• 10 commenti

UniSalute: L’app ufficiale dell’assicurazione sanitaria del Gruppo Unipol arriva su WP8.1

UniSalute è la compagnia del Gruppo Unipol leader nell’assicurazione salute che da vent’anni si dedica solo alla protezione sanitaria.

UniSalute

Da pochi giorni è arrivata sullo Store l’applicazione ufficiale per Windows Phone 8.1 che permette di accedere ai servizi UniSalute tramite l’area clienti, di scoprire tutti i servizi che offre e alcuni utili test dedicati alla nostra salute.

Di seguito la descrizione che possiamo leggere nello Store:

L’App gratuita di UniSalute, prima Compagnia in Italia ad occuparsi esclusivamente di assicurazione sanitaria in modo unico ed innovativo, è uno strumento pratico e veloce realizzato su misura per i nostri clienti e per tutti coloro che vogliono prendersi cura di sé.

Fondamentale se sei già Cliente, imperdibile se non lo sei. Scopri perché!

PREVENZIONE ONLINE
Hai a disposizione alcuni utili test per la tua salute:

-test visivo
-test audiometrico
-qualità del sonno
-prevenzione dentale: uno strumento “per grandi e piccoli” per una corretta igiene orale.

AREA CLIENTI
In qualunque momento puoi:

– prenotare visite ed esami presso le strutture sanitarie convenzionate UniSalute e ricevere conferma dell’appuntamento entro due giorni lavorativi dalla richiesta
– consultare il tuo Estratto conto con lo stato di lavorazione delle tue richieste di rimborso;
– ricevere le notifiche di conferma del tuo appuntamento, delle tue richieste di rimborso e dei feedback per fornire il tuo parere sui servizi di UniSalute.
– visualizzare l’Agenda con i tuoi prossimi appuntamenti;
– accedere alla sezione Feedback per dirci quanto sei stato soddisfatto delle strutture convenzionate in cui hai effettuato le cure.

PER SAPERNE DI PIÙ
Vuoi conoscere meglio UniSalute e i servizi che possiamo offrirti? In questa sezione trovi tutte le informazioni per scoprire il nostro modello unico e innovativo e i vantaggi di essere nostro client

Se siete interessati, potete scaricare l’app ufficiale UniSalute per Windows Phone 8.1 gratuitamente tramite il link diretto che trovate sotto.

Grazie a Massimo S. per la segnalazione!

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Dome ha detto:

    Non sapevo avessero un’app. La scaricherò. A lavoro hanno stipulato un’assicurazione con loro.

  2. D.R. ha detto:

    Ottimo vedere uscire app per WP. Però é triste vedere che stiamo percorrendo i passi degli U.S.A. in ambito sanitario, chi ha soldi potrà curarsi meglio. É veramente vergognoso, mah spero che un giorno ci sveglieremo e rivoltiamo questo potere.

    • tia ha detto:

      la sanità in italia è per tutti (ma tutti tutti e di più), se uno vuole fare di più è liberissimo.

      • ROC ha detto:

        Vedi il mio commento sopra. In Italia la sanità per tutti vale solo per poche realtà. E con i nuovi tagli sará ancora peggio.

    • Francesco Nunnari ha detto:

      non so se ne sei a conoscenza ma tra la sanità’ italiana e quella americana c’e’ un abisso!prima di tutto la profilassi e la cura medica italiana e’ una delle migliori al mondo se non la prima (almeno in qualcosa di positivo eccediamo anche noi per fortuna e non sempre per le cose negative!)inoltre in america bisogna avere una assicurazione medica perfino per interventi lievi e se non ne sei provvisto li paghi profumatamente di tasca tua…in italia sarebbe una assurdità’ dato che qualsiasi tipo di intervento a meno che non lo si faccia in una clinica privata sono completamente gratuiti e a carico dello stato!almeno una volta siamo migliori in qualcosa cavolo!

      • ROC ha detto:

        Sto in ambiente ospedaliero e quindi posso dirti che ci stiamo avvicinando a quello che é il modello degli U.S.A. Mi parli di interventi a cui tutti possono accedere, se non per poche realtà in Italia, interventi e visite presentano lunghe liste d’attesa e non perché le attrezzature e le sale operatorie sono sature, ma semplicemente che per rientrare nel budget , l azienda stabilisce un tot di interventi annuali. Mi parli di profilassi che dovrebbe camminare parallelamente alla prevenzione, sai tempo fá per le scuole si faceva un test banalissimo per la tubercolosi, adesso per rientrare nei costi non viene fatto piú, ed infatti la percentuale degli affetti é aumentata. In Italia la sanità non é per tutti, lo vedo ogni giorno, e solo per quelle aziende sanitarie che gestiscono i fondi, in alcune parti vengono chiusi i pronto soccorsi, in altre vengono aperte persino le CDS. Meglio non rientrare in queste questioni altrimenti ci sarebbe veramente da dire tanto.Ma Ti posso assicurare che già adesso molti sono costretti a eseguire esami diagnostici e visite specialistiche in strutture private.

        • Francesco Nunnari ha detto:

          io invece nel campo farmaceutico e qualcosa se permetti posso dirtela anch’io..se mi parli di gestione ospedaliera non posso che darti ragione perche’ i casi e scandali di cio’ che accade oggi in italia ne e’ pieno qualsiasi tg purtroppo!ma in questi casi si parla di mala sanita’ dovuta a una gestione pessima!per profilassi se sei nel campo ospedaliero sai perfettamente di quello che parlo continuo a confermarti che l’Italia
          fortunatamente resta una delle prime nel mondo se non la prima nel campo della ricerca, sicurezza e del controllo dei medicinali quindi diamo a cesare quel che e’ di cesare!che poi attualmente gli attuali governi stanno tagliando i costi sulla sanita’ questo ovviamente e’ di sicuro un problema molto grave ma i responsabili come sempre sono i soliti parassiti dello stato che pur di gonfiarsi il loro partafoglio se ne fottono della salute di tanti italiani!

          • ROC ha detto:

            Hai pienamente ragione se ti riferisci alla profilassi specifica e diretta, ma ultimamente siamo calati nella profilassi indiretta. Per quanto riguarda la ricerca diciamo che nonostante non abbiamo tantissimi fondi destinati come accade in altri stati, riusciamo a fare davvero tanto. Ma il mio commento si riferiva alla presenza di un assicurazione sanitaria, in quanto non dovrebbe neanche esistere l’ idea di assicurazione sanitaria in una nazione che ha creato il migliore sistema sanitario nazionale. Bah speriamo che cambino un po’ di cose e che si prenda coscienza dello stato delle cose attuali.

  3. Adam Williams ha detto:

    ma le credenziali di accesso sono le stesse di unipol sai?

Rispondi a tia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *