• 13 commenti

Microsoft lancia la fase 2 dei data center sottomarini | Project Natick

Microsoft ha appena annunciato la Fase 2 di Project Natick, progetto per installare e gestire datacenter sott’acqua. Avviato nel 2015 con una fase sperimentale che ha avuto luogo negli Stati Uniti a un chilometro dalla costa Pacifica, l’iniziativa raggiunge ora l’Europa con l’implementazione di un datacenter sottomarino al largo delle Isole Orcadi, a nord della Scozia. Se nella FASE 1 di Project Natick, infatti, Microsoft ha verificato la fattibilità del progetto, in questa FASE 2 appena annunciata, il team monitorerà il funzionamento del datacenter e ne valuterà la praticabilità da un punto di vista economico, ambientale e logistico.

In uno scenario in cui il Cloud Computing è sempre più utilizzato e rappresenta un driver di crescita economica, il ruolo dei datacenter diventa sempre più cruciale, soprattutto per le aziende alla continua ricerca di soluzioni per lo storage dei dati in grado di garantire un alto livello di performance e che, al contempo, siano sostenibili dal punto di vista ambientale.

Project Natick intende quindi offrire una risposta attraverso datacenter in container che, immersi, possano beneficiare di energia rinnovabile ed essere raffreddati in modo semplice ed ecologico, risultando effettivamente a emissioni zero. Inoltre, posizionandoli in acqua, è più facile che siano vicino agli utenti finali (dal momento che oltre la metà della popolazione vive entro i 200km dalla costa), riducendo in questo modo il tempo di latenza (ovvero il tempo richiesto al dato per viaggiare dalla fonte alla destinazione) e di conseguenza offrendo servizi migliori alle aziende e alle persone.

L’iniziativa è in linea con il costante impegno di Microsoft per sviluppare datacenter in grado di garantire accesso rapido ai datiottimizzare i costi e ridurre l’impatto ambientale.

Per restare sempre aggiornato su tutte le notizie relative a Windows Phone puoi seguirci anche tramite la nostra app ufficiale , dal nostro canale Twitter e dalla nostra pagina ufficiale Facebook

  • Signor Citrus

    Grandissimi.
    Avete pubblicato una notizia importante.
    Un sistema del genere garantirebbe notevoli risparmi energetici.
    Quelli attuali ho messo sempre in dubbio il loro impatto ambientale.
    Infatti hanno bisogno di stare in regioni fredde perché generano molto calore ancora.
    In acqua, il problema si sposta a livello del mare ma é molto più tollerabile.

  • ilmondobrucia

    Vai yepp è venuto il momento di comprarsi pinne, occhiali e bombole d’ossigeno….

  • marcoesseBg

    si ma al teo si scarica la batteria…
    oh oh tornato il “cervello bruciato” finito il ban, peccato, si stava cosi bene senza…

    • ilmondobrucia

      Veramente nessun Ban. Quello bannato sei te!!! che vieni richiamato dal moderatore e ti invita di smetterla di trollare e offendere le persone.

      Il bello che io contro di te non ho nulla. E neanche mai abbiamo avuto modo di parlare seriamente, a volte posso fare una battuta ma evidentemente non le capisci e ti offendi. Mi dispiace per questo, spero un giorno ci sia modo di scambiare opinioni serie e costruttive.

    • marcoesseBg
  • DanySupernova

    Ma se si brucia una scheda o c’è da sostituire un hard disk, l’IT di turno cosa fa? Serviranno IT sommozzatori in futuro 🙂 ? A parte le battute mi sembra una gran bella e innovativa iniziativa, brava Microsoft

    • Carmelo

      concordo.. ahha l’ho pensato anche io… penso che vada riportato in superficie…

      • Cosmocronos

        Lo penso anch’io ma allo stesso tempo mi domando come sia ancorato sul fondo.

        • Signor Citrus

          Quello é il problema minore. Ce ne sono alcuni che sono molto a rischio e che potrebbero far fallire il progetto.

  • Signor Citrus

    Esatto. Questo sarà uno dei problemi maggiori da risolvere.
    Lo stesso effetto però lo ottieni sui server che sono ospitati nelle regioni fredde. Riscaldano comunque un casino.
    In acqua almeno é più tollerato e più diluito.
    Il problema é che se si installano centinaia di questi cosi sotto il mare, magari sul fondale dove le temperature sono molto più basse, si rischia seriamente di innalzare le temperature scatenando una catena imprevedibile di eventi che solo negli anni si potrà capire meglio.
    Quindi io spero vivamente che facciano centrali sottomarine di piccole dimensioni sparse per tutto il mondo per evitare concentrazioni di calore elevate.
    Spero vivamente che ascoltino i geologi, naturalisti, biologi, paleontologi etc.

  • marcoesseBg

    Xiaomi RedMiNote4 batteria 4.100mh fa’ 2 gg.

    • Teo

      A me ne basta un solo giorno ma veramente usato intensamente poi la notte lo metto sotto carica mai scarico con batteria anche al 30%

    • ilmondobrucia

      Ma figurati