• 11 commenti

Qualcomm, multa da 997 milioni di euro dall’Unione Europea per abuso di posizione dominante

Nella giornata di oggi l’Unione Europea ha comunicato di aver inflitto una multa a Qualcomm per abuso di posizione dominante, in particolare avrebbe pagato Apple per tenere fuori i rivali sui dispositivi della casa di Cupertino.

Margrethe Vestager, commissaria alla concorrenza dell’Unione Europea, ha dichiarato che a Qualcomm è stata inflitta una multa di 997 milioni di euro per aver illegalmente tenuto fuori i rivali nel mercato dei chipset LTE per oltre 5 anni.

In particolare Bruxelles parla di un accordo tra Apple e Qualcomm siglato nel 2011 dove il produttore di chip avrebbe garantito “pagamenti significativi” ad Apple in cambio della certezza di essere fornitore unico (anche nel caso di nuovi prodotti lanciati dall’azienda). Nel caso Apple avesse deciso di utilizzare un chipset diverso di quello realizzato da Qualcomm, l’accordo prevedeva il blocco dei pagamenti oltre che a rimborsi su quanto versato fino a quel momento.

Tutto questo, secondo l’Unione Europea, al fine di chiudere tutte le porte ai propri rivali, in particolare ad Intel e Mediatek.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. bruno ha detto:

    Contro google quando?

  2. Gianni ha detto:

    Mi chiedo come mai (e per fortuna) sia sempre la UE a difendere dagli squali noi poveri cittadini/consumatori…
    Gli USA se ne guardano bene…visto che tutti i colossi portano soldi (soprattutto) nelle loro casse.

    • CarMan ha detto:

      Che la UE difenda noi poveri consumatori mi sembra una dichiarazione quantomeno azzardata. Tutte le grandi multinazionali hanno i loro uffici a Bruxelles, attrezzati di un fax e basta, a cui arrivano gli “ordini di servizio” che un impiegatuccio gira ai lobbisti che si fanno portavoce presso il parlamento europeo dei desiderata delle stesse aziende.
      Se questo è “difendere i consumatori”…

    • Dexter ha detto:

      Se la Ue ci tenesse davvero a difendere dagli squali avrebbe fatto qualche piccola incursione in diversi uffici di multinazionali situate in Irlanda, cosa che non farà mai.

  3. minzi ha detto:

    a prescindere di quanto paghi deputati e lobbisti, se sei una multinazionale estera troppo ricca devi pagare ogni tot qualcosa pubblicamente

  4. ILCONDOTTIERO ha detto:

    Fatemi capire io prendo i soldi la mazzetta quindi sono compiacente e si punisce solo chi mi hai dato i soldi ?? Ah però !!!

  5. Midea ha detto:

    Ma perche la multa non la fanno ad apple?

  6. bruno ha detto:

    Questa non era male.
    Infatti tutti i servizi google non li uso.
    E se li uso lo faccio xon account falso.

    • Dexter ha detto:

      Infatti usi quelli Microsoft che sono l’equivalente esatto, solo che Microsoft ti sta “simpatica” e quindi taci.

      • bruno ha detto:

        Come al solito devi dire la tua strozata quotidiana,senno non sei contento.
        In precedenza avevo sia gmail che Hotmail.
        Ora sono rimasto con solo hotmail ,dei due.
        Uno spam zero,l’altro l’antispam funziona soltanto con le società che non pagano google.
        Ahahhahahahah
        Taci lo dici a qualla mietirtice di tua madre.

      • Luca Serri ha detto:

        È sempre divertente vedere che c’è chi è convinto di avere privacy semplicemente evitando di usare Google e i suoi servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *