• 12 commenti

Errore 0x80080204 nell’aggiornare un’applicazione? Colpa di Microsoft

Rudy Huyn, sviluppatore conosciuto su Windows per aver realizzato diverse applicazioni di successo come Wikipedia, DropBox, CloudSix, 6tag, 6sec e 6snap, in un post sul proprio blog lamenta un fastidioso errore che colpisce alcune applicazioni una volta aggiornate.

Rudy spiega che con l’SDK di Fall Creator Update, le app che utilizzano un background audio agent, ogni volta che si modifica l’AppxManifest associato, il file diventa corrotto portando all’impossibilità per gli utenti di aggiornare o installare l’applicazione (errore 0x80080204). Purtroppo si tratta di un problema abbastanza frustante in quanto porta gli sviluppatori a ricevere voti negativi alla propria applicazione per un “bug” non legato all’applicazione. In attesa di correggere il problema, Rudy segnala che sarebbe opportuno effettuare una modifica sul portale per gli sviluppatori DevCenter in modo da bloccare il caricamento di app con file corrotti.

Se siete  sviluppatori, vi segnaliamo inoltre che Rudy ha creato un piccolo strumento a riga di comando che controlla il file AppxManifest e lo corregge se necessario. Maggiori dettagli a questo link

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Miki_73 ha detto:

    A me dopo l’aggiornamento a Windows 10 Fall Creators Update (installato da zero formattando tutto) se clicco su una qualunque immagine al posto di aprirmela con FOTO mi da l’errore “La chiamata di procedura remota non è riuscita”. Per riuscire a lavorare col PC ho dovuto installare Raccolta foto dal pacchetto Live! di Microsoft, software del 2012… Tra l’altro cercando in internet ho scoperto che è un errore che esiste da anni. Per fortuna a me non si era mai verificato. Ho provato tutte le soluzioni possibili trovate sui forum (e anche su questo blog) ma nessuno ha risolto il problema.
    Inoltre, anche con Fall Creators Update (ripeto, installato da zero formattando tutto) l’app OneDrive è praticamente inutilizzabile: quando visualizzo una cartelle contente immagini la maggior parte le vedo nere, se clicco per ingrandirle a tutto schermo alcune le vedo, altre visualizza perennemente una schermata nera con scritto “sto caricando”. Quando carico o scarico altre immagini sul cloud dopo le prime tre si chiude l’app. Secondo me all’alba del 2018 Microsoft non può presentarsi con un sistema operativo sul quale non funziona neppure la visualizzazione delle immagini (certo, non a tutti ma leggendo sui forum è un errore comunissimo) ne con una app del suo Cloud che non funziona. https://uploads.disquscdn.com/images/b8a73eb8e3eb68d7901bc70b30475b3a445c9d58a3975126ff94698de31b2254.png

    • Daniele ha detto:

      Il problema è che ogni update deve andare su tutti i pc, purtroppo non è facile come sembra. Apple lo deve fare con un numero limitatissimo di hardware e a volte scappano bug gravi, Linux non va al 100% sul 95% dei pc…

      Io aggiornato senza formattare e fortunatamente tutto bene, ovviamente capisco che è una gran rottura di scatole quando succede

      • Carmelo ha detto:

        concordo. purtroppo capita vista la varietà di pc. cmq io ho sia aggiornato sia formattato e non ho avuto problemi

      • Gino G ha detto:

        Ma guarda, la giustificazione sarebbe accettabile se si trattasse di driver. Effettivamente esistono milioni di periferiche diverse.
        Questo problema qua però non dipende dai driver.

  2. Umberto ha detto:

    Sto infame di Rudy era uno dei migliori sviluppatori fin quando non ha abbandonato praticamente tutte le sue app…

    • Gianlu27 ha detto:

      Pensa un po’. Rudy era uno di quelli che salvava il fondoschiena a WindowsPhone/Mobile, arrivando dove MS è gli altri sviluppatori non arrivavano. Colpa sua se MS ha abbandonato/ucciso il progetto W10M giustamente, non di MS che ha tradito la fiducia degli utenti e delle aziende. Indubbiamente Rudy doveva continuare a sprecare risorse e denaro su un OS senza futuro per far contente due persone. Ma certo, chiamalo pure “infame”

      • cipo ha detto:

        Si.. poi “da solo” con il rischio di lavorare e vedersi chiudere l’App perché ritenuta non ufficiale..

      • Umberto ha detto:

        Il supporto era ormai terminato anche prima che venisse lanciato W10.
        Non ricordo un aggiornamento per L’app Wikipedia che eppure aveva qualche problema, oppure la triste fine di 6tag abbandonato a se stesso nonostante fosse un’app eccezionale.
        Ma soprattutto quello che mi ha lasciato più amareggiato è il fatto che ha abbandonato tutto senza un comunicato ufficiale, smettendo semplicemente di lavorare sulle sue app sperando che finisse tutto nell’oblio.

        Non venirmi a fare la morale perché gli ho pure dato dei soldi ai tempi, quando effettivamente le sue app erano il fiore all’occhiello di WP.
        Il comportamento tenuto in seguito però, ovvero l’abbandono di soppiatto, non mi è piaciuto per niente ed è stato veramente poco professionale.

        • Luca ha detto:

          Non so se sia dettato da contratto (probabile), ma il rilascio di nuove app da parte di Rudy è terminato dopo l’aver iniziato a lavorare per DropBox… Rudy è ancora sul pezzo per quel che riguarda lo sviluppo su Windows, ne è la dimostrazione l’articolo sul suo blog linkato alla fine dell’articolo di Plaffo…

          • Umberto ha detto:

            Probabile, quello che gli “contesto” io è l’aver abbandonato tutto di soppiatto, senza uno straccio di comunicazione ufficiale o un post su Twitter.
            Alla gente che gli chiedeva info al riguardo (me compreso) non ha mai risposto, quando prima interagiva molto con gli utenti delle sue app proprio tramite Twitter.

            Insomma mi ha dato l’impressione di uno che, nel bene o nel male, ha avuto paura di metterci la faccia.

        • Alexv ha detto:

          Forse la stessa MS gli ha detto che era finita. O forse ha preferito continuare a lavorare nonostante i fiaschi di MS. Mi sembra giusto. Quanti sviluppatori per Commodore o DOS sono ancora attivi?

    • Alexv ha detto:

      È la piattaforma che ha abbandonato Rudy (e noi). Non è lui quello con 500mld di capitalizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *