• 112 commenti

Diverse app non ufficiali (Postepay, Bancoposta, Credito Wind, Tim e Vodafone) rimosse dallo Store, ecco cosa è successo! [AGGIORNAMENTO – x1]

Diversi utenti ci hanno segnalato la scomparsa dallo Store di Windows Phone di alcune applicazioni non ufficiali come l’app Postepay, Bancoposta, Credito Wind, Credito  Tim e Credito Vodafone.

appremove

In particolare queste app sono state realizzate dallo sviluppatore italiano dokkis, per questo motivo abbiamo deciso di contattarlo per scoprire e informarvi su cosa è successo alle app in questione.

Lo sviluppatore è ovviamente molto dispiaciuto di quanto successo, ci riferisce infatti che recentemente Microsoft ha rimosso le proprie app Postepay e Bancoposta, mentre da alcuni giorni ha ricevuto una seconda e-mail dove lo informavano anche della rimozione delle app  Credito Wind, Credito  Tim e Credito Vodafone (oltre che alle app Paypos e Banpos che erano la riproposizione di Bancoposta e Postepay ma gratuite).

Il problema, come possiamo vedere dalle e-mail inviata da Microsoft, risiede al punto 2.1.2 delle lingue guida da adottare per pubblicare app:

“Dear Developer,

One or more of your application(s) indicated below does not meet Windows Phone Policy Requirements.

As you know, your participation in the Windows Phone Store is governed by the Application Provider Agreement (APA). That agreement requires, among other things, that you keep your Store account in good standing by complying with the APA and all published policies and requirements referenced in the APA. If Microsoft discovers that any of your future apps violate the APA or Windows Phone Store policies, Microsoft may take action on your account.

Please ensure that all applications, updates to applications, and new applications which you submit meet the Store policy guidance.

Application(s) Removed

  • Paypos
  • Banpos
  • Credito Tim
  • Credito Vodafone
  • Credito Wind


Additional Policy Guidance

2.1.2

For Individuals and Student accounts, the following requirements apply:

  • Unless you have a pre-existing billing relationship with the user, your app may not require the user to provide payment information, within the app experience, to activate, unlock, or extend usage of the app.
  • If you do not have a pre-existing billing relationship with the user, payment and personal account information must be collected outside of the app experience through an approved third-party payment processor or via a secure HTTPs website or as a hosted control within the app where the user can verify the URL and HTTPS security. For more information about how to create a secure HTTPS website, see Implementing a secure browser within your Windows Phone App.

Please let us know if you have any questions,
Windows Phone Store Team”

Alla richiesta di maggiori dettagli sulle motivazioni che hanno portato alla rimozione delle proprie app ha ricevuto questa risposta:

The apps were removed because they allow users to access financial information, even if no transactions occur within the app.  We do not have any documentation on file that your developer account is affiliated with any of these companies.  If you have such documentation you may submit that to us to verify.  Otherwise the apps are prohibited on the Windows Phone Store.

In particolare il problema deriva dal fatto che le app accedono ad informazioni finanziare non direttamente collegate allo sviluppatore, purtroppo sembra quindi che non ci siano soluzioni per vedere a breve queste applicazioni nuovamente disponibili sullo Store. Un peccato visto che si tratta di app comunque apprezzate, che in molti casi non esiste un’alternativa ufficiale e che molti utenti hanno acquistato le app e oggi non possono più scaricarle nuovamente.

Aggiornamento x1

L’amico Daniele (tramite Emanuele Manca) ci segnala che 3 delle app realizzate da dokkis (Credito Wind, Credito  Tim e Credito Vodafone) sono ora nuovamente disponibili. Le app sono state pubblicate come private per evitare (si spera) di essere rimosse. Se siete interessati, potete scaricarle gratuitamente tramite i link diretti che trovate sotto.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Franco ha detto:

    E chi ci rimane fregato sono gli utenti che avevano acquistato le app

    • Nicolas Zannerini ha detto:

      no l’app se l’hai installata sul telefono la puoi ancora utilizzare. il problema è che in caso di reset non potrai più installarla ..
      Il problema minore è il prezzo … per 2 euro non è mai morto nessuno

  2. Franco ha detto:

    E chi ci rimane fregato sono gli utenti che avevano acquistato le app

    • Nicolas Zannerini ha detto:

      no l’app se l’hai installata sul telefono la puoi ancora utilizzare. il problema è che in caso di reset non potrai più installarla ..
      Il problema minore è il prezzo … per 2 euro non è mai morto nessuno

  3. aserto ha detto:

    Ma quando si muove poste italiane a rilasciare l’app ufficiale?????????????????

