• 73 commenti

Nuovi dettagli su Astoria, il progetto Microsoft per portare app Android su Windows 10

Una delle novità presentate da Microsoft durante il Build 2015 (Build 2015: L’evento Microsoft si segue insieme a Plaffo! Ore 17.30 italiane) è stata la possibilità di effettuare il porting delle app Android e iOS velocemente su Windows 10 grazie a due nuovi kit di sviluppo, Project Astoria e Project Islandwood.

project-astoria

Microsoft non ha ancora rilasciato tutti i dettagli su questi nuovi kit, alcune informazioni arrivano ora da un’offerta di lavoro pubblicata da Microsoft sulla propria pagina ufficiale a questo link.

In particolare Microsoft scrive:

Originale

Are you ready to work on a product that was NEVER done before? Are you excited about using new data technologies to understand consumers and product health?

Our Astoria team is delivering a set of new experiences for consumers and developers with the potential to make a huge difference for the Windows platform. The Astoria bridge enables Android developers to publish their unchanged binary to run as they are on the Windows mobile platform. This is a first for our Windows platform received enthusiastically by the Android community.

Tradotto

Sei pronto a lavorare su un prodotto che non è mai stato fatto prima?…
Il nostro team Astoria vuole offrire nuove esperienze per i consumatori e gli sviluppatori con la possibilità di fare una grande differenza per la piattaforma Windows. Astoria consente agli sviluppatori Android di pubblicare il loro binario invariato e girare sulla piattaforma mobile Windows. Si tratta di una prima assoluta per la nostra piattaforma Windows, recepita con entusiasmo dalla community Android.

Stando a queste informazioni, sembra confermato che su Windows 10 sarà presente un vero sottosistema Android in grado di far girare app senza nessuna modifica al codice. Nel caso l’app utilizzi API di Google ovviamente gli sviluppatori dovranno utilizzare la controparte di Microsoft. Inoltre, come abbiamo visto in passato, gli sviluppatori avranno modo di aggiungere funzionalità come l’integrazione con Cortana, Live Tile, Xbox Live e altro ancora con semplicità.

via

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Nick ha detto:

    mi pare un’ottima mossa!
    ma così…addio sviluppo app native per microzozz?

    • maurizioxxoo ha detto:

      NON ci sono sistemi android (cioè emulatori nascosti in windwos), semplicemente il linguaggio viene automaticamente compilato per farlo girare correttamente su windows .
      la strategia è diabolica, ma è giusta tranquillo. la priorità è avere le app che mancano (poche ormai)…o meglio avere più qualità…dopo che arriveranno gli utenti in massa…gli sviluppatori non avranno scelta, man mano che cambieranno i sistemi di sviluppo capiranno che per fare app ancora più veloci e che sfruttino appieno le peculiarità di windwos dovranno rifarle native e le faranno perchè non potranno più perdere gli utenti

      • Emanuele ha detto:

        Esato, la cosa figa è che, stando a quanto scritto, non devono cambiare una riga di codice se non utilizzano livrerie google. Figa come cosa

      • David Lorenzin ha detto:

        Le aziende anti-ms ovviamente non porteranno ugualmente le loro app su windows, tuttavia dato che le app android sono facilmente decompilabili si spera in una marea infermabile di cloni IDENTICI con nomi leggermente diversi ;)

    • Holy87 ha detto:

      Questa è solo una soluzione nel breve periodo.

    • DNA ha detto:

      Mah potrebbe servire per quelle app che sono già state sviluppate. Sempre se il tutto e a costo “zero” in termini di risorse.

  2. Holy87 ha detto:

    No, le prestazioni non saranno paragonabili ad un’app nativa Windows 10. Semplicemente perché il runtime Java di Android è lento. Chi proprio non vuole rifare l’app per la piattaforma Windows 10 nel breve periodo, è meglio che provi a convertire quella iOS.

  3. _Marok_ ha detto:

    Aspetto con impazienza qualche app riconvertita utilizzando questi tool.
    Sapete se è già possibile utilizzarli appieno?

  4. Holy87 ha detto:

    Già, il fatto è che da iOS parti con il sorgente e quindi viene compilata in una app Windows 10 al 100%.

  5. Raiden ha detto:

    Ottimo così finalmente potrò utilizzare Dplay !

  6. Jam ha detto:

    Dall’articolo orginale, se non ho capito male, dicono che basterà prendere il relativo apk e convertirlo. Ovviamente con tutti i limiti del caso per quanto riguarderà certe app, ma sarà carino vedere snapchat girare su wp senza che il babbeo de suo sviluppatore possa farci molto. E’ probabile infatti che nasca una sorta di repackaging delle app, che potranno essere sideloadate su WM10. Il limite, sempre se ho inteso bene i commenti, è che tali app non saranno universal, e che in quel caso bisognerà partire dalle app di Ios. L’unico inconveniente è che con quel bridge c’è un po’ più di lavoro da fare.

    • minzi ha detto:

      non funziona per niente cosi….hai capito male
      devi prendere il codice del progetto tramite reverse engineering (e non é semplice) e ricompilarlo su VS tramite questo kit ( che é collegato e funziona tramite account Microsoft come VS) e farne il rebuild….sideloading pirata su w10m non va…solo wp8.1 con sd e jailbreak

  7. mario ha detto:

    Sembra una rivoluzione ma non ci credo ancora…provare per credere

    • Raiden ha detto:

      starà comunque sempre agli sviluppatori la facoltà di pubblicare la propria app..è li il vero problema..solo che ora avranno meno scuse perché il lavoro fatto con Android non dovranno ripeterlo con Windows Phone…

      • Jam ha detto:

        Pubblicheranno se saranno gli stessi devs a supportarle. Altrimenti via di sideload con apk riconfenzionati da altri.

        • minzi ha detto:

          si convinto che si possa fare sta piratata….un furto bello e buono oltre che riconfezionati cosa? il jailbreak solo per wp8.1 con sd lo puoi fare sempre se riesci a riconfezionare il codice dentro l’apk…non l’apk

          • Jam ha detto:

            Io non sono convinto di nulla, leggi meglio come ho scelto le parole da utilizzare: ” Dall’articolo originale, se non ho capito male, DICONO…”

            Now some have speculated that Microsoft will in some way recompile android APKs to Windows APX’s, but a look at the Android subsystem on Windows Phone shows that the environment itself contains several APKs, meaning that APKs already have to run natively on Windows 10 Mobile.

            In fact, it is speculated that simply wrapping an APK in the appropriate .manifest should be enough to turn it into an APX which can run on Windows 10 Mobile e.g.

          • Raiden ha detto:

            Si ma dopo che ricompili gli apk… come li installi nel telefono? Di sicuro non puoi pubblicarli nello store di Microsoft…

          • Jam ha detto:

            Sideload.

          • Raiden ha detto:

            ci vuole la sd in ogni caso.. quindi lumia 930 tagliato fuori….sperando poi che questo procedimento funzioni su Windows 10…vedremo!

          • Fabio b ha detto:

            Ricompili cosa? Se non sei lo sviluppatore non ricompili nulla!!

          • Raiden ha detto:

            chiedilo al tizio sopra di me…è lui l’esperto!

      • mario ha detto:

        Io spero vivamente che cambi la situazione o i lumia saranno sempre Un passo indietro

        • Raiden ha detto:

          Ho dovuto rinunciare all’acquisto di un’ottima telecamera di videosorveglianza da remoto proprio perchè non era presente anche l’app per WP… poi ne mancano diverse importanti..purtroppo finchè i WP rimangono con percentuali basse di vendita dovremo pazientare….

  8. Raiden ha detto:

    A me ad esempio lo smartwatch serve per avere le mappe direttamente nel polso senza dover togliere fuori il telefono…. per me che uso spesso la bici è una cosa utilissima e la utilizzerei senz’altro… non vedo come debbano offenderti! Certo se uno compra una cosa per moda è un conto ma ha anche le sue utilità!

  9. RiccardoII ha detto:

    Speriamo che utilizzino questa opzione solo per i giochi! Per le app “normali” meglio scriverle nativamente

    • 520 ha detto:

      Una volta steve jobs disse che il futuro del mobile erano i giochi più delle app , quindi penso che sarà così…

    • Fabio b ha detto:

      E chi lo fa? Lo sviluppatore freelance deve essere pagato. Se non c’è mercato non ci saranno applicazioni. L’equazione è drammaticamente semplice.

      • 520 ha detto:

        Metti il 70% ( volo basso ) di mercato pc con windows 10 , in cui le app che sviluppi una volta girano su tutti i dispositivi esistenti : pc , tablet , android , ios , wp , hololens , domotica , car os , prototype , arduino , smart tv , xbox , ect ect ……. 2+2 fa sempre 4 . Il mercato diventa come per magia il 100% grazie a dei tools di microsoft ! A questo punto se non sviluppi anche per windows 10 , o sei c0gl10ne o ti chiami google !!! ;-)

        • Fabio b ha detto:

          Sviluppare per WP10 e per W10 (incluse universal app) non è cosi semplice e veloce come ti fanno credere. Se vuoi fare un buon prodotto, devi dedicargli del tempo altrimenti otterrai una merda che funziona su ogni dispositivo e non risolvi il problema. Gli store sono strapieni di progetti sviuluppati con i piedi. Tu mi parli di arduino e smart-tv oppure hololens. Le competenze dove le metti? Non basta avere il tool devi sapere dannatamente cosa fare. Il potenziale che tu citi esiste già (fatte alcune esclusioni) da 10 anni per mamma MS e ti assicuro che il tempo speso per essere “cross device/platform” con il cervello e le mani sulla tastiera non era per nulla rilevante. Sapevo cosa fare ed i tool mi supportavano bene. Il monopolio di cui parli già non esiste più da 2 anni e MS lo sa bene. Sta rischiando molto.

          • 520 ha detto:

            hai ragione su tutto , ma se non si parte da qualcosa si rimaneva ancora a pettinar le bambole con steve balmer e Steven elop . la strategia c, è e adesso hanno 1, massimo 2 anni per avere dei risultati , altrimenti game over ! secondo me ce la fanno .

          • Fabio b ha detto:

            Io ci credo (anche professionalmente :))

      • RiccardoII ha detto:

        Ma perchè nel porting di un app normale devi riscrivere molte cose… quasi quasi fai prima a scriverla da capo eh eh

        • Fabio b ha detto:

          I tool ci sono e ti aiutano parecchio. Ma per ottenere un buon prodotto cross device è necessario tanto tuning (ma tanto) poiché i minimi comune denominatori non sono mai troppo ottimizzati per le prestazioni (ed è normale, devono solo funzionare).

  10. Raffael ha detto:

    Questa mossa mi lascia estremamente perplesso!!

    Da un lato è una cosa assolutamente interessante, dal punto di vista dei consumatori e degli sviluppatori…sviluppatori che avranno la possibilità di pubblicare la loro app su Android e su Windows 10 Mobile! D’altro canto gli utenti più esperti potranno installare, in sideload, gli APK opportunamente ricompilati…

    Di fatto, quello che MS sta tentando di fare è un potenziale miglioramento di Android, poiché potenzialmente tutte le app Android potrebbero essere portate su W10M…Inoltre, W10M offre degli spunti in più di Android, sotto alcuni aspetti, con Contnuum, con la possibilità di fruire di aggiornamenti direttamente da MS e con il porting di app di iOS, oltre che le Universal Windows App…in teoria, in questo modo sarebbe possibile portare “ufficiosamente” tutte le app che snobbano MS (tipo snapchat, ecc.)

    Dall’altro punto di vista, questa metodologia potrebbe non invogliare i devs a realizzare app native per W10M…e questo risulterebbe poco interessante per MS stessa…..vedremo come andrà, sono molto curioso su questo aspetto!

    • giaan89 ha detto:

      La penso come te, ma alla fine le rimane questa strada, sono 5 anni che provano a far crescere il market, ma se questo é cresciuto molto di numero, la qualità scarseggia e siamo quasi sempre l’ultima scelta degli sviluppatori, a volte anche di MS stessa. Ciò che non dobbiamo dimenticare, però, é lo store unico tra desktop e tutto il resto e sappiamo quanto sia vasto il monopolio di MS.

  11. Fabio b ha detto:

    E ancora su Astoria e Islandwood. Non fanno miracoli. Per nulla. Provare per credere (è gratis anche se limitato).

  12. Fabio b ha detto:

    Ancora le censure….)

  13. Francesco ha detto:

    ma io mi sa che mi prendo un bel android asus con i servizi di Microsoft e cortana….

    • Davide ha detto:

      Peccato che l’integrazione di Cortana con il sistema non sarà dello stesso livello

      • Francesco ha detto:

        non credo, Microsoft fa le migliori cose per gli altri, se vedi le pubblicità dei servizi Microsoft vedi che sono installati su iphone e android

        • Davide ha detto:

          Cortana non è un app su wp è parte del sistema quindi fluidità e prestazioni non sono equiparabili matematicamente.. Non parlo da fanboy ma è un dato di fatto

        • ILCONDOTTIERO ha detto:

          Il tuo discorso é un controsenso ,cioé Microsoft é migliore in tutto e tu non compri un sistema ideato da loro ? Incredibile….

          • Francesco ha detto:

            il disinteresse degli sviluppatori verso questo sistema, mi posta a cambiare, e dato che Microsoft sviluppa bene per altri os, mi vorrei buttare altrove. mi sono un po seccato di aspettare, intanto il mondo va avanti

          • Jam ha detto:

            Ti capisco purtroppo. Personalmente vedrò questo biennio cosa fare, intendo aspettare ancora un po’. Sinceramente meglio qualche compromesso che passare alle porcherie spyware delle gapps. Se almeno la cyanogen inc si muovesse a rilasciare qualcosa di valido con anche i servizi ms integrati sarebbe la mia prima scelta.

          • Francesco ha detto:

            io ho sempre avuto Windows, mi sono proprio scocciato di aspettare, si ok faranno il sistema più belo del mondo ma senza app non serve. ne escono nuove ogni giorno solo per ios e android e vengono dipo almeno 2 3 anni su Windows quando nessuno le usa più, il mio prossimo telefono non sara un wp di sicuro, terrò questo lumia 625 solo per chiamare

          • mr.serious ha detto:

            Quando nessuno le usa più….. tu usi le app perché le usano gli altri? Per moda quindi?

          • Francesco ha detto:

            vorrei usare anche le app più in voga, o alla moda come preferisci ma non posso, esiste anche il divertimento, le app lifestyle; non si inviano solo mail e si scattano foto con uno smartphone oppure non si ammira la perfezione del sistema operativo, ci sono anche altre cose

          • mr.serious ha detto:

            Capisco cosa vuoi dire, ma volente o nolente anche se escono app nuove e magari hai ragione non subito su W, esce quasi sempre controparte che fa le stesse cose..

          • Miki_1973 ha detto:

            Il fallimento o il successo di Windows 10, specie in ambiento mobile si vedrà già entro i prossimi sei mesi: se gli sviluppatori non inizieranno a fare app oltre che per Android e iOS anche in formato unversal app, Windows Phone e i tablet Windows10 saranno destinati a morire. Ormai le cose che ci circondano funzionano tramite app e purtroppo il 95% di queste per Windows phone non vengono sviluppate. Fino ad un paio d’anni fa uno smartphone aveva bisogno almeno della decina di classiche app “fondamentali”: Facebook, Instagram, Whatsapp, Youtube, Skype, Twitter ecc. Fondamentalmente tutte di comunicazione o social network e Windows Phone, già dalla versione 7 bene o male originali o compatibili le aveva. Oggi giorno invece quasi tutto quello che ci circonda funziona tramite app: dal router all’home teather, dalla camera d’albergo all’autoradio in macchina, dalla telecamera IP alla smart tv, dai giochi Lego dei figli all’app del supermercato all’app al museo e purtroppo non venendo sviluppate per Windows si può avere l’Os migliore che mai ma ci si ritrova tra le mani uno smartphone o un tablet.che serve a ben poco… Vedremo nei prossimi mesi, solo le universal app ci potranno salvare!

          • Jam ha detto:

            Quoto in tutto. Il problema, per quanto mi riguarda, non sono le app principali. Dei social e della spazzatura similare me ne frego, delle gapps pure, e dei giochetti anche. Sono proprie quelle con una destinazione d’uso più specifica che gira le palle non avere. E girano soprattutto perché putroppo non dipende da MS. Per ora, per l’uso che mi serve, il mio smartphone va bene, ci gira plex, ci girano le app per il mio nas synology e con remote desktop accedo al pc quando sono fuori casa. Però tutti gli usi di cui parlavi sopra, soprattutto nell’ottica del breve-medio periodo, non possono essere accantonati. Come dici giustamente, pensa solo all’automotive.

          • Miki_1973 ha detto:

            Io ho avuto per anni Windows Mobile (dal 5 in poi), poi Windows 7 dal dayone e successivamente anche Windows 8 appena era uscito. Devo dire che bene o male mi sono sempre trovato bene nonostante la povertà delle app, ma come scritto sopra quelle importanti da avere bene o male ci sono sempre state. Da un annetto pero’ onestamente le mancanze si sentono, come scritto ormai funziona tutto tramite app ed il fatto di poter utilizzare lo smartphone solo per il 5% delle cose con cui potrei sfruttarlo è davvero frustrante, specie se pensi che con uno smartphone da 50 euro Android potresti farci tutto… Col tablet uguale, anzi direi peggio perché attualmente per Windows 8.1 di app praticamente non ci sono neppure quelle “importanti da avere” se non quella scandalosa di Facebook e quella di Twitter (invece davvero ben fatta). Se con le universal app non si invertirà la tendenza è scontato che entro un anno di Windows10 continueranno ad esistere solo i pc desktop e portatili (che delle app necessitano in maniera relativa) mentre i tablet e gli smartphone saranno sappelliti dagli altri Os.

          • Jam ha detto:

            Spero solo che, nel frattempo, cyanogen inc riesca a tirare fuori qualcosa di valido senza le porcherie gapps e, magari, coi servizi ms già integrati. Oppure toccherà davvero passare a qualche telefono cinese senza gapps.

    • Qubit ❌Not ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ ha detto:

      Microsoft ha dato la disponibilità dei suoi servizi su android proprio per questo motivo.

  14. Francesco ha detto:

    usa shazam

  15. Jam ha detto:

    Io non ho capito male, ti consiglio di fare più attenzione alle scelti lessicali, specialmente se associate ad un tono che non puoi permetterti e ad una scarsa comprensione della lingua italiana.
    Io ho scritto e capito quel che c’è riportato, punto, se poi è sbagliato, poco preciso o scarsamente dettagliato, che colpe ho io?
    Inoltre ho scritto “alcuni dicono”, non “alcuni dimostrano, alcuni hanno provato, etc etc..”, ed esplicitamente è come aver scritto: ” alcuni ipotizzano”. Inoltre, è già sottointeso nell’aver citato un altro articolo come si stia parlando di speculazioni, io non ho mai sostenuto nulla più di quanto altri avessero detto, lasciando in ogni mio post il beneficio del dubbio, essendo la notizia tratta da un blog dove chiunque abbia una minima comprensione dell’inglese può farsi un’idea di ciò che realmente dicono.
    Detto questo, dobbiamo andare avanti a disquisire sul nulla?

  16. ILCONDOTTIERO ha detto:

    Io ho visto porting di app Ios che su Windows Phone volano nel vero senza della parola in maniera incredibile anche su hardware datati. Che senso ha usare quelle Android ? Detto fatto potrebbe attrarre più sviluppatori a scanso di qualità e velocità della stessa app .Comunque girerebbe meglio anche l’app di Android su Windows mobile questo poco ma sicuro .Il punto é potrebbe essere anche x certi aspetti introversi che si avrebbero app più prestanti di Android su Windows mobile che su Android stesso e questo fa pensare e non poco.

  17. Luca Esse ha detto:

    non ho capito perchè si parla tanto della app android da convertire, non è meglio puntare sulle app ios?

  18. Luca Serri ha detto:

    Provato con Spotify, SoundHound o MusiXMatch (mi sembra che si chiamasse così)?

  19. David Lorenzin ha detto:

    E se non lo vorranno, ci penseranno i devs (decomjpilare android è una cazzata) per vie ufficiose (stores paralleli)

  20. matteo mandelli ha detto:

    Non di convertono app ios perche é di cupertino mentre (google può dire cio che vuole) android é open source quindi se wp facesse girare un sottosistema android personalizzato per emulare le app sarebbe legalissimo e non dovrebbe pagare nessuno :) mentre ios é proprietario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *