• 97 commenti

Microsoft permetterà di portare velocemente app Android e iOS su Windows 10

Una delle novità presentate ieri durante l’evento di presentazione del Build 2015 (Build 2015: L’evento Microsoft si segue insieme a Plaffo! Ore 17.30 italiane [Live terminata]) è la possibilità di effettuare il porting delle app Android e iOS velocemente su Windows 10 grazie a due nuovi kit di sviluppo, Project Astoria e Project Islandwood.

4

Per quanto riguarda Android, Microsoft permetterà agli sviluppatori di utilizzare il proprio codice Java e c++, per questo motivo Windows 10 includerà un sottosistema Android. Nel caso l’app utilizzi API di Google, sarà possibile utilizzare la controparte di Microsoft. Inoltre gli sviluppatori avranno modo di aggiungere funzionalità come l’integrazione con Cortana, Live Tile, Xbox Live e altro ancora con semplicità.

Gli sviluppatori iOS potranno utilizzare il codice Objective-C, la conversione sarà permessa con poche modifiche al codice, Microsoft ha dichiarato che lo stesso Candy Crush Saga, disponibile sullo Store di Windows Phone 8.1, ha utilizzato i nuovi strumenti per il porting da iOS.

Terry Myerson di Microsoft ha dichiarato: “Vogliamo consentire agli sviluppatori di sfruttare il loro codice corrente e le competenze attuali per iniziare a realizzare app sul Windows Store”.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Daniele ha detto:

    Non c’è il rischio che si avranno solo app porting?

    • Gio ha detto:

      è una certezza…

      • massimo ha detto:

        Chi ha già il sorgente win 32 o “UA” (si parla di circa 6 milioni di applicazioni) gli conviene continuare con quello.

        Chi non può spendere cifre importanti per riscrivere un’applicazione gli conviene usare questi tool.

        Se i compilatori sono fatti bene le applicazioni portate vanno molto bene.

        Chi prende soldi da google o apple per non portare le applicazioni su ms non le farà lo stesso, ma per fortuna casi come vevo o snapchat non sono molti!

        Per noi utenti, solo vantaggi

    • michele ha detto:

      Cioè, il problema sarebbe utilizzare app uguali a iOS o android, oppure non usarle perché non le sviluppano? Ben vengano i porting a questo punto

    • Gianni ha detto:

      È un problema che esiste solo nella mente dei fan. Come se il play store non sia mai stato (ed in parte ancora lo è) pieno di porting da iOS, gli sviluppatori riutilizzano tutto il codice che gli è possibile per semplificarsi il lavoro, nessuno fa app completamente diverse per ogni piattaforma. Qui si parla di avere la possibilità di un riutilizzo pressoché totale del codice già scritto, con in più la possibilità di aggiungere con poco lavoro le personalizzazioni di Windows, come Live Tiles e Cortana.
      Se fatto con un minimo di criterio, è difficile anche accorgersi che si tratta di porting, come il caso di Candy Crash, quindi meglio avere più app subito in questo modo che non averne affatto.

      • Gio ha detto:

        il problema non è il porting, il problema è che molti sviluppatori a wp non ci pensano proprio…io mi auguro che con questa scelta ci siano tante apps, ma ad essere sincero non vedo tutto questo fermento in internet per questa nuova possibilità.

        • Gianni ha detto:

          Gli sviluppatori non devono sviluppare più solo per WP, ma per l’intera piattaforma Windows, è ben diversa la cosa. Stiamo parlando di un mercato che va dai dispositivi IoT all’Hololens e alla Xbox, con segmenti neanche coperti da Android e iOS e che rappresentano il futuro. Con tutti i dispositivi che monteranno W10 già nel breve periodo grazie agli aggiornamenti gratuiti e al nuovo hardware venduto, gli sviluppatori non potranno più ignorare Windows, specialmente se con poco sforzo possono piazzare un’app già pronta.

    • tranquillo ha detto:

      No perche chi ha gia delle ottime app (come nextgen reader) continuera’ a migliorarle sempre piu.
      Si tratta di capire se le app fatte a rospo come FB le elimineranno definitivamente per sostituirle con un porting.

      ma anche in questo caso ci guadagni perche l’app ti migliora sicuro.

      Chi ha le app come quelle su Youtube invece non puo fare il porting di nulla, perche sono gia escluscive di WP.

      Per quanto riguarda i giochi ci gudagni e basta perche i giochi sono tutti uguali, non c’e’ un “stile”.

  2. Cristiano ha detto:

    buono buono…ma per chi non volesse (per assurdo ) fare l’update dall’8.1 al 10…le app funzionerebbero ugualmente ?

  3. M620Vod ha detto:

    Ottimo. Ma quando sarà possibile per gli sviluppatori iniziare ad usare questi nuovi strumenti messi a disposizione da Microsoft? Non vedo l’ora di vedere le app che aspetto da anni sul Windows store.

  4. Andr3w ha detto:

    Io non ho capito quella cosa del sottosistema android sui WP, qualcuno me lo spiega?

  5. Gian 930 ha detto:

    Quindi il discorso delle API come cavolo si risolve? E che caspita vuol dire che anche i .NET e i win32 potranno essere messi sullo store? Scusate se uso terminologie errate, tipo non credo che sia corretto dire che win32 e .net vengano messi sullo store, ma non so farmi capire altrimenti

    • Andrea ha detto:

      Si, su Windows 10 le applicazioni desktop potranno essere inserite nello Store.

      • Gian 930 ha detto:

        Quindi possono essere inserite nello store, ma non gireranno sui telefoni a meno che lo sviluppatore non lo permetta? E se lo permette si adatteranno, previo interessamento del developer, all’interfaccia del telefono? E potrebbero avere le stesse funzionalità? Tipo potrebbe esistere un adobe Photoshop com’è ora sul desktop ma sui telefoni? Un autocad? Parlo in via teorica hardware premettendo, sono ignorante ma non cosi tanto :)

        • Gianni ha detto:

          La compatibilità x86 e ARM è sempre dipendente dall’applicazione. Già oggi ci sono alcune app sullo store che girano solo su x86 e non su ARM. Ogni dispositivo vede sullo store solo le app che può installare, quindi sul telefono non vedrai il software desktop.
          Le app classiche sullo store saranno una manna per chi incasina il pc scaricando programmi da internet, dato che saranno sandboxate oltre che sicure. Basterà dire ai meno esperti di scaricare roba solo dallo store e tanti saluti ai pc invasi da adware.

          • Gian 930 ha detto:

            Motivo in più per pubblicare la propria app sullo Store, se si tratta di un programma lecito

  6. darkedstyle ha detto:

    Ma che volete dire con un sotto sistema android?io ho letto online che non e vero…ma che saranno possibili avere app tramite la modifica parziale dei codici java..non centra android dentro Windows….non so..

  7. GiammyLumia925 ha detto:

    alla fine si scoprirà che in realtà windows 10 for phone è una versione di Android con interfaccia modificata (e neanche tanto)

  8. Andr3w ha detto:

    Ma li leggete gli articoli oppure trollate? La live l’avete seguita? Praticamente ora fare app per diversi OS è quasi un gioco da ragazzi per gli sviluppatori dipende solo se si seccano e basta, a quel punto mi do il consenso di sparargli alle gambe LoL

    • Gio ha detto:

      ma capisci cosa uno ti scrive? anche oggi potevi scrivere un apps in c++ e poi portarla sia su android che su wp8, il fatto che non le portino significa che “si seccano e basta”

  9. Giacomo ha detto:

    Buono, con 3/4 o forse più del lavoro già fatto non vedo come uno sviluppatore non abbia ancora voglia di portare le proprie app sul Windows Store.

  10. Giacomo ha detto:

    Tanto bene o male tutte le app son già sia per android sia per iOS. Gli sviluppatori faranno il porting da quella iOS ;)

  11. Giacomo ha detto:

    Comunque non so se avete visto la presentazione, ma con iOS hanno fatto vedere l’applicazione scomposta nelle sue parti e poi l’hanno aperta con Visual studio e semplicemente compilandola il gioco è partito. Un incremento di giochi dovremmo avercelo quindi :’) Magari per le app un attimo devono modificare

  12. mikaelik ha detto:

    Sapete che vi dico? Se non fanno le app nonostante questo significa che lo fanno apposta…io mando a fanculo loro e le loro sporche app…quando devo fare una ricarica o una postepay o in banca ci vado con le mie gambe o uso il pc…ma la soddisfazione di vedermi passare a ios o peggio android non glie la darò mai…loro devono solo mettere l’app sullo store a prescindere dalla diffusione perché le app fanno anche la diffusione e se loro non le mettono significa che non vogliono la diffusione di wp, punto.

    • Alessandro ha detto:

      Ma secondo te agli sviluppatori non piace guadagnare il più possibile? Se fino ad ora non hanno investito in wp ci sarà un motivo, non è che sono apple fan o android addicted. La quota mobile negli stati uniti è pressochè inesistente, una volta le app uscivano pure per bb ora che non ne vale più la pena no. Smettiamola con tutte queste dietrologie. Ora fare app per windows phone comporterà un costo di sviluppo minore ma bisognerà vedere anche i risultati di tale porting. Quindi vedremo la risposta del mercato.

      • mikaelik ha detto:

        Allora ti faccio una domanda: Uno sviluppatore fa un gioco ci lavora a pc quanto? Un mese? Lo porta su wp, se non sbaglio paga 20€ per poter pubblicare e MS sempre se non sbaglio ha il 30% sui guadagni. Mettiamo che la fa e non l’aggiorna piu perché non ha stimoli per lavorarci come dici tu poche utenze e il guadagno basso. A lui cosa costa tenerla nello store? Perché alcuni che l’hanno pubblicata poi invece decidono di rimuoverla? Dove sono i costi che affrontano? Cioè il lavoro fatto al pc ha un costo? Sono ignorante in materia, ma ho amici che hanno app su android e wp, mi dicono che lavorano all’applicazione due o tre settimane la pubblicano su wp store e guadagnano poco rispetto ad android ma pur sempre guadagnano. Allora spiegami quelle tre settimane per fare l’app per wp hanno un costo? No! È solo lavoro al pc, solo che la filosofia dei giorni nostri è che non fai niente per niente, anzi, non fai niente se non porti tanti soldi a casa. E questo è deprovevole secondo me, wp non ha le quote di android e ios, ma è una realtà ormai presente e affermata,e ignorarla secondo me è un atto di ostacolo deliberato..

        • Johnny E Basta ha detto:

          più che altro io non mi spiego la mancanza di app di servizi nazionali di banche, car sharing, poste ecc…quando in italia WP ha uno share del 14%….mah….

          • Fabio b ha detto:

            Mi sembra che tutti quanti sottovalutiate il tempo necessario e le risorse necessarie per sviluppare e manutenere un applicativo. Vi faccio un esempio: una banca decide di sviluppare un applicazione per accedere al proprio conto corrente. L’applicazione richiede almeno 120 gg uomo (6 mesi). Poi è necessario fare investimenti sul back-end (i server che sopporteranno il carico aggiuntivo), quindi sviluppare le API necessarie perché i client possono funzionare. Adeguare networking ed infrastruttura di sicurezza (sperando di non compromettere altro). In termini di carta e procedure (e certificazioni varie) parliamo di almeno 500 pagine di scartoffie e altre burocrazie che non vi dico. Ebbene, tutto questo costa molti soldi.

          • Johnny E Basta ha detto:

            io non sto sottovalutando il tempo e le risorse. Sono loro che sottovalutano il 14.5% di share. Allora che non facciano nemmeno quella per iOs che in Italia ha il 17.5% perchè ha uno share basso.
            Ma ci guardano ogni tanto alla % di share di utilizzo di un SO?

            E non sto parlando delle app “internazionali” ma di quelle che riguardano il nostro paese (che ha maggiore ragione d’essere dato l’alto share di wp in Italia).

      • Gio ha detto:

        i clienti di wp insieme a quelli di apple sono quelli che spendono di piu in apps….a differenza di quelli android, però su android le apps arrivano.

  13. Riccardo ha detto:

    Ragazzi, sto cercando in Internet pareri su questa novita apportata da Microsoft, ma trovo solo pareri discordanti ed effettuati, nella maggior parte dei casi, da persone non competenti in questa materia (non voglio offendere nessuno, sia chiaro).

    Ora, vorrei fare un appello, a chi veramente e’ competente in questa materia!
    Quante risorse, in termini di tempo e denaro, occorrerebbero ad uno sviluppatore per effettuare un porting “paro-paro” di APP Android/iOS?
    Secondo me, se si necessita di poche risorse, questo potrebbe portare alla svolta tanto attesa e sperata! :)
    Grazie mille in anticipo, Riccardo! :)
    P.S. Sono nuovo nei commenti, ma seguo plaffo da quando in un Dicembre 2011 o 2012, comprai un LG Optimus 7 per poi passare ad un HTC 8X che ho tuttora :D

    • Giov ha detto:

      Ciao! Non sono uno sviluppatore, ma mio fratello lo è. Ti lascio giusto il suo commento quando gli ho chiesto più o meno la stessa cosa:
      sono
      cose mooolto avanzate, nel senso che facilitano un sacco la vita agli
      sviluppatori, con poco tempo si possono fare cose molto complesse.
      Strumenti potenti, manca solo l’idea di quello che si vuole fare!

      Ora lascio agli sviluppatori spiegare ulteriori dettagli. Secondo lui, e a parole semplici per far capire a me (:) ), tendenzialmente è un cambiamento in meglio.

    • Fabio b ha detto:

      Ho portato diversi progetti da java a .NET (ambienti molto più simili di quanto si pensi) e posso dirti che non è una cosa semplice. Esistono tools già da tempo e le nuove funzionalità presentate ieri aumentano la produttività ma considerate questo: esistono situazioni in cui (e non sono pochissime: bit set, hash set..) java si comporta in maniera diversa da .NET. Queste incongruenze fanno perdere molto tempo ed alcune volte non sono identificabili se non dopo un runtime error. Se poi il codice che si porta non è dotato di unità di test ben congeniate, diventa davvero arduo assicurarsi che il porting non abbia introdotto errori di flusso. Il mondo di iOS è un’altra cosa: in qualche modo VS è dotato di un compilatore Objective C per il .NET Framework. Ma, a meno di utilizzare tools come Xamarin, gli sviluppatori .NET dovrebbero imparare Objective C (decisamente complicato). Quindi entrambe le strade proposte da MS, a meno di progetti davvero semplici, portano solo un poco più in la rispetto a ieri. Io rimango comunque molto soddisfatto, la via è buona. Spero di esserti stato d’aiuto :)

    • Riccardo ha detto:

      Grazie mille a tutti per le risposte! Mi fate almeno sperare, ma non illudere, per come e su come la stavo pensando!
      Cosa ne pensate del Continuum? Se vi va, passate nel mio profilo e, guardate la domanda che ho lasciato nell’altro articolo e aiutatemi a capire se secondo voi sara’ possibile attuare una cosa del genere!
      Grazie ancora, Riccardo! :)

    • Riccardo ha detto:

      Quoto la domanda poiche’ non ho idea di cosa sia successo al mio account Disqus:
      ”Ragazzi!
      Ma questa funzionalita’ (per me fantastica) funzionera’ su ogni tipo di APP anche non aggiornata?
      Mi
      spiego meglio: per esempio, se metto in landscape lo smartphone mentre
      eseguo un APP di twitch (diciamo “LiveGaming”), ma lo sviluppatore non
      la aggiorna per vari motivi, sullo schermo come apparirebbe? :)
      Spero di essere stato chiaro! :)
      Grazie mille, Riccardo!”

  14. Emanuele ha detto:

    Invece si, è stato detto durante l’evento. Per le app Android il passaggio è quasi diretto (cosa diversa per le app iOS). In diversi casi non bisogna toccare una riga di codice

  15. darkedstyle ha detto:

    Ok questo e quello che o letto anche io..ma qui parlano di un sotto sistema android..sono due cose diverse rispetto a ciò che diciamo noi…sotto sistema android vuole dire che in Windows 10 ci sarà un piccolo odioso robottino che aiuta a fare girare e a rendere compatibili le app android..la mia domanda è cosa intendono nell’articolo?ciò che diciamo noi, oppure ciò che ho dedotto io dicendo del robottino dentro Windows?

  16. tecnas76 ha detto:

    Ora sono curioso di vedere quante applicazioni arriveranno su wp!

  17. Christian Pastore ha detto:

    OT per chi fosse interessato… Skygo per Windows 8,1 anche su Surface RT !!! :D

  18. Marco ha detto:

    Le Universal app e il porting sono delle idee fantastiche e mi auguro porteranno moltissime app nello store ma spero anche che qualcuno non faccia un altro tipo di ragionamento del tipo perché spendere altro tempo e soldi (seppur in maniera ancora inferiore rispetto a prima) per portare app nello store quando la stessa cosa dal pc possono farla in internet e nei wp non mi interessa più di tanto perché non ha molta diffusione…mi vengono in mente le banche che comunque posso fare le operazioni on line tramite il loro sito anche senza una app….spero tanto di sbagliarmi!!

    • tranquillo ha detto:

      Non ha molto senso IMO usare una fantomatica app sotto Windows quando puoi accedere dal browser ed usufruire dei servizi al 100%.

      Anche la App della monte paschi sotto IPAD, per esempio, non ha abilitati tutti i moduli invece presenti via browser.

      • Marco ha detto:

        Infatti non vorrei appunto che questo fosse un freno per gli sviluppatori o chi commissiona le app, per loro non ci sarebbe alcuna convenienza sviluppare sia l’app che mantenere i servizi via browser per la stessa piattaforma!

        • tranquillo ha detto:

          Infatti non lo faranno mai.

          Le UA non serviranno per diffondere le App, se non in casi particolari, lo sto sostenendo dall’anno scorso.

          I nuovi tool di sviluppo invece si, quelli sono una mossa potente.

          • leoniDAM ha detto:

            Beh non è necessario, con Windows 10 possono distribuire i siti web come apps, ed integrare in essi il supporto alle funzioni del sistema operativo (tipo accesso alla rubrica, alle mail, alla fotocamera, NFC, GPS, ecc…).

            Quindi se un client vero e proprio non è necessario per il servizio che proponi (ad esempio per un conto corrente online) non c’è bisogno di mantenere il sito e l’app, ma in un colpo solo ottieni tutti e due…

  19. Fabio b ha detto:

    Non credo proprio.

  20. Fabio b ha detto:

    Già è complicato fare un porting di buona qualità. Lo stile è ininfluente e penso che importi anche poco a questo punto. Il motto è: basta che funzioni (magari anche bene)

  21. Giu88 ha detto:

    La gente in giro si sta rodendo di brutto,fornire questi tool gratis poi..secondo me sarà una mossa determinate e se realtà come adobe hanno già pronto tutto,penso che verrà seguita a ruote dalle altre.

    • Fabio b ha detto:

      Non essere cosi precipitoso. Ci sono di mezzo investimenti e soldi (tanti). Adobe non ha fatto nulla di particolare è W10 che consente di installare in una macchina virtuale un applicativo Win32/.NET (vi ricordate il vecchio XP Mode di Win7? Li era Virtual PC, qui è Hyper-V). Hyper-V consente l’isolamento necessario per evitare di prendere rischi inutili effettuando l’installazione di qualcosa potenzialmente sconosciuto (non vogliono certo finire come Android). Tutto ciò riguarda solo il mondo PC non Phone.

  22. Sal cantali ha detto:

    Ma Sky non e solo Champion! :(
    MHA!

  23. tranquillo ha detto:

    Secondo me il colpo di genio sarebbe fare l’interfaccia di WP10 simile tipo a IOS

  24. Gabriele ha detto:

    Quando parlano di porting, e quando parlate di guadagno, non prendete in questione il solo mercato mobile legato ai lumia. Vi ricordo l’unificazione. Quindi gli sviluppatori venderanno le proprie app su Pc, Tablet e Smartphone. E i pc Windows sono ovunque signori. OVUNQUE. L’upgrade gratuito inoltre farà si che anche chi non ha un nativo w10 avrà accesso all’ultima release. Quindi ? Lo mettiamo in moto il cervello o no?
    I guadagni , con l’unificazione , sarà a conti fatti maggiore di qualsiasi altro store attualmente in essere. E basta con ste lamentele inutili.

    • Fabio b ha detto:

      Non è mai stato facile guadagnare con le applicazioni. Prima ci vuole una grande idea. Qualcosa per cui una persona voglia dare anche solo 0.99 cent. Fatto salvo gli applicativi che riguardano chatting (testuale, video, audio), la vedo davvero difficile.Le cose non cambieranno tanto in fretta. Il 95% di quello che esiste sugli store, potrebbe anche non essere mai stato fatto. Parliamo di un 5% e per il 90% sono giochi. Ma questa è solo una mia opinione :)

    • M620Vod ha detto:

      Ciao Gabriele, hai detto tutto. Purtroppo di persone che mettono in moto il cervello ce ne sono ancora poche…..

    • Luca Serri ha detto:

      Questo se il consumatore medio si informasse, ma purtroppo non lo fa manco per sbaglio. Molti tengono Windows 7 perchè dicono “l’8 è più incasinato e non ci capisco niente” oppure “l’8 ha una grafica che fa schifo” (conosco pure gente che ha comprato un PC con 8 preinstallato e l’ha tolto per metterci 7). E se anche gli dai direttamente Windows 10 molto probabilmente continuerà a scaricare i programmi anzichè le app dello store e ad usare un account locale anzichè un Microsoft account. Ovviamente spero di sbagliarmi.

    • Filippo Leoncini ha detto:

      Gabriele è vero quello che dici ma vedi: io non utilizzo, e non conosco nessuno che mi abbia mai detto cosa diversa, le applicazioni dello store su versione Windows desktop…. Cioè, a meno che non si abbia un PC touch, per me avere applicazioni mobile su dispositivi con Windows versione desktop è il 99,9% delle volte inutile. Su Xbox, a parte quei 4 giochini forse, non ne parliamo neanche.

  25. Giov ha detto:

    Concordo con te!

  26. leoniDAM ha detto:

    Sinceramente questo approccio non mi convince molto, il mio timore è che gli sviluppatori non utilizzeranno le funzioni specifiche di Windows, già adesso le app native non supportano alcune funzioni o le integrano male, ho paura che con i porting le cose non migliorino, oltre a creare maggiore inconsistenza nella UX e nelle prestazioni.
    Comunque attendo d i vedere le sessioni specifiche alla Build per capirne meglio.

    • Gian 930 ha detto:

      Penso che MS pensi sul lungo termine, cioè che gli sviluppatori dopo aver usato i tool e essere entrati nell’ecosistema programmino per Windows, dici che sarebbe possibile? Intanto comunque penso che l’obiettivo principale iniziale di Microsoft sia averle

  27. emo ha detto:

    Cosa intendono con sotto sistema android? Queste app importate da ios e android funzionano anche su i vecchi modelli lumia oppure serviranno lumia predisposti?

    • Riccardo Lucifora ha detto:

      Sara così su TUTTI i lumia (dal 435 al 1520 e successivi, per intenderci) , come Windows 10 stesso ;)

    • Antosaa ha detto:

      Si anch’io sarei curioso di capire meglio questo sottosistema Android, che mi preoccupa un po’, preferisco il sistema scelto per le app trasferite da iOS

  28. Marcello ha detto:

    Ot: Qualcuno che ha il lumia 435 può dirmi se si trova bene nell utilizzo con una mano? A me tende a scivolarmi di mano o a farmi male perché troppo spigoloso. É la mia mano fatta male il telefono che nn é tanto ergonomico

  29. Alberto Lumia 930 ha detto:

    Quindi avremo un FB decente ???? Lol

  30. Jack ha detto:

    si sa gia una data precisa per quando queste applicazioni saranno “trasferite” da Androind a Windows 10? Anche tramite una prewiew..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *