• 131 commenti

Microsoft dice addio al proprio servizio di musica in streaming Groove Music [Agg. – x2]

Microsoft, tramite un post sul proprio blog ufficiale, comunica l’addio al proprio servizio di streaming musicale “Groove Music”.

Il servizio di musica in streaming Groove Music continuerà funzionare correttamente fino al 31 dicembre 2017, dal giorno successivo non sarà più possibile effettuare acquisti, download o ascoltare musica in streaming utilizzando questo servizio (eventuali abbonamenti con scadenza successiva al 31 dicembre saranno ovviamente rimborsati)

Microsoft specifica che continuerà a supportare e aggiornare la propria applicazione musicale Groove Music su tutti i dispositivi Windows per la gestione e riproduzione della propria musica.

A partire da questa settimana gli utenti Insider (successivamente per tutti gli utenti) che utilizzano Groove Music Pass avranno la possibilità di spostare tutte le proprie collezioni e playlist direttamente su Spotify, inoltre ci sarà la possibilità di beneficiare di una prova gratuita a Spotify Premium per 60 giorni.

Aggiornamento x1 – 03/10/2017

Di seguito alcuni dettagli in merito alla chiusura del servizio di streaming musicale “Groove Music” pubblicate da Microsoft sul proprio sito ufficiale:

Possiedo un abbonamento Groove Music Pass annuale. Cosa devo fare?

L’abbonamento Groove Music Pass annuale sarà valido fino al 31 dicembre 2017. Se il tuo abbonamento scade dopo il 31 dicembre 2017, il 1° febbraio 2018 ti restituiremo la quota corrispondente per il mancato utilizzo dal 31 dicembre 2017 sino alla scadenza, qualora sia possibile effettuare tale rimborso sulla tua carta di credito/strumento di pagamento registrato nei nostri archivi.In caso contrario, riceverai un buono regalo di Microsoft del valore pari al 120% della quota direttamente nel tuo account Microsoft e potrai utilizzarlo in Microsoft Store.

In caso di annullamento dell’abbonamento Groove Music Pass annuale prima del 31 dicembre 2017:

  • Se annulli l’abbonamento entro 30 giorni dall’inizio del suo utilizzo, ti restituiremo l’intero importo, qualora sia possibile effettuare tale rimborso sulla tua carta di credito/strumento di pagamento registrato nei nostri archivi. In caso contrario, riceverai un buono regalo di Microsoft del valore pari al 120% di tale importo.
  • Se annulli l’abbonamento dopo 30 giorni, ti restituiremo la quota corrispondente per il mancato utilizzo, qualora sia possibile effettuare tale rimborso sulla tua carta di credito/strumento di pagamento registrato nei nostri archivi. In caso contrario, riceverai un credito del valore pari al 120% di tale quota che potrai utilizzare in Microsoft Store.
  • Per annullare il tuo Groove Music Pass online, vai a account.microsoft.com/services.
  • In caso di problemi con l’annullamento, contatta il Supporto tecnico.

Possiedo un abbonamento Groove Music Pass mensile. Cosa devo fare?

Puoi continuare a utilizzare l’abbonamento fino al 31 dicembre 2017. Se il tuo abbonamento scade dopo il 31 dicembre 2017, il 1° febbraio 2018 ti restituiremo la quota corrispondente per il mancato utilizzo dal 31 dicembre 2017 sino alla scadenza, qualora sia possibile effettuare tale rimborso sulla tua carta di credito/strumento di pagamento registrato nei nostri archivi. In caso contrario, riceverai un buono regalo di Microsoft del valore pari al 120% di tale quota e potrai utilizzarlo in Microsoft Store. Puoi disattivare l’opzione di rinnovo automatico del tuo abbonamento Groove Music Pass mensile in qualunque momento. In tal caso, l’abbonamento scadrà al termine del ciclo di fatturazione.

Ho acquistato un abbonamento Groove Music Pass ma non l’ho riscattato. Cosa devo fare?

Dal 2 ottobre 2017 non sarà più possibile riscattare gli abbonamenti Groove Music Pass. Microsoft ti offrirà un credito del valore pari al 120% dell’abbonamento Groove Music Pass prepagato che non hai utilizzato e potrai utilizzarlo in Microsoft Store. Se non hai ancora riscattato l’abbonamento e desideri ricevere il credito, contatta il Supporto tecnico.

Possiedo un abbonamento Groove Music Pass. Il mio abbonamento verrà trasferito automaticamente in Spotify?

No. Avrai accesso al tuo abbonamento Groove Music Pass fino al 31 dicembre 2017. Per ulteriori informazioni, vedi la discussione qui sopra.

Dopo il 31 dicembre 2017, potrò continuare a riprodurre i brani musicali che ho scaricato con Groove Music Pass?

No. Tutti i contenuti di Groove Music Pass non saranno riproducibili, compresi i brani musicali in streaming, i brani scaricati e i video musicali.

Dopo il 31 dicembre 2017, potrò continuare a riprodurre i brani musicali che ho acquistato in Windows Store?

Sì, se hai scaricato sui tuoi dispositivi i brani che hai acquistato prima del 31 dicembre 2017, potrai riprodurli con l’app Groove. Dopo il 31 dicembre 2017, non sarà possibile acquistare o scaricare brani musicali tramite Windows Store né riprodurli in streaming in Groove.

Questo significa che devo scaricare ed eseguire il backup di tutti i brani musicali che ho acquistato?

Sì. Dopo il 31 dicembre 2017 non sarà possibile acquistare o scaricare brani musicali. Quindi, per garantirti l’accesso futuro alla tua musica, scarica sui tuoi dispositivi i brani che hai acquistato prima del 31 dicembre 2017! Se desideri rendere disponibili tali brani sugli altri tuoi dispositivi, carica i contenuti musicali che hai acquistato in OneDrive o in un altro servizio di archiviazione cloud. Se non utilizzi OneDrive o altri servizi di archiviazione cloud, puoi trasferire i brani musicali che hai acquistato da uno dei tuoi dispositivi a un altro per l’utilizzo personale e non commerciale.

Come faccio a scaricare i brani musicali acquistati?

Apri Groove, vai alla tua raccolta musicale e seleziona il filtro Acquistati. Fai clic con il tasto destro o seleziona e tieni premuto il file, quindi seleziona Scarica nel menu. La procedura potrebbe variare leggermente in base al dispositivo e al sistema operativo.

Potrò continuare a riprodurre i brani musicali locali?

Sì. I file locali sui tuoi dispositivi saranno sempre riproducibili nell’app Groove Musica integrata.

Potrò continuare a riprodurre brani musicali da OneDrive?

Sì. Utilizzando l’app Groove Musica, potrai continuare a riprodurre in streaming e a scaricare sui tuoi dispositivi i brani musicali che possiedi e hai caricato nella cartella Musica di OneDrive.

Non possiedo un abbonamento Groove Music Pass. Questa novità mi riguarda?

Per te non cambia nulla. Utilizzando l’app Groove Musica integrata, puoi continuare a riprodurre i tuoi contenuti locali, di OneDrive o che hai acquistato e scaricato sui tuoi dispositivi. Se desideri accedere e riprodurre in streaming milioni di brani senza spese, puoi provare Spotify con l’offerta Free di Spotify.

Come faccio a trasferire i miei contenuti musicali in Spotify?

Entro la metà di ottobre sarà disponibile una versione aggiornata dell’app Groove Musica per i dispositivi Windows 10 e Xbox One. Con questa versione dell’app, gli utenti che possiedono un abbonamento Groove Music Pass potranno trasferire le raccolte e le playlist in Spotify. Basteranno pochi clic! Sarà possibile trasferire i contenuti di Groove Music Pass in Spotify fino al 31 gennaio 2018.

Che cosa succederà ai miei contenuti musicali una volta trasferiti in Spotify?

I contenuti musicali che hanno corrispondenze nel catalogo di Spotify appariranno nella tua raccolta e nelle tue playlist di Spotify. I contenuti musicali che hai acquistato o caricato al di fuori dell’abbonamento Groove Music Pass resteranno nell’app Groove Musica integrata. Potrai continuare a riprodurre i contenuti di Groove Music Pass fino al 31 dicembre 2017. I contenuti musicali che possiedi e hai archiviato localmente sul disco, in OneDrive o su un altro dispositivo di archiviazione cloud non verranno modificati e potrai continuare a riprodurli con l’app Groove Musica integrata.

Ho già effettuato la registrazione a Spotify. Come faccio a ricevere l’offerta gratuita di Spotify Premium per 60 giorni?

Per impostazione predefinita, tutti gli utenti di Spotify all’inizio hanno un account Spotify Free. Se possiedi un abbonamento Groove Music Pass idonei ai sensi dei termini di Spotify e trasferisci i tuoi contenuti musicali in Spotify prima del 31 gennaio 2018, riceverai in regalo 60 giorni di abbonamento a Spotify Premium. Spotify verificherà la tua idoneità per l’offerta gratuita di Spotify Premium per 60 giorni.

Questa offerta è valida solo una volta, perciò, se hai già registrato un abbonamento Spotify Premium o Spotify Unlimited o hai già riscattato un’offerta di prova gratuita, non puoi usufruire di questa offerta. Non è possibile utilizzare le carte prepagate né i buoni regalo di Spotify come strumenti di pagamento per questa offerta. Per vedere i termini e le condizioni d’uso completi dell’offerta di 60 giorni di Spotify, fai clic qui.

E se utilizzo per lo più Groove Musica su un dispositivo precedente, come Xbox 360 o un PC Windows 8 o 8.1, e desidero trasferire i miei contenuti musicali in Spotify?

Per trasferire le tue playlist e la raccolta musicale di Groove Music Pass ti servirà un dispositivo Windows 10 o Xbox One. Al termine del trasferimento, potrai ascoltare la tua musica su Spotify su qualsiasi dispositivo supportato.

Aggiornamento x2 – 03/01/2018

Come annunciato, il servizio di musica in streaming Groove Music è stato chiuso, con esso la possibilità di effettuare acquisti di file musicali tramite il Microsoft Store.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. stefano ha detto:

    Un altro addio? Mah!

  2. Mirko ha detto:

    Quindi dopo Windows RT, Windows Phone 7, Windows Phone 8, Windows 10 Mobile… Anche Groove.

    A livello di immagine è una cosa pessima, troppi progetti abbandonati!

  3. DearPowa ha detto:

    È davvero incredibile come microsoft sminchia sempre tutto

  4. ilmondobrucia ha detto:

    Ti piacerà, anche perché funziona benissimo. Volendo c’è anche Deezer music.

  5. Cicciobello ha detto:

    Una di quelle app che vorresti disinstallare ma non si può e che avrò aperto 2-3 volte. Dispiace comunque per chi la usava.

  6. ricky1973 ha detto:

    a Satya Nadella piace questo elemento

  7. sgrips ha detto:

    ma è solo il Groove Music Pass non ci sarà più ??? il resto rimane come l’acquisto dei brani dallo store ???

  8. Alemar78 ha detto:

    O.T.: Uscita la Build 16299.15

  9. Shalashaska ha detto:

    Microsoft sforna solo successi! Madonna che azienda LOL

    • Fabio1 ha detto:

      Non provi profonda tristezza nel fatto che tu da fanboy Google ci godi quando MS chiude un servizio…

      ps. MS in borsa negli ultimi 3 anni è cresciuta del 30%, stai sereno

  10. Fabio1 ha detto:

    Fanno il rimborso totale, il buono è solo se la carta di credito è scaduto e non possono fare l’accredito

  11. Francesco Senese ha detto:

    Vergogna senza fine.

  12. Raxien ha detto:

    Idem.

  13. Matteo Lovato ha detto:

    Ma chi ha l’abbonamento attivo? io ho pagato per la musica in streaming fino a febbraio… mi perdo 2 mesi?
    In ogni caso meglio così, con Win10 mobile morto son dovuto passare ad Android (no comment…) e li l’app Groove non è che funzioni un granchè…
    Che balle però migrare tutto…

    Edit (dalle FAQ Microsoft): if your Pass subscription goes beyond December 31, 2017, we will give you a prorated refund or a Microsoft gift card

    • stefanopgr ha detto:

      io avevo il pass mensile a 9.99, ho disdetto oggi il rinnovo (perdo solo ottobre) e ho sottoscritto spotify mensile, disistallato groove e installato spotify sui dispositivi pc e 950xl, tutto a posto se non che spotify sembra migliore

  14. Alexv ha detto:

    E indovinate un po’? L’app Spotify è stata abbandonata. Ormai MS le pensa tutte per crollare gli utenti w10m.

  15. yepp ha detto:

    Onestamente non ho mai capito il senso di quel servizio. A me quando mi interessa qualcosa compro direttamente il brano o l’album dallo Store di Windows

  16. Gianni ha detto:

    Personalmente usavo solo lo streaming da OneDrive, quindi per me non cambia nulla, ma mi dispiace per chi utilizzava il servizio. Un brutto colpo per l’immagine e la fiducia degli utenti.

  17. Dexter ha detto:

    A suo tempo, sempre qui, quando avevano dismesso l’app per spotify (in modo temporaneo) molti tra cui un simpatico Mercuri diceva costantemente che Groove musica era 10mila volte migliore e che lui utilizzava quello! Chissà che tragedia ora per lui…. povero.Tra l’altro adesso invece per qualcun altro magicamente lo streaming musicale è spazzatura, meglio comprare i brani :P Siete assurdi.

    • Daniele ha detto:

      Ma che discorso, per ogni cosa c’è tutto e il contrario di tutto. Come prima c’èra chi diceva che era spazzatura, ci sono anche ora… in tutti i campi.

      Vedi in fanboy Apple che hanno sempre detto che la ricarica wireless e lo sblocco con il volto era na cagata…

      • Dexter ha detto:

        “che hanno sempre detto” chi lo ha detto? Portami la persona che lo ha scritto o lo screen. Io mi sto rivolgendo ad una cosa che ho letto qui tempo fa di una persona in carne ed ossa ed un fatto accaduto sul serio. Ps: Sblocco del volto? Spero che non starai confondendo lo sblocco con la retina del 950 con quello del volto di Iphone X perché sono due tecnologie completamente diverse con i loro pro e contro, e si, quella del 950 a suo tempo era ancora troppo acerba.

        • Gino G ha detto:

          Come già scritto per l’utenza lo sblocco con la lettura della retina del 950, con la proiezione dei punti sul volto di Iphone, col sorriso del Vodafone Smart Mini sono esattamente la stessa cosa.
          Triste ma così.

        • Jabber00 ha detto:

          Al tempo la questione era “nulla e’ stato/e’/sara’ migliore del Touch ID”.
          Ma e’ stata la stessa cosa con la ricarica wireless, gli schermi oled, l’NFC, il fast charge, i powerbank…

          • Dexter ha detto:

            Io frequento anche quei forum (non possiedo dispositivi Apple ma mi tengo aggiornato per curiosità) e c’è magari qualcuno che lo dice ma anche tanti altri invece che quando c’è una novità “da altre parti” allora la richiedono pure su dispositivi Apple. E’ successo ad esempio con gli schermi oled/Amoled, molti nei commenti lo scrivevano che l’avrebbero voluto (anche se l’oled e Amoled fino a pochissimi anni fa stavano ancora dietro l’lcd in termini di qualità e fedeltà dei colori ed immagini).
            C’è anche da dire che quando Apple porta una novità su Iphone, spesso e volentieri non è mai in versione “acerba” ma già ben rodata e perfezionata. Gli altri invece sperimentano in prima linea con dispositivi e tecnologie non sempre perfezionate e rodate (vedere il lettore di impronte del Motorola che per prima ha portato questa tecnologia, oppure sul galaxy Note 4 dove per accedere dovevi strisciare il dito anziché appoggiarlo, fastidiosissimo).

          • Jabber00 ha detto:

            E’ quel qualcuno, lo Yepp di Cupertino o di Mountain View, che fa tanto rumore.
            Mai insomma, tanto che piu’ volte si e’ letto che e’ meglio evitare la serie “liscia” e attendere la serie S.

    • Luchino ha detto:

      Sei antiiicoooo, Mercuri da mo che e’ passato ad Iphone…..

    • Raiden ha detto:

      Chi, quel famoso mercury che si fa grande “conoscitore di informatica e del mondo windows” e che fino a qualche giorno fa neppure conosceva l’esistenza di programmi basilari come Foxit? ahaha

  18. Gianni ha detto:

    Ricevo Plaffo in RSS, la mattina sfoglio le news e quando arrivo a Plaffo mi dico…ok speriamo che oggi non tolgano qualche App “vitale”. E via così per, chissà, giorni, mesi…anni…..

  19. Gino G ha detto:

    “Vabbè dai, non è mica così grave, tanto chi lo usava?”
    (cit.)

  20. fabrizio viti ha detto:

    Questo sistema operativo ormai sta morendo , dobbiamo farcene una ragione , spero solo che tirino fuori qualcosa di nuovo perché per me passate ad android sarà un trauma (premetto che ho usato android per un paio d’anni ma non mi ci trovo proprio ,apple mai!) e spero che lo facciano presto

    • Orlaf the plague ha detto:

      E allora mi sa che dovrai comprarti un 3310.

    • stefanopgr ha detto:

      beh dai sei troppo disfattista, usi spotify che é disponibile su tutte le piattaforme windows, sul fatto di passare ad altro ci sto pensando anch’io con l’iphone X. Android é veramente penoso, l s8 inguardabile, certo si perde tanto, windows mobile é meglio in tutto, ma si vive lo stesso.

  21. Orlaf the plague ha detto:

    AHAHAHAHAHAHAHAHA

  22. 950tuttounfreeze ha detto:

    Microsoft e chi se ne frega più di te non c’è lo metti?

  23. 950tuttounfreeze ha detto:

    Cambia cambia cambia

  24. ernestinthesixties ha detto:

    scommesse su quale sarà il prossimo servizio Microsoft soppresso?
    magari direttamente il Windows Store (o come si chiama oggi)…

  25. ricky1973 ha detto:

    A mosca cieca

  26. Francesco Divi Filivs ha detto:

    Il prossimo ad essere eliminato sarà Edge, tanto non lo caga nessuno.

  27. l'ale ha detto:

    YEPP tu che hai sempre una spiegazione logica per tutto, come la spieghi questa?

  28. Gino G ha detto:

    Windows 10 Home e Pro (solo Enterprise ed Education con Volume Licensing)

  29. Gino G ha detto:

    Infatti Xbox non esiste.

  30. Erunér ha detto:

    Boh. Questo è inspiegabile. Cioè posso capire la musica in streaming: c’è un colosso come spotify tanto vale affidarsi ad esso (parlo in termini commerciali). La vendita dei brani invece? Che scusa hanno? Acquistare dallo store era semplicemente naturale, proprio come lo è con iTunes per Apple. È uno store, perché eliminare questa possibilità? Boh non avrò la più pallida idea di come funzioni, ma mi sembra comunque una follia… Lo store a sto punto che serve? Eppure i PC cin Windows sono la maggioranza e quello era una delle poche cose davvero trasversale tra i dispositivi… Boh…

    • yepp ha detto:

      Secondo me hanno scazzato a scrivere le FAQ, perchè mi sembra impossibile che i brani acquistati dal Windows Store NON siano più accessibili o che sparisca la musica dal Windows Store

      • Jacksoft ha detto:

        Tu dici? Parli di MS, eh…

      • Raxien ha detto:

        No la FAQ è giusta, escono dal mercato completamente, Che senso ha fornire servizi a metà?

      • Erunér ha detto:

        La musica acquistata, non inclusa nel Pass resta disponibile e puoi trasferire la libreria dei contenuti Pass con Spotfy se ho ben inteso. Quindi i brani comprati saranno disponibili, ma non potrai acquistarne altri. E questo come ho già detto mi sembra stupido perché fare da intermediario non è come offrire un servizio di streaming. Semplicemente permetti a terzi di pubblicare album, brani ecc su uno strore. Evidentemente il mondo della musica non è assimilabile a quello delle app. Il che è folle ma mi sorge il dubbio non sia colpa solo di MS a sto giro. Capisco che dal loro punto di vista commerciale sostenere e combattere su un mercato con iTunes e Spotify dall’altra… La cosa non chiara è che Spotify ha preso piede nonostante la concorrenza e Microsoft no.

  31. MatitaNera ha detto:

    l’aveva già citata qualcuno questa… me lo ricordo

  32. MatitaNera ha detto:

    molti sono rimasti estasiati da Zune

  33. Francesco ha detto:

    Mi é venuto in mente lo zune…

  34. Jacksoft ha detto:

    Tipico Microsoft… :D

  35. Jacksoft ha detto:

    Sono d’accordo su tutto, eccetto Cortana. Cortana è bella ed utile (ma ammetto di non aver provato Alexa)

  36. Miki_73 ha detto:

    Insomma Microsoft anni fa é stata la prima ad avere un servizio di streaming musicale quando Spotifi neppure esisteva e ora la prima a chiuderlo assieme alla possibilità di acquistare musica.

  37. Nicola B. ha detto:

    degli

  38. #ludwig ha detto:

    OneDrive dubito. E’ forse l’unico servizio che ha avuto un reale seguito consumer anche su sistemi concorrenti (più di Outlook, su android ci sono decine di client superiori in tutto).

  39. Gino G ha detto:

    Giusto, “More Personal Computer” è giusto un trastullo.

  40. Alexv ha detto:

    I vu cumprà sulla spiaggia sono più seri verso i clienti.

    • Luca Serri ha detto:

      Avvisano 3 mesi prima, rimborsano la cifra già pagata per i mesi oltre la scadenza e pure per quelli prima per chi decide di terminare in anticipo, permettono di trasferire tutto su Spotify in pochi click e offrono anche 2 mesi gratuiti di Spotify Premium; dove sta la non serietà? Cacchio, per una volta che fanno le cose fatte bene…

  41. Gino G ha detto:

    Nei loro bilanci si parla ancora di “More Personal Computer”, e non parlo di 2013.

  42. massimo ha detto:

    Valli a dire a tua sorella :P

  43. stefanopgr ha detto:

    Passaggio a spotify premium da poco, interfaccia bruttina e scarna sia su PC che mobile. I contenuti musicali migliori su spotify, mi riferisco alle classifiche top che su Spotify sono di tutti i tipi (mondiali italia virali ecc). Manca l’integrzione con Cortana purtroppo, ma probabilmente con la collaborazione di entrambi sarà implementata in futuro. Nel complesso passaggio indolore anzi migliorativo sotto l’aspetto dei contenuti musicali

  44. andrea ha detto:

    OT: ragazzi problemone, schermo del lumia 950 completamente distrutto, nero, il touch non va…come posso sbloccarlo per recuperare i dati? ho codice d’accesso. Nel caso sia necessaria la sostituzione dell LCD, quanto costa? a me hanno chiesto 150 e non mi pare il caso

  45. Teo ha detto:

    Appunto continuassero a vendere pc da scrivania per uffici pubblici

  46. ilmondobrucia ha detto:

    Lo uso tutti i giorni. Mo anche spotify non funziona bene? Che ha che non va?

  47. Rudag ha detto:

    Createlo tu un proposito per l’anno nuovo. Fai meno il minus habens, ed impara ad utilizzare gli strumenti (quelli funzionanti) che offre il mercato.

    Che il 99% della popolazione ce la fa ormai da anni a differenza tua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *