• 68 commenti

Clash of Clans per Windows 10 Mobile? Al momento non è in programma

Clash of Clans è un noto gioco realizzato da Supercell diventato uno dei più popolari giochi mobile su Android e iOS.

clash-of-clans

Sono molti gli utenti in attesa di vedere questo gioco su Windows Phone o Windows 10 Mobile, purtroppo al momento sembra che ciò non accadrà. Infatti alla domanda di un utente su Twitter al CEO di Supercell che chiedeva se è in programma la realizzazione del gioco su Windows 10 Mobile, ha ricevuto come risposta che al momento purtroppo non è previsto (come se non dipendesse da lui).

Clash of Clans ricordiamo è stato lanciato su iOS nel 2012 e portato su Android l’anno dopo, si tratta di un free-to-play che è riuscito ad essere uno dei migliori giochi in termini di ricavi grazie agli acquisti in-app molto utilizzati.

via

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Luca ha detto:

    Bèh certo che così sono f€ssi… Su pc non gli mancherà certo utenza pagante…

    • Daniele ha detto:

      E se Apple e google facessero pressione per non pubblicare il gioco su altre piattaforme in cambio di visibilità o ricavi maggiori? A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca

  2. Dario ha detto:

    A leggere certe notizie e a vedere le posizione contro windows di altre software house “di moda” o cmq le più popolari, viene quasi da pensare che si voglia ostacolare windows. Ora arriverà il simpaticone che scriverà GOMBLOTTOOOOO!1!!1! anche a me sembra assurda una cosa del genere, ma siccome si parla di quote di mercato e quindi di bei soldoni, non si sa davvero cosa c’è sotto. Ma pensare che un gioco non venga sviluppato per la piattaforma più consona ai giochi (ovvero i pc con win10 che non sono di certo pochi) porta davvero a trarre queste conclusioni! E non sono adam kadmon.

    • Michele Papa ha detto:

      Soprattutto per queste tipologie di giochi dove la gente li usa molto su pc (vedi farmville e city). Capisco che magari non la portano sul mobile ma almeno su w10 è incomprensibile. A meno che non salta fuori che non vogliono rischiare di spendere soldi per svilupparla e avere paura di non averne un ritorno economico…

      • Dark Helgast ha detto:

        In realtà clash of clans non e’ proprio da pc ma comunque qui gli interessi in gioco sono altri

        • Dario ha detto:

          Beh ok l’interfaccia e i comandi sono stati pensati per sistemi touch, però a me da fastidio giocare su schermi piccoli, se avessi la possibilità di giocare su uno schermo fisso non ci penserei due volte a giocare su li. Su smartphone e tablet ci giocherei in treno, una volta a casa userei il portatile senza pensarci due volte. Mi sembra strano che non sfruttano appunto questa possibilità. Boh.

          • Dark Helgast ha detto:

            Infatti una delle cose interessanti che ha wm10 e non la sfruttano c’è altro sotto,non parlassero di previsioni di bassi guadagni perché con le Universal app non hai solo i wm ma anche probabili milioni di pc,la loro e’ solo una scusa

    • Luca Serri ha detto:

      Le app universali di Windows 10 si chiamano UWP app (Universal Windows Platform), UWA non esiste ;)

  3. Michele Papa ha detto:

    Mi sto sempre più convincendo che per la maggior parte delle software house sviluppare app per un terzo OS competitor non risulta conveniente. Se questo OS raggiungesse quote mondiali intorno al 20/30% allora si perché ci sarebbe uno spostamento dell’utenza. Ma allo stato attuale non investono in un altro OS che rappresenta il 3% mondiale semplicemente perché il gioco non vale la candela. Con il porting da ios e le Universal app questa cosa doveva essere in parte arginata, ma io non vedo a distanza di un anno tutto questo fermento, anzi, spesso vedi che l’applicazione per Windows 10 non c’è per il mobile. D’altronde neppure per tizen e per altri OS come BB sviluppano, segno che il mercato degli sviluppatori ormai riconosce come consolidato e proficuo solo gli store IOS e Android. Quello che vorrei tanto vedere è come vanno le cose al momento che tutti i WP saranno aggiornati a W10M quindi quando questo rimpiazzerà effettivamente il vecchio Windows Phone. Per adesso sembra che sono quasi tutti li fermi alla finestra, immobili, per vedere come si evolve la situazione, e questo non va bene..

    • joker ha detto:

      Bisogna tenere conto che la percentuale di dispositivi Windows 10 credo sia ai livelli di Android…o ci arriverà a breve…ovviamente conto tutti i pc aggiornati a Windows 10 e credo che a quel punto gli sviluppatori avranno molto riguardo per la piattaforma Windows…Microsoft ha fatto una bella mossa (poi ha fatto tante cacate ma questo è un altro discorso)

      • Jacksoft ha detto:

        A quanto pare, seppure l’adozione di Windows 10 Desktop sia in netto aumento, pare che non se ne freghino comunque.
        In effetti è così, loro preferiscono il lato mobile e su mobile tablet e smartphone con Windows 10 ancora non c’è una mazza (e se ci sarà il marketshare sarà comunque bassissimo).
        Con i telefoni non abbiamo futuro, l’unica speranza è con i tablet, ma ahimé stessa storia: no apps -> no vendite -> no apps.

        • Michele Papa ha detto:

          Io nello store di 10 trovo ancora app con la scritta “solo pc”. Non capisco, ma le app presenti ora nello store non dovrebbero girare automaticamente sia per pc che per il mobile? Perché se la devi sviluppare cmq due volte per farla girare anche sui telefoni allora non è inutile? Dove sta la rivoluzione sbandierata?

          • joker ha detto:

            Devono comunque scrivere il codice della parte grafica adattata ad uno schermo più piccolo

          • Michele Papa ha detto:

            E costa? Perché non lo fanno?

          • joker ha detto:

            no era solo per puntualizzare, non ho idea del perché non lo facciano comunque il tutto si “gioca” in questi mesi , se entro l’estate non cambia nulla parlando dell’interesse degli sviluppatori Windows 10 rimarrà soltanto una bella favola.

          • paolo ha detto:

            Per girare girano, ovviamente nella UI devi tener conto delle dimensioni diverse dello schermo e prevedere un layout alternativo per gli schermi piccoli (e in verticale per quanto riguarda il telefono). Non è un lavoraccio, ma evidentemente gli sviluppatori di quelle app non sono interessati o non hanno voglia, o forse hanno previsto di fare una revisione più avanti nel tempo…chi lo sa? :D
            E’ chi pubblica nello store l’app che dice se l’app è solo per pc o anche mobile.

          • Michele Papa ha detto:

            E costa lavoro? Soldi? Perché questi non lo fanno? Nel concreto se tutti non aggiungessero queste poche righe di codice avremmo cmq app sullo store di 10 inutili per w10m…pensavo che la cosa fosse già ora automatica…

          • paolo ha detto:

            La rivoluzione di cui parli c’è stata ed è enorme (ti parlo da sviluppatore).
            Lo stesso identico codice gira su tutti i device W10: pc, tablet, telefoni, xbox e smart tv (credo che una l’abbiano presentata).
            L’unica cosa da fare per lo sviluppatore è, come dicevo, prevedere layout differenti che si adattino alle dimensioni dei device.

            Non è un lavoro enorme, ma ovviamente impegna del tempo. Per interfacce semplici (liste, dettaglio) tipo Netflix secondo me te la cavi in pochissimo tempo (in fondo devi solo togliere qualche dettaglio nelle liste e spostare qualche elemento nel dettaglio)…e per pochissimo tempo intendo ore.
            Ovviamente non ti so dire perché le applicazioni che dici siano solo per pc…

          • Michele Papa ha detto:

            Molto esaustivo ^^

          • paolo ha detto:

            La rivoluzione per l’utente sarebbe ancora maggiore se l’utente utilizzasse tutti device W10: stesse applicazioni disponibili ovunque con solo qualche differenza grafica, applicazioni acquistate su un device disponibile su tutte, dati (tipo i salvataggi dei giochi) nel cloud quindi stessi dati su qualsiasi device.
            A me non sembra poco: nessun altro offre un ambiente di sviluppo così universale.

            Bisogna solo vedere se funziona, speriamo che il pc “tiri” le altre piattaforme. :D

          • Dario ha detto:

            Purtroppo questa rivoluzione gli utenti non la capiscono. Aver tutto su tutte le piattaforme è la cosa più spettacolare che ha introdotto win10. Per questo io sono cosi legato a questo OS, anche se ha qualche mancanza lato mobile, nessun altro ecosistema (a parte apple ma è costosissimo) riesce a darmi la stessa integrazione che ho con win10. Purtroppo però le persone che usano gli smartphone e si sono eletti “guro” della nuova informatica, sono gli stesso che 4-5 anni fa dicevano “io di computer non capisco una mazza, per me è arabo”. Non dico che android è pessimo, anzi, per certi versi è innovativo, ma aver due sistemi (andorid mobile e win su fisso) che quasi non si parlano nell’era del cloud se non con dei workaround, per me è inconcepibile.

          • Dario ha detto:

            Come hanno detto sotto credo che devi prevedere un’interfaccia che si adatti al mobile. Magari le app che per ora sono disponibili solo per il pc non hanno sviluppato l’interfaccia per schermi piccoli. Guarda ad esempio l’app di posta o meteo, nonostante sia le stessa app che gira sia su pc che su smartphone l’interfaccia è completamente diversa. Se chi ha sviluppato l’app non ha pensato alla grafica per mobile non la rilascia per quella piattafroma (credo). Non sarebbe male una risposta da un programmatore.

          • Michele Papa ha detto:

            Infatti, anche perché, correggetemi se sbaglio, non dovrebbe costare niente aggiungere poche righe di codice per gli schermi Smartphone. Poi se la devono riprogettare daccapo per farla adattare ai telefoni allora alla fine non cambierà niente per il mobile, ma questo non lo so..

          • Jacksoft ha detto:

            Va ridisegnata, nello stesso progetto, indipendentemente. Non la si può “riadattare” in automatico.

          • Dario ha detto:

            A livello di codice non so quanto lavoro ci sia da fare per farla adattare al mobile, a logica non credo sia necessario riscriverla se no sarebbero due app diverse. Dovrebbe essere lo stesso codice con delle righe in più per la gestione dello schermo piccolo. Il problema è la gestione grafica. Penso che la gestione dell’interfaccia sia quasi più dificile del codice stesso, se pensi che un app si deve adattare a schermi grandi con risoluzioni ridicole (laptop o monitor di bassa fascia) e schermi piccoli con risoluzioni mostruose (smartphone top di gamma).

          • paolo ha detto:

            Non è neanche codice: sono modifiche XAML (il linguaggio di markup utilizzato per definire l’interfaccia grafica).
            Qui c’è un esempio:
            https://msdn.microsoft.com/it-it/library/windows/apps/dn894631.aspx

            cerca “trigger” e vedi quanto semplice sia cambiare posizione ad un elemento.

          • Dario ha detto:

            Ho iniziato a leggere qualcosa, molto interessante! Sulla carta ha davvero delle potenzialità pazzesche. Se avessi tempo proverei a sviluppare qualcosa di banale giusto per capire meglio come funzionano.

          • joker ha detto:

            era una risposta da un programmatore hahaha è proprio come hai ribadito tu

          • Dario ha detto:

            Bene, in pratica siete stati in due progrmmatori a confermare che il lavoro di adattamento grafico non è impossibile da fare. Sicuramente porterà via tempo, ma è fattibile contando il fatto che, in teoria, le grandi app hanno alle spalle team di sviluppatori ma sembra che non vogliano vedere i vantaggi delle UWA. Vedremo come evoleverà la situazione.

          • Luca Serri ha detto:

            Le app universali di Windows 10 si chiamano UWP app (Universal Windows Platform), UWA non esiste ;)

          • Jacksoft ha detto:

            Non sono UAP nuove e complete, o sono ancora scritte nel vecchio Silverlight/WinRT. Il OneCore è una buffonata, visto che non impongono che le app siano universali in toto.

          • Michele Papa ha detto:

            Bravo, è una buffonata, dovrebbero imporlo. Cosi hai la certezza che quella applicazione sullo store è davvero universale.

      • Michele Papa ha detto:

        Si, ma io penso che se è vero che una applicazione sviluppata per miliardi di utenti Windows 10 desk giri automaticamente anche per gli Smartphone, allora già adesso dovremmo vedere un incremento forte nella pubblicazione di app su store Windows visto che 10 è uscito da luglio. Non credo che gli sviluppatori stanno aspettando che venga aggiornato quel 3% di utenza mondiale…mi sbaglio?

    • Luca Serri ha detto:

      Oltre alla non convenienza (da valutare caso per caso) c’è il fatto che alle software house fa più comodo un duopolio di un tripolio (o comunque si chiami XD) perchè sviluppare 2 app anzichè 3 richiede meno mezzi e meno soldi.

    • fabrizio ha detto:

      Beh mica vero. O almeno, non del tutto. Capisco le softwarehouse che operano a livello globale (come appunto giochi o app social), io quello che non capisco sono i servizi a livello nazionale.
      Parecchie banche, comuni e servizi (trenitalia/italo) non hanno apps per un OS che ha quasi il 15% di share nazionale.

      • Michele Papa ha detto:

        Già questo me lo chiedo anche io. La risposta potrebbe essere tranquillamente come diceva Luca, cioè che sviluppare per un terzo os richiederebbe risorse che le software House e chi le finanzia non vogliono investire

        • fabrizio ha detto:

          Quello potrebbe essere, ma tenere il 15% dei clienti “potenziali” sprovvisti di una app non è proprio una mossa geniale

    • Adrem Swodniw ha detto:

      Veramente su Tizen, già da diversi mesi, ci sono le app ufficiali di Facebook, Messenger e Telegram (non app “tarocche” fatte da Microsoft o in beta convertite da iOS come per Facebook su Windows).

  4. Spectre ha detto:

    Sono sicuro che supercell venga in qualche modo finanziata per rimanere un esclusiva, alla fine non ci vedo niente di strano in questo. Se si vuole far fallire Windows phone basta dare a zuckerberg e co. un introito maggiore del misero 3% che ricavano da noi e far rimuovere l’app, le vendite si ridurrebbero a 0 in un attimo. Purtroppo una buona fetta di mercato, soprattutto teenager acquistano il telefono per giocare a clash of clans, motivo per cui non passano a wp. Sicuramente avranno avuto un accordo di esclusiva in passato per diversi anni che deve essere rispettato, non vedo altre spiegazioni visto i 200 milioni di utenti che abbiamo.

    • Dario ha detto:

      Beh alla fine se analizziamo le app più popolari e di “moda” la faccenda ha dell’incredibile, o non ci sono e i CEO dichiarano che mai le faranno su wp e non permetto a terzi di farle (vedi snapchat o instagram), oppure sono sviluppate con i piedi (facebook, twitter) invece app di piccole software house ora mai vengono rilasciate in contemporanea su tutti e tre gli OS. Se prima utiliazzavano la scusa dello share, ora con win10 universale questa scusa non regge più come prima. La situazione è davvero strana.

      • Michele Papa ha detto:

        Infatti

      • fabrizio ha detto:

        beh basterebbe una bella campagna marketing (anche su tv) per far capire al 90% degli home users di pc che tutti quei giochini/cazzate li possono scaricare tranquilli dal market, e far vedere che se hai pure un telefono w10m i dati di quell’app ce li hai ovunque, quindi puoi interrompere mentre sei sul cesso (tablet) e riprendere sul bus/treno (smartphone).
        E soprattutto inondare il mercato di tablet 8-10′ con atom e w10 a prezzo concorrenziale

    • Alex Sartori ha detto:

      Il fatto è che anche prima gli utenti windows 8/8.1 erano più di 200M(e lo sono ancora W8.1 ha ancora una quota di mercato del 10% circa articolo di pochi giorni fa), ma lo store W8 forse era persino meno fornito di quello WP… Il problema è che gli utenti usano molto poco lo store almeno per il momento(secondo un sondaggio di WPcentral di qualche mese fa degli utenti desktop/laptop solo l’ 11% apriva durante la giornata più di 2 app “modern” scaricate dallo store, su WP8.1 erano 12 se non mi sbaglio… quello che potrebbe migliorare la situazione è il fatto che con W10 si possanno avviare le app sotto forma di “finestra”…Detto questo si intuisce che 200M di utenti sono relativamente pochi soprattutto visto che MS chiede per le app a pagamento e per gli acquisti InApp una percentuale uguale agli altri due OS(circa il 30%) e che lo store di Windows è quello che in percentuale porta la remunerazione + bassa sulle pubblicità in app ( poichè probabilmente il mercato non crede in Windows offrendo contratti pubblicitari + bassi)…Se MS decidesse di agevolare gli sviluppatori con incentivi reali (abbattendo per 1 anno ad esempio le sue percentuali di guadagno almeno per le grosse realtà e cercando degli accordi con le varie case di produzione(fatto già con King e Gameloft per fare due esempi)

  5. Angelo ha detto:

    Devono vendere molti smartphone per attrarre gli sviluppatori.. E come si fa? I telefoni li abbiamo, il sistema pure, l’interfaccia grafica si è persa per strada.. Fortunatamente un concept da paura é comparso in rete.. Tanto vale trasformarlo in realtà portandolo sullo smartphone come prima cosa.. Poi un secondo aggiornamento volto a fixare il possibile e da qui si (ri)parte.. Ecco come aumentare vendite ed attrarre sviluppatori.. Questi di supercell arriveranno strisciando su piattaforma Windows..

  6. ♏ichele 10 © ha detto:

    Se Microsoft non inizia a puntare sul serio sul suo sistema operativo Mobile, perderà sempre più quote e consensi. Ne abbiamo piene le palle delle loro promesse campate per aria. Vogliamo i fatti, questo è tutto.

    • Capitan Findus ha detto:

      E cosa può fare Microsfot se uno sviluppatore non ha la minima intenzione di fare il giochino per windows?
      Ci sono stati incentivi, ci sono tra i tool di sviluppo, ci sono 200 milioni di pc con windows 10 su cui potrebbe girare…

      Se questi continuano a non voler fare clash of clans per windows cosa dovrebbero fare? Puntargli una pistola alla testa?

      • Dario ha detto:

        Magari pagarli più di quello che hanno dato gli OS concorrenti per aggirare il loro blocco :D Sto scherzando.. Spero :D

      • Dark Helgast ha detto:

        Il problema e’ che non e’ una cosa normale,chi continua a non voler sviluppare per wm10 con la scusante dei bassi guadagni , dice solo falsita’ perché con le Universal app non hai solo gli utenti wm ma anche una buona parte dei 200 milioni desktop che sicuramente saliranno.App=mercato=altre app

        • Capitan Findus ha detto:

          Infatti. I discorsi sul poco share o su wp in sè non hanno senso.
          Se al momento attuale c’è chi rifiuta 200 milioni di dispositivi vuol dire che c’è ben altro sotto.
          Poi se è ostruzionismo, antipatia, esclusive, accordi sottobanco o quant’altro chi lo sa

          • y.ol ha detto:

            Dovete guardare le statistiche di quei 200milioni di utenti. Quante app usano? Quante ne scaricano? Quante volte pensano di aprire il windows store? Personlamente, _tutti_ gli utenti w10 che conosco non si cagano di striscio il windows store e usano solo programmi x86 (i power user) o webapps su chrome/firefox (gli altri).

            I miei dati non fanno la statistica complessiva, ma sono un ottimo indicatore

      • Michele Papa ha detto:

        Come prima cosa si potrebbe iniziare a essere seri e a lavorare bene su questo OS mobile visto che a luglio è stato detto che si era in ritardo con w10m e al mio paese ad oggi fanno 6 MESI di ritardo, cosa che dovrebbe essere inaccettabile per un consumatore e anche per il fanboy più incallito. Poi di convesso si potrebbe smettere di fare annunci campati per aria se non si hanno le capacità di rispettarli come lo stesso lancio dell’ OS o il porting da android…solo per citarne alcune eh…

        • minzi ha detto:

          non hanno mai detto che avrebbero aggiornato a luglio…hanno detto che a fine estate (23 settembre) avrebbero presentato w10 e infatti puntali 6 ottobre presentati i nuovi …il lancio dell’Os per i vecchi dispositivi non l’hanno mai annunciato ne hanno mai dato una data tranne entro il 31/12/2015 e finora sono solo 14 gg di ritardo

          • Michele Papa ha detto:

            Ho detto che da luglio hanno detto che erano in ritardo e non che doveva uscire a luglio (come pero molti credevano/speravano). Se da luglio annunci che sei in ritardo e ad oggi ancora non esci il ritardo mi sembra che è di 6 mesi. Non come apple che annuncia l’OS per ottobre e l’OS esce a ottobre. I pochi interessati a w10m già non ne vogliono più sapere e sono davvero pochi quelli che aspettano per sostituire il telefono con un nuovo w10m. Era necessario annunciare il debutto per autunno e poi spostare per “entro fine anno” per poi spostare a prima o poi? Era necessario annunciare il porting android per poi dire “scusate ci siamo sbagliati è infattibile” era necessario annunciare a luglio lo spostamento delle risorse dal desk al mobile per colmare il ritardo per poi dire “no, il mobile non avrà nessun incremento di risorse”. Ecco io penso che una azienda seria dovrebbe smettere di fare questi comportamenti da sprovveduti. Qua sopra puoi leggere tante volte “sono 5/6 anni che crediamo alle promesse di ms senza che queste siano mantenute” forse sarebbe il caso di iniziare a rispettare promesse e tempistiche cosi magari i consumatori che evitano ms tornano ad avere fiducia no?

          • minzi ha detto:

            il problema é che non hanno mai detto di essere in ritardo….il ritardo é in base a qualcosa o quando dichiarato
            continui a prendere per dichiarazioni quello scritto dai blog come rumour

          • Michele Papa ha detto:

            Aul di luglio: “Si siamo in ritardo con w10mobile e vi spiego perché”. Non è un rumor è un’intervista. ora mi dirai che si inventano anche le interviste?

          • Michele Papa ha detto:

            Ora non ricordo da luglio in quale tweet Aul disse che erano in ritardo e che avrebbero spostato le risorse dal desk al mobile. Ma da qua a dire che mo Microsoft ha 14 giorni di ritardo su w10m si esagera, quando tutti qua sopra sappiamo che sono mesi

          • Alex Sartori ha detto:

            hanno sia dichiarato di essere in ritardo, sia annunciato date poi disattese(che sia un giorno o un mese o un anno poco importa la figura non è delle migliori)… il problema è che quando insegui gli altri non puoi permetterti errori…

          • Giuseppe ha detto:

            da luglio ad ora le build w10m son migliorate..almeno non sono rimasti fermi, ormai non manca molto (spero)

        • Capitan Findus ha detto:

          W10 mobile è uscito a fine settembre.
          L’aggiornamento dei vecchi terminali è sempre dico sempre stato fatto in un secondo tempo.
          Tutto questo senza considerare che se vuoi puoi fare un’app che giri già su 200 milioni di computer. Il che non mi pare affatto poco.

          Della mancanza del porting da android frega nulla se varrà il porting da ios.
          Tra l’altro pare che il porting da android sia stato abbandonato porprio perchè causava decadimenti prestazionali, quindi di che ci si lamenta?

          Poi che su w10 mobile ci sia ancora da lavorare è fuori discussione.
          Ma con gli sviluppatori che snobbano windows non c’entra (perchè ripeto potrebbero già avere a disposizione 200 milioni di dispositivi se volessero).

  7. sonodio ha detto:

    Dkdk

  8. mario ha detto:

    Che noia……premetto che non gioco con il telefono ma cavoloooo questo é un giocone per gli appassionati!!!conosco gente che non comprerà. Mai un lumia perché manca di queste cose

  9. GiobyOne ha detto:

    diffusione=soldi questa e’ la regola. Nessuno e’ esente da questa regola. Questo MS lo sa benissimo, quello che mi meraviglia e’ che a distanza di 5 anni (dal rilascio di wp7) siamo a chiedere ancora le stesse cose. Boh, a volte sembra incredibile, verrebbe voglia di parlare con il capo progetto per capire il perché. Oggi se non segui la tendenza rischi di restare fuori dal mercato, vi ricordate la dichiarazione di Castiglioni ai tempi della Cagiva, noi non faremo mai scooter… infatti …

    • Luca Serri ha detto:

      Sì, ma nei free-to-play la diffusione conta un po’ meno. Vedi per esempio Asphalt e i vari giochi di Gameloft, che sono delle macchine da soldi.

  10. G.P.LUMIA 550 LTE ha detto:

    Allora , SUPERCELL non suppota e non supporterà flash of clans su Windows Phone perché ha paura di fare un passo falso .
    Microsoft ha tolto il mobile=SUPERCELL non investe soldi per noi che siamo 4gatti con in mano un Windows phone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *