• 11 commenti

Microsoft pubblica i dati sull’utilizzo di Bing nei vari paesi del mondo

Microsoft, tramite il proprio canale ufficiale Twitter dedicato a Bing, ha rilasciato in queste ore un’immagine con tutti i dati sull’utilizzo del proprio motore di ricerca nei vari paesi del mondo.

Come possiamo vedere dall’immagine allegata all’articolo, in Italia gli utilizzatori di Bing sono il 9% che effettuano 225 milioni di ricerche, una percentuale pari alla media mondiale. I paesi dove Bing riesce a fare meglio sono gli Stati Uniti con ben il 33% del mercato (5 miliardi di ricerche), L’Inghilterra con il 26%, Taiwan con il 24% e la Francia/Hong Kong con il 19%.

Si tratta di dati incoraggianti con una crescita del 30-40% anno su anno, aiutato in gran parte dalla crescita di Windows 10 e che ha permesso a Microsoft di fatturare quasi 5 miliardi per Bing (superando colossi come Twitter).

via

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Teo ha detto:

    Su lumia sempre usato mentre su android mai

  2. Passante ha detto:

    Si evince che Microsoft proprio all’oriente (Cina in particolare) non piace! E’ sempre stato un problema anche con i lumia.

  3. garulazzz ha detto:

    sii grande successo, immagino nadella che in questo momento l’ha tirato fuori facendo l’eleicottero… meno 10% mondiale ed’é solo il motore di ricerca predefinito sul browser(e cortana su w10) preinstallato su tutti i pc windows(e lo era anche su ios fino a 2 anni fa). che c###o centra poi tw(non é un motore di ricerca il model businness é diverso, e si sa che hanno problemi a monetizzare in relazione al numero di utenti)? Con questo commento ti sei aggiudicato il premio fanboy dell’anno anche per il 2017… Belfiore provvederá a calvalcarti con una cintura fallica modello Black Stallion xxl

  4. specialdo ha detto:

    peccato che non tutte le funzioni sono disponibili in italia.. altrimenti sarebbe perfetto!

  5. garulazzz ha detto:

    Ma dove li prendi tu i dati su topolino? Quasi tutto il market share guadagnato da bing è a scapito di Yahoo… Google ha avuto al massimo l’85%(il 99 è nella tua testa da fb) (2013) Fino al 2014 la divisione Bing era in forte perdita(nel 2013 sotto di 6.2ml). Bing fattura come una multinazionale xké ne ha dimensioni e costi e ms ha investito un enorme quantità di risorse. Come al solito ti riveli disinformato e fazioso(infatti ti sei tuffato a capofitto sull’inesattezza scritta da plaffo facendone subito la tua bandieta…)

  6. Orlaf - Il di0 della verità ha detto:

    Sicuro ti beccheresti le mazzate piú forti della tua vita, se arrivassi ad imporre il tuo volere sugli altri.

    Ma di quelle con la spranga infuocata.

  7. garulazzz ha detto:

    Bing è stato mandato avanti per 6 anni in pesante passivo(2009-2014) e solo da 2 anni è in attivo… Inoltre non sono 5 mld di utile ma di fatturato(sono in attivo, ma non si sa di quanto) … Per gli investimenti fatti (quasi 50mld nei primi 6 anni) direi che no si può certo parlare di un successo al massimo di uno scampato disastro..

  8. garulazzz ha detto:

    50mld sono gli investimenti iniziali + le perdite annue(circa 5mld l’anno dal 2009 data di acquisizione fino al 2014)Certo che hanno investito ma hanno raggiunto il minimo risultato.. Se investi cosí tanto punti al top non alle briciole di mercato e secondo me in ms non sono cosí entusiasti (tra l’altro per fortuna é arrivato il suicidio di Yahoo nel 2014 se no Bing faceva la fine di WP con quell’idiota di Nutella alla guida. Il mobile perdeva 4 mld l’anno(e comunque era in crescita) e bing 5(di media)). La crescita c’é ma la mancanza di una piattaforma mobile rischia di far contrarre nuovamente le cifre.

  9. massimo ha detto:

    Ma dai ascolto a questi troll?
    Bannali e basta

  10. massimo ha detto:

    se usi android, stai perdendo il tuo tempo qui

  11. ilmondobrucia ha detto:

    Per quale motivo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *