• 5 commenti

Twitter pronta a dire addio a Vine [AGGIORNAMENTO x1]

Vine è un servizio realizzato da Twitter per dispositivi mobile che permette di girare microvideo dalla durata di 6 secondi da postare sul popolare social network disponibile anche sullo Store mobile e desktop di Microsoft.

vine

Tramite un post sul proprio blog ufficiale, il team di Vine comunica che a breve sarà interrotto il servizio e che l’applicazione ufficiale presente sui vari OS non sarà più utilizzabile. La ragione di questa scelta al momento non è stata comunicata, nel post possiamo comunque leggere che per permettere agli utenti di visualizzare i propri Vine sarà comunque mantenuto attivo, almeno per il momento, il sito web.

In attesa dell’interruzione del servizio, potete ancora scaricare l’app ufficiale Vine sulla piattaforma Windows (Mobile e Desktop) gratuitamente da questo link.

Articolo scritto il 28/10/2016

Aggiornamento x1 – 14/01/2017

Tramite una notifica interna all’app Vine per Windows, Twitter comunica che l’applicazione non sarà più supportata a partire dal 17 gennaio.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Del Fante Guido ha detto:

    Non ha attecchito il mercato ed è inutile avere funzioni separate, doveva essere dentro Twitter stesso

    • Gianlu27 ha detto:

      Infatti hanno fatto così, ora hanno messo i video direttamente in twitter. Vine credo che avesse qualche piccola funzione in più (ad esempio tagliare e mettere insieme un video, ma appunto, era di breve durata). Ora hanno integrato direttamente allungando i video fino a 140 secondi

    • Raxien ha detto:

      Perché non hanno saputo monetizzare il tutto.
      Puoi avere l’app più figa del mondo ma se non la monetizzi fallisce.

      Guarda Instagram, ora compariranno gli spot e le pubblicità in mezzo. Chissà come mai :)

  2. Luca ha detto:

    Bye Bye, ormai per i microvideo ha vinto instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *