• 73 commenti

Android pronto al sorpasso su Windows come OS più utilizzato per navigare su Internet

Secondo i dati rilasciati da Statcounter, misurati in base alla percentuale di utilizzo del web, il sistema operativo Android sarebbe ormai vicinissimo a quello Windows nell’utilizzo da parte degli utenti nella navigazione su internet.

Un risultato sicuramente impressionante se consideriamo che solo 5 anni fa, Windows deteneva ben l’82% di quote di utilizzo di Internet a livello mondiale, contro i solo 2,2% di Android. Considerando il mese di febbraio 2017, Windows rimane il sistema operativo più utilizzato al mondo per navigare su Internet con il 38,6%, a seguire Android ormai vicinissimo con il 37,4%. Controllando il grafico in allegato all’articolo, possiamo chiaramente vedere l’andamento negli ultimi anni e immaginare un sorpasso da parte di Android a breve.

Ovviamente si tratta di dati a livello globale, se consideriamo esclusivamente l’Europa le cose sono ancora abbastanza diverse con Windows che detiene il 51,8% del mercato di accesso a Internet contro Android che si ferma al 23,5% (in Asia la situazione è capovolta, Android con il 51,8% e Windows con il 29,8%).

via

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Simone Camanini ha detto:

    Inevitabile, direi. Ormai uno straccio di cellulare in mano ce l’hanno un po’ tutti, mentre il PC resta, come sempre, una macchina infernale per tantissime persone.

    • Passante ha detto:

      Più che infernale, direi non necessaria per tantissime persone. In ogni caso notizie come queste lasciano il tempo che trovano. Un sistema mobile non conterà mai con un desktop. Gli accessi da mobile sono irrilevanti (tutti social o messaggistica). Anche se c’è da osservare che forse la quota desktop potrebbe essere innalzata più che altro dalla pornografia. Quindi anche qui un bel dilemma sulla decisione della rilevanza della “nobiltà” dei dati.

  2. Daniele ha detto:

    Considerando che il 90% utilizza internet solo per FB e Youtube… mi stupisco che ancora il sorpasso non sia avvenuto. Fortuna che MS va forte nei due-in-uno, altrimenti la situazione sarebbe ancora più complicata per il futuro

    • Shalashaska ha detto:

      Eeeeh immagino quanto vada forte… Parliamo di una nicchia di prodotti che fa numeri ridicoli in confronto al resto.

      • Passante ha detto:

        Numeri ridicoli non direi assolutamente. Anzi un bel vanto sapere che Microsoft sarebbe la prima al mondo come fatturato e utile se non ci fossero prodotti spazzatura come youtube o facebook.

  3. ilmondobrucia ha detto:

    Vorrei segnalare che ci sono 2 app di plaffo sullo store wp10, apparentemente identiche anche nel logo.

    Qualcuno sa perché?

    • Emanuele ha detto:

      Quella “Plaffo.” NON è ufficiale (quella con il punto finale)

      • ilmondobrucia ha detto:

        Immaginavo, non é che installando quella non ufficiale rubano dati o altro?

        • Passante ha detto:

          Spero di no. In teoria Microsoft tutela da questa cosa. Sono molto più pericolosi i bot di telegram che tutti usano e tengono nelle chat ad ascoltare senza curarsi di nulla. Peggio ancora facebook. Ormai se una cosa è nota e diffusa, diventa automaticamente “certificata”. Ma chi l’ha detto? Bah.

          • ilmondobrucia ha detto:

            Nessuno, ma non mai successo che certe app anche su android vengono rimosse perché magari sono virus o i dati raccolti sono diffusi in maniera impropria…

            E poi é strano che usa il solito logo, e solo un punto per distinguersi da quella ufficiale.

          • Luca Serri ha detto:

            Non è strano, quello del punto finale è un tipico trucco usato per cammuffare le proprie app fake.

          • ilmondobrucia ha detto:

            Infatti dicevo propio questo. Il mio strano é propio per quello

  4. Freerider ha detto:

    Spero che MS capisca che il mercato “gli sta sfuggendo di mano”. E che non mi vengano a dire che a MS importa il business e i servizi perché sto vedendo sempre più aziende (per lo più molto grandi) che utilizzano Google for works. Sta succedendo quello che ho sempre detto, il mercato lo fa il consumer, se i lavoratori di un’azienda si abituano ad utilizzare Google e si suoi servizi, per facilità e comodità, l’IT migrerà verso Google (comunque, è allucinante lavorare con Google for work in ambiente Windows, praticamente fanno tutto da chrome, mi sono venuti i brividi a vedere i salti mortali che fanno gli utenti per utilizzare i servizi Google su Windows. Da qui il passo è breve ad introdurre i chromebook, meno male per MS che tutte le aziende si basano su un dominio per poter gestire i client, se no sarebbe devastante la crescita di Google anche in ambito business). Per me sono troppo sicuri che il “mondo” ha ancora bisogno di loro e dei loro servizi, e non si rendono conto che, se un utente non riesce a lavorare in modo veloce, l’IT introdurrà un ambiente a loro famigliare. E’ sempre stato cosi, se cosi non fosse, a quest’ora gli uffici erano pieni di libreoffice e non di office a pagamento siccome è la suite più conosciuta.

    • Luca Serri ha detto:

      Stiamo parlando di una multinazionale stramiliardaria, davvero credi che non sappiano guardarsi intorno? Per dirne una, pensi che abbiano portato Office e altri servizi su iOS e Android per generosità?

      • Freerider ha detto:

        Ma quanti usano i servizi MS su smartphone? Forse solo office senza nemmeno la licenza per vedere i documenti, le aziende che passano a Google utilizzano ancora i servizi MS su smartphone? Ieri mi sanguinavano gli occhi vedendo in un’azienda un parco pc con Windows 10 con tutti i servizi MS disattivati e l’unica cosa avviata su quei pc era chrome. Ok che sono solo un povero pirl4 e non il CEO di una multinazionale e quindi parlo per quel poco che vedo, ma per me è meglio che iniziano a preoccuparsi dei segnali negativi nel mercato consumer visto che, ora mai, consumer e business sono strettamente legati. Non siamo più negli anni 2000 dove imparavi ad usare qualcosa al lavoro e lo utilizzavi a casa. Ora è esattamente il contrario.

        • cipo ha detto:

          Spesso è come dici tu..disattivano tutto e via con Chrome, che nulla da dire funziona anche bene, anche se non mi piace troppo…
          Poi dipende dalle aziende e dal grado di informatizzazione. Magari comprano i PC arriva il primo “tecnico” di turno che per non avere noie e perdere tempo in spiegazioni disattiva tutto mette Chrome e saluta..

        • Luca Serri ha detto:

          Ripeto, stiamo parlando di una multinazionale, se ci arriviamo noi a capirlo figurati loro.
          Comunque le app Microsoft su Android sono molto più usate di quanto non sembri, basta guardare per esempio che OneDrive e le app Office hanno oltre 100 milioni di download. Non è un caso che gli abbonamenti a Office 365 siano aumentati proprio quando è arrivata la suite sugli altri due sistemi mobili.

    • Passante ha detto:

      La Microsoft sa quello che fa. Non ti preoccupare.

    • skywalkersenior ha detto:

      Ho alcuni clienti che usano Google for Work e sinceramente, a parità di prezzo, Exchange online è decisamente più usabile ed immediato. Exchange è integrato, mentre GfW necessita l’installazione di appositi agenti di sincronizzazione che si impallano troppo spesso. Personalmente non consiglio ancora GfW ai miei clienti. Oltretutto Exchange online Piano 1 (solo servizi di posta-calendario-contatti-cartelle pubbliche) costa meno dell’analogo servizio di Google (che non ha cartelle pubbliche peraltro)

  5. RafaStyle ha detto:

    Un pc costa decisamente di piu, poi la fanno da padrona i mercati emergenti dove solo adeso molta gente ha accesso ad internet visto che con 100 euro e in altri casi anche di meno ti ci fai un telefono…

  6. cipo ha detto:

    Diciamo anche che il mercato è cambiato davvero tanto e soprattutto si è allargato in maniera fino a pochi anni fa impensabile.
    Fino a “ieri”, tranne per chi lo usava per lavoro, i PC si acquistavano per scrivere e navigare, ma la scelta era diciamo sofferta per i poco esperti…
    Chi usava il PC per i più era un Mago!!!
    Oggi si fa tutto con cellulari e tablet con molta facilità… (si sentono pure tutti esperti informatici :P…)
    Probabilmente il numero dei PC non è diminuito anzi forse è aumentato ma non tanto quanto gli utenti..on line

  7. Gerb ha detto:

    Meno male è Android e non quel cesso di WM (stramazzato da anni).

  8. M620Vod ha detto:

    …..e dopo che sono entrati in internet con android si beccano un bel virus!…. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!! Ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!…. Navigate… Navigate!!!!!…. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!….

    • Gerb ha detto:

      Come su Windows 10 desktop praticamente xD.

    • Luca Serri ha detto:

      bruno sarebbe fiero di te, ma non è proprio una bella cosa.

      • Gerb ha detto:

        Mi sa che è proprio lui (o qualche account secondario di Artur, a giudicare da come scrive le risate).

      • Passante ha detto:

        Beh un po’ è vero. E’ il sistema più vulnerabile. Sta 13 posizioni sopra Windows.

        • Luca Serri ha detto:

          Ma non vuol dire che chiunque usi Android si becchi dei virus. Onestamente, di tutte le persone che conosci e usano Android quante hanno preso un malware? Nel mio caso nessuna, ma anche per diversi altri vale lo stesso.

    • Mices7 ha detto:

      Con Windows invece si naviga tranquilli, vero?

    • 00SAMU ha detto:

      Il tuo commento mi fa venire in mente un tizio che dal suo laboratorio segreto guarda gli utenti android da una sala piena di schermi e nel frattempo pubblica virus, e successivamente scoppia in una risata malvagia con le fiamme nello sfondo mentre pronuncia MUAHAHAHAHAHA NAVIGATE MUAHAHAHAHAHA seguito da un forte tuono.

  9. jockhorror ha detto:

    Ma perche sempre catastrofisti? Ms, é piu che riuscita nell’intento di portare (almeno) un pc dentro ogni casa. Ovvio che se un nucleo formato da 4 persone ha un solo pc e 4 Smartphone, mi sembra matematico che si utilizzino piu questi ultimi per navigare. Guardando le quote di mercato, pubblicate oltretutto non molto tempo fa, non mi sembra proprio che ms se la passi male.. Anzi.

    • Passante ha detto:

      Ottima riflessione.

      • jockhorror ha detto:

        Aggiungerei anche che é molto piu economico collegarsi con uno Smartphone, piuttosto che attivare una linea adsl per collegarsi con il pc. Sino variabili che i catastrofisti/complottisti non tengono in considerazione

        • eliodoro ha detto:

          Molto più economico?? La maggior parte della gente per 4 (quattro) miseri giga paga più di 10 euro al mese…..

    • Mices7 ha detto:

      MS al momento non se la passa di certo male, ma il futuro è evidentemente dei dispositivi mobili e qui ci sarebbe qualcosa da dire a proposito di alcune strategie che stanno adottando.

      • jockhorror ha detto:

        Da come la vedo io,i dispositivi mobili non potranno mai sostituire i pc. Le PA mondiali potrebbero mai usare uno Smartphone per fare ciò che fanno? Un grafico potrebbe mai realizzare un lavoro con un Tablet? Un direttore di giornale, potrebbe mai impaginare con un iphone o con un Samsung? Al momento credo decisamente di no. Tra 10 anni, forse sarà cambiato qualcosa, ma di certo non si useranno piu gli smartphone

  10. Barry63 ha detto:

    OT.
    Scusate, mi consigliereste la migliore app (a vostro avviso) per scaricare/estrarre gli .mp3 dai video di youtube?
    Grazie anticipate.

  11. yepp ha detto:

    L’incrocio di quelle 2 curve segna semplicemente il declino della cultura informatica

    • Passante ha detto:

      Non è un declino. Sarà sempre una nicchia la “cultura informatica” rispetto all’uso complessivo dei dispositivi.

    • Luca Serri ha detto:

      Disse quello che passa la vita scrivendo ogni giorno sui blog “stasera arriva una sorpresa” e altre cavolate pure peggiori.

    • Raiden ha detto:

      E la tua cultura informatica invece? Si limita ad installare nuove build insider oppure, come mi auguro che sia, va oltre e ti metti anche a compilare kernel Linux e configurare sistemi BSD?

      • Luca Serri ha detto:

        Magari ha sviluppato una nuova distro tutta sua nel tempo libero :D sì come no XD

        • Raiden ha detto:

          Sicuramente :D Tra una rovistata giornaliera di account twitter di dirigenti/programmatori Microsoft ed una lettura di changelog di Windows 10 sono sicuro che avrà il tempo anche di fare quello :D E’ bello essere appassionati di informatica, ma siamo una piccola nicchia, la maggior parte delle persone la utilizza per avere una vita più comoda e di conseguenza insegue ciò che gli permette di avere tutto ciò ed è giusto che sia così! Ognuno ha le sue passioni, è come se un meccanico si lamentasse che le persone comuni non sanno smontare un motore di una macchina! ma soprattutto.. c’è differenza tra un appassionato di informatica ed un appassionato del mondo Windows! Son cose diverse :D

    • Spectre ha detto:

      Guarda in genere mi stai sul c**o ma questa volta condivido pienamente il tuo discorso

      • ilmondobrucia ha detto:

        Semplicemente le persone si sono spostare dal pc fisso al mobile che ormai ci fai quasi tutto, dal leggere notizie, prenotare voli e hotel ecc.
        Non ci voleva chissà quale cultura per utilizzarlo

    • floriano ha detto:

      di solito questo blog lo leggo solo dal cellulare… ;)

    • ilmondobrucia ha detto:

      Fossero solo i bimbo minkia… Ma sei cieco, non vedi che siamo tutti chinati a fissare il cellulare, figli, genitori, al semaforo, a fare la spesa, pure al cinema. Poi quale sarebbe la cultura informatica… Gli stessi che cliccano ovunque e installano finte barre ricerca google e manco se ne rendono conto, sono gli stessi che installano mille app e incasinano il cellulare, il problema che non frega di imparare, se il cellulare non va meglio, ne comprano un altro e hanno un nuovo giochino. questa é la malattia del nuovo millennio, ci siamo quasi tutti dentro

    • matteo81 ha detto:

      Cioè fammi capire… adesso tutti quelli che utilizzano uno smartphone per connettersi sono bm?
      Ti svelo un segreto: i bimbominkia come li chiami tu esistevano anche ai tempi del c64, amiga e del dos…. con l’unica differenza che a quei tempi il computer era l’unico mezzo con cui ci si poteva interfacciare per fare determinate cose… punto.
      Lo smartphone è molto più semplice di un pc da mantenere, è molto più immediato e pratico nell’uso quotidiano e soprattutto lo hai sempre a portata di mano…
      L’incrocio di quelle due curve significa semplicemente che la maggior parte dell’utenza ha capito che tutte le cose che faceva prima con un pc le può fare molto più comodamente e rapidamente con uno smartphone….

      Poi ti pongo una banale domanda: per quale oscuro motivo io dovrei farmi una cultura informatica? ma la tecnologia non è fatta per semplificarci la vita? quindi se io guido una macchina dovrei per forza essere un cultore dell’automobilismo?
      Il tuo commento è di un’ignoranza tragica e piuttosto distaccato dalla realtà che viviamo… senza offesa.

  12. M620Vod ha detto:

    Di niente….

  13. ILCONDOTTIERO ha detto:

    Siete stati l’unico blog a fare un titolo corretto senza click-bait . Oggi ce ne sono un centinaio di blog che ne hanno scritto di ogni genere sul argomento e titolo .
    Grazie per la vostra professionalità.

  14. Enn3 ha detto:

    Il vento è cambiato e se Android crea anche un s.o. Desktop sarà da ridere. Già si parla di una specie di continuum Android.
    Comunque ormai la gente comune che non lavora col pc fa tutto col telefono o Tablet. Navigazione, mail, stampe via wifi o Bluetooth….

    • RamboMelandri ha detto:

      In quale universo un eventuale contiuum android potrebbe sostituire un desktop? Ah sì giusto la gente deve solo navigare e mettere like su facebook e bla bla bla… Infatti si è visto il tracollo delle soluzioni MS 2 in 1… Un fallimento totale. Android ha tutti quegli accessi non per il declino di windows ma perchè ci sono moltissime persone, soprattutto tra i giovanissimi, che il pc non lo usano proprio… E non mi sembra una cosa di cui gioire…

    • floriano ha detto:

      adesso c’è già una specie di sistema desktop che è chromeos (che purtroppo è solo cloud) , nel breve futuro dovrebbe unirsi con Android e diventare Andromeda…

  15. Alexv ha detto:

    Beh, è ovvio. Android è anche mobile…

  16. 00SAMU ha detto:

    OT: oh ma sbaglio o non ho letto da nessuna parte dell’OEM funker che produce telefoni con w10m gia da un po di tempo? L’ho trovato su amazon cercando telefoni con w10, ma pare che quell’oem sui windows forum, scusate il linguaggio, non se lo sia cagato di striscio nessuno. Magari mi sbaglio ma non ho trovato nessuna notizia su quella marca, quanti altri OEM ci sono di cui praticamente nessuno sa nulla?

  17. sam ha detto:

    Non ha senso questo articolo termini di paragoni improponibili. Sicuramente e causato dal fatto che Android e sugli smartphone e tablet , per il resto Android come OS non lo vedo bene, anzi sarebbe più pericoloso di windows. Diciamoci la verità windows è un OS impareggiabile (pur avendo delle pecche che agli altri OS non mancano assolutamente).

  18. klau1987 ha detto:

    bhè è abbastanza inevitabile…considerando che il mercato mobile è quello più fiorente ed è proprio quello dove ms sta affondando.

  19. GiulioN7 ha detto:

    Credo sia anche normale, in una famiglia media si ha 1/2 pc contro uno smartphone a testa, a volte anche 2. Quindi è ovvio che nel lungo termine android vada a superare windows nelle connessioni internet, il 90% degli accessi sono ai social da smartphone e tablet, credo siamo rimasti in pochi ancora a surfare il vecchio www da pc. Ma da qui a che MS si preoccupi di Andriod sul desktop ce ne passa :)

  20. Pietro ha detto:

    Microsoft però ha l’asso nella manica, lo smartphone definitivo, forse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *