendo tanto tanto tempo libero.
            Io non sono un livello avendo piu di 30 anno di esperienza sul campo lavorativo e ora non lavoro per nessuno, quindi fatti due domande e datti una risposta con quel poco sale in zucca che hai.
            Volevi fare una battuta, invece lo hai preso dove non batte il sole.
            Ahahahahaha

          • Fabio b

            I pivelli bravi, si formano e si spera restino. Quando sono bravi,il prezzo lo fanno loro e lo sanno. E sono molto bravi anche a procacciarsi nuove occasioni migliori di quelle che posso offrire io. Non li biasimo. Spesso tornano. Ho un ottimo team di freelance e possiamo risolvere ogni problematica software possa venire in mente. Direi che è un buon punto di arrivo, e anche un ottimo punto di partenza per chiunque. Il buon lavoro va pagato. Sempre. E’ questo è il risultato.

          • bruno

            “I pivelli bravi, si formano e si spera restino. Quando sono bravi,il prezzo lo fanno loro e lo sanno.”
            In che paese?
            Si vede che parli cosi credendo alle favole, da quello che scrivi si nota che non hai mai lavorato in vita tua.
            Ti vedi troppi telefilm buonisti americani.
            Ahahhaha

          • Fabio b

            Da me è cosi. Sembrerà strano in italia ma in uk o Olanda, dove ho lavorato per qualche tempo, la cosa è decisamente normale. Ho provato ad applicarla qui, e direi che funziona in generale (alcune volte meno, alcune volte di più). Per ora è il nostro modo di lavorare. Il futuro non esiste, è già complicato star dietro al presente.

          • bruno

            Ho lavorato in Svizzera,Bulgaria e Francia.
            Li é molto meglio(in Bulgaria il costo della vita poi é bassissimo), qui i giovani,sopratutto dopo le varie leggi sul lavoro ,fatte prima da berlisca e poi dal suo suo figlioccio Renzi, hanno distrutto la dignità dei lavoratori, di qualsiasi eta, vengono usati a cottimo,mal pagati e con contratti ridicoli.
            In svizzera ho lavorato in nero per vari mesi prendevo quasi il doppio di uno segnato.
            Ahahhahahah

          • Fabio b

            In svizzera ancora oggi faccio qualche consulenza. Francia e Bulgaria mai stato.

          • bruno

            In svizzera dove?
            Io lugano e mendrisio,ogni tanto andavo al casino di campione d’Italia.

          • Fabio b

            Sono originario di Arcisate. Fin da piccolo, Lugano è stata la mia seconda casa. Spazio un pochino per il cantone, fino a Bellinzona. Ma ormai è poca roba.

          • Fabio b

            E lo stesso ragionamento, con le dovute attenzioni, lo applico anche per i team esterni che utilizziamo: croazia, india e cina. Se li paghi il giusto, otterrai qualità e soprattutto serietà ed affidabilità (soprattutto in india). E’ facilissimo trovare programmatori a basso costo con capacità medio buone, fuori dall’italia. Ma quelli davvero affidabili sono pochi. Non perchè siano stronzi, ma perchè prendono più lavoro di quello che posso fare e si impastano. Noi paghiamo di più anche perchè il nostro sia l’unico. Come vedi, non esistono favole, ma tante realtà con cui devi avere a che fare, e non è mai semplice. Mai.

          • Fabio b

            E comunque, è stata una piacevole conversazione e di questo ti ringrazio 🙂

          • bruno

            Certe volte si certe volte no.
            Purtroppo l’ottusità ha avuto il sopravvento troppe volte.
            Grazie anche delle risate sparse qua e la.

          • Fabio b

            MS sta già andando benone senza Andromeda. E fidati sta pure innovando in maniera sensibile. Prendi Windows Server 2019, direct storage space fa davvero paura, con performance che una san di medio livello (50k) fatica davvero a darti, con una spesa di max (25k). A te potrebbe non sembrare nulla, ma chiediti perchè il comparto server cresce di anno in anno a doppia cifra. Le innovazioni di cui parli sono presenti a diversissimi livelli e, certamente la parte consumer non è la più attraente, troppo player, pochi margini. Prendi Azure. L’innovazione non è Andromeda. Quello è pura speculazione per i markettari. Apple, ultimamente penso non abbia molto da dire. La sua innovazione è finita 5 anni fa forse. Ora cominciano i bug e i problemi anche per loro (MacBook disastroso). Non è facile.

          • bruno

            Non ho detto il contrario.
            Il fatturato cresce ogni anno,le azioni per la prima volta nella storia della Microsoft sono arrivate a 30$.
            Però manca in tassello mela sua famiglia.
            Copre praticamente tutto il mercato tecnologico.
            Dalla xbox e varie sfumature,al reparto surface fino a praticamente il monopolio sui pc desktop e gaming e portatili.
            Manca il mobile.
            Un dispositivo portatile ma piu piccolo di un netbook.
            Ti credi che bill gates molli la spugna?

          • Fabio b

            Ripeto, secondo me non serve a nulla. E quindi, fossi io a decidere, eviterei la produzione. MS non dovrebbe fare HW per nulla. Solo prototipi. E’ una ottima software house e deve fare solo software. Sarò duro ma la penso cosi anche per il mondo ludico (Xbox).

          • bruno

            Per me invece deve farlo.
            Deve colmare il buco.
            Deve farlo tramite il reparto surface.
            creare un mercato vergine ,dove può innovare e arricchire l’offerta dei surface.
            Serve eccome, quando si tratta di innovazione serve sempre.
            Liphone con il tuo ragionamento non sarebbe neanche nato.
            Di certo non lo chiedeva il mercato,anche perché a qual tempo andavano i pocket pc.
            Quando si trattano di nuove idee,che si discostano dagli altri per emergere e creare un nuovo mercato, sono sempre le benvenute.