  4. aserto ha detto:

    Ma quando si muove poste italiane a rilasciare l’app ufficiale?????????????????

  5. Luca ha detto:

    Ecco perché dico sempre di non acquistare queste app, hanno una probabilità di rimozione altissima, in pratica era più che prevedibile, soprattutto quando chiami le app direttamente con il nome del servizio ufficiale

  6. Luca ha detto:

    Ecco perché dico sempre di non acquistare queste app, hanno una probabilità di rimozione altissima, in pratica era più che prevedibile, soprattutto quando chiami le app direttamente con il nome del servizio ufficiale

  7. Gianluca Ghini ha detto:

    Un vero peccato. Ho sempre apprezzato le apps di Dokkis perché colmano quei vuoti lasciati dagli operatori. Un esempio? Vodafone ha fatto rimuovere il datasense, la sua app è un semplice e scomodo link al sito mobile senza uno straccio di live tile. Per me, Credito Vodafone è indispensabile: ho un tile sulla home che mi informa del costo chiamate e della connessione mensile disponibile dove un colpo d’occhio mi aggiorna sulla situazione. La domanda è: perché se fai rimuovere una app veramente utilissima non proponi un’alternativa all’altezza? Non è un mio diritto essere a conoscenza della mia situazione telefonica in modo efficace?

    • Daniele Danza ha detto:

      Chidelo al tuo gestore. Per Vodafone c’è MyVodafone che funziona egregiamente.

      • Gianluca Ghini ha detto:

        È un link al sito mobile, non un app. E non ha il live tile, che è una caratteristica di questo SO. Come una bici col cambio ma faccio finta che non c’è dato che se pedali (anche se fai più fatica) vai avanti li stesso. Se la tua Tv ha il telecomando non credo ti faccia piacere alzarti a cambiare i canali andando alla Tv. Scusa ma io la penso così e pago volentieri un app per avere un live tile che funziona bene.

    • paolo ha detto:

      Io uso vodafonetile (costa 99 centesimi) e mi trovo benissimo

  8. Gianluca Ghini ha detto:

    Un vero peccato. Ho sempre apprezzato le apps di Dokkis perché colmano quei vuoti lasciati dagli operatori. Un esempio? Vodafone ha fatto rimuovere il datasense, la sua app è un semplice e scomodo link al sito mobile senza uno straccio di live tile. Per me, Credito Vodafone è indispensabile: ho un tile sulla home che mi informa del costo chiamate e della connessione mensile disponibile dove un colpo d’occhio mi aggiorna sulla situazione. La domanda è: perché se fai rimuovere una app veramente utilissima non proponi un’alternativa all’altezza? Non è un mio diritto essere a conoscenza della mia situazione telefonica in modo efficace?

    • Daniele ha detto:

      Chidelo al tuo gestore. Per Vodafone c’è MyVodafone che funziona egregiamente.

      • Gianluca Ghini ha detto:

        È un link al sito mobile, non un app. E non ha il live tile, che è una caratteristica di questo SO. Come una bici col cambio ma faccio finta che non c’è dato che se pedali (anche se fai più fatica) vai avanti li stesso. Se la tua Tv ha il telecomando non credo ti faccia piacere alzarti a cambiare i canali andando alla Tv. Scusa ma io la penso così e pago volentieri un app per avere un live tile che funziona bene.

    • paolo ha detto:

      Io uso vodafonetile (costa 99 centesimi) e mi trovo benissimo

  9. Giacomo Panattoni ha detto:

    NOOOOOOOOO proprio ora che devo cambiare telefono!

  10. Shalashaska ha detto:

    NOOOOOOOOO proprio ora che devo cambiare telefono!

  11. Dubarrini ha detto:

    Comunque contento di aver retribuito un onesto sviluppatore italiano. Credito Wind resterà sul mio 920 fino a necessario reset!

    • Gianluca Ghini ha detto:

      Sono in perfetto accordo con te. Finché potrò mi terrò Credito Vodafone e Postepay sul mio 820.

    • Fabio ha detto:

      idem per me! Speriamo che pubblicheranno una maledetta versione ufficiale…cavolo! dopotutto vendono e pubblicizzano anche smartphone lumia! che figura di m**** è questa! se non fosse il più economico gestore l’avrei mandata a casa subito!

  12. Dubarrini ha detto:

    Comunque contento di aver retribuito un onesto sviluppatore italiano. Credito Wind resterà sul mio 920 fino a necessario reset!

    • Gianluca Ghini ha detto:

      Sono in perfetto accordo con te, ho retribuito volentieri lo sviluppatore. Finché potrò mi terrò Credito Vodafone e Postepay sul mio 820. Secondo me i vari operatori dovrebbero retribuire Dokkis per farsi fare apps dedicate dato che loro non riescono a farle in maniera decente.

    • Fabio ha detto:

      idem per me! Speriamo che pubblicheranno una maledetta versione ufficiale…cavolo! dopotutto vendono e pubblicizzano anche smartphone lumia! che figura di m**** è questa! se non fosse il più economico gestore l’avrei mandata a casa subito!

  13. Giacomo Panattoni ha detto:

    Ora che rileggo la mail, forse non gli contestano il fatto che l’app non si ufficiale ma che:
    – Vengono inseriti dati di pagamento per “espandere” le funzioni dell’app;
    – Vengono storati all’interno dell’app e non tramite un servizio esterno approvato o webservice con HTTPs

    ??

  14. Shalashaska ha detto:

    Ora che rileggo la mail, forse non gli contestano il fatto che l’app non si ufficiale ma che:
    – Vengono inseriti dati di pagamento per “espandere” le funzioni dell’app;
    – Vengono storati all’interno dell’app e non tramite un servizio esterno approvato o webservice con HTTPs

    ??

  15. Erunér ha detto:

    L’app di poste pay però aveva dei problemi. Io avevo scaricato solo la versione di prova e non so perché ad un certo punto ha mantenuto in memoria le credenziali di accesso…peccato non fossero mie! Potevo vedere tutte le transazioni e tutti i movimenti di un’altra persona!
    L’ho eliminata, tanto per me il suo utilizzo era marginale. Se uscisse quella ufficiale però non mi farebbe schifo affatto…

    Per quanto riguarda My Vodafone dopo l’ultimo aggiornamento è migliorata. Non è più il link al sito mobile. Resta comunque lenta e pare non funzionare poiché non mostra alcuna barra di caricamento ma una “magnifica” pagina bianca. Se si ha però pazienza dopo un po’ compare tutto l’indispensabile. Non credo abbia ancora la live tile (non ho l’abitudine di controllare il traffico morbosamente e non lo tengo sulla home) però almeno ora è un’app!

    • Daniele Danza ha detto:

      MyVodafone è ancora un link al sito.

      • Erunér ha detto:

        Uh caspita hai ragione! Evidentemente l’ultima volta che l’ho usata l’URL del sito mobile non doveva essere ancora stato aggiornata perché avevano grafiche completamente diverse! Pensa quanto la uso!
        Ritiro quello quello che ho detto!

  16. Erunér ha detto:

    L’app di poste pay però aveva dei problemi. Io avevo scaricato solo la versione di prova e non so perché ad un certo punto ha mantenuto in memoria le credenziali di accesso…peccato non fossero mie! Potevo vedere tutte le transazioni e tutti i movimenti di un’altra persona!
    L’ho eliminata, tanto per me il suo utilizzo era marginale. Se uscisse quella ufficiale però non mi farebbe schifo affatto…

    Per quanto riguarda My Vodafone dopo l’ultimo aggiornamento è migliorata. Non è più il link al sito mobile. Resta comunque lenta e pare non funzionare poiché non mostra alcuna barra di caricamento ma una “magnifica” pagina bianca. Se si ha però pazienza dopo un po’ compare tutto l’indispensabile. Non credo abbia ancora la live tile (non ho l’abitudine di controllare il traffico morbosamente e non lo tengo sulla home) però almeno ora è un’app!

    • Daniele ha detto:

      MyVodafone è ancora un link al sito.

      • Erunér ha detto:

        Uh caspita hai ragione! Evidentemente l’ultima volta che l’ho usata l’URL del sito mobile non doveva essere ancora stato aggiornata perché avevano grafiche completamente diverse! Pensa quanto la uso!
        Ritiro quello quello che ho detto!

  17. sigfrid696 ha detto:

    Pero non capisco una cosa, se Microsoft ha permesso che venissero scaricate e pagate per alcuni mesi, dal momento che ha deciso di ritirarle dovrebbe rimborsare gli acquirenti, perché se davvero sono in violazione non avrebbe neanche dovuto farle pubblicare. Cosi un utente paga per una app che pensa autorizzata, dal momento che la trova sullo store ufficiale, e poi la app viene rimossa così. Qualcosa nel flusso non funziona!

    • leoniDAM ha detto:

      Beh il processo di verifica non può verificare ogni singolo aspetto di ogni apps, alcune aspetti non possono essere testati né in modo automatico, né in modo manuale (se non con complesse procedure), ad esempio nel caso specifico se l’app fosse stata sviluppata da Wind o per conto di Wind avrebbe rispettato il regolamento e sarebbe normalmente pubblicata, in questo caso la procedura di certificazione è impossibilitata a verificare le relazione fra il fornitore del servizio e lo sviluppatore.
      Resta comunque il fatto che Microsoft non è responsabile per gli sviluppatori, le apps sono di loro proprietà e spetta a loro farle in modo che rispettino le regole.
      Lo sviluppatore ha la possibilità di pubblicarle di nuovo rendendole compatibili con le regole che ha sottoscritto, se non lo fa è responsabilità sua ed è solo sua la colpa ed è su di lui che bisogna rivalersi.

      Se in un negozio di un centro commerciale ti fregano tu te la prendi con il negoziante o con il proprietario del centro commerciale?
      La situazione è la stessa: Microsoft è la proprietaria del centro commerciale (lo store) ed i singoli negozianti (gli sviluppatori) aprono il loro punto vendita al suo interno e vendono i loro prodotti

  18. sigfrid696 ha detto:

    Pero non capisco una cosa, se Microsoft ha permesso che venissero scaricate e pagate per alcuni mesi, dal momento che ha deciso di ritirarle dovrebbe rimborsare gli acquirenti, perché se davvero sono in violazione non avrebbe neanche dovuto farle pubblicare. Cosi un utente paga per una app che pensa autorizzata, dal momento che la trova sullo store ufficiale, e poi la app viene rimossa così. Qualcosa nel flusso non funziona!

    • leoniDAM ha detto:

      Beh il processo di verifica non può verificare ogni singolo aspetto di ogni apps, alcune aspetti non possono essere testati né in modo automatico, né in modo manuale (se non con complesse procedure), ad esempio nel caso specifico se l’app fosse stata sviluppata da Wind o per conto di Wind avrebbe rispettato il regolamento e sarebbe normalmente pubblicata, in questo caso la procedura di certificazione è impossibilitata a verificare le relazione fra il fornitore del servizio e lo sviluppatore.
      Resta comunque il fatto che Microsoft non è responsabile per gli sviluppatori, le apps sono di loro proprietà e spetta a loro farle in modo che rispettino le regole.
      Lo sviluppatore ha la possibilità di pubblicarle di nuovo rendendole compatibili con le regole che ha sottoscritto, se non lo fa è responsabilità sua ed è solo sua la colpa ed è su di lui che bisogna rivalersi.

      Se in un negozio di un centro commerciale ti fregano tu te la prendi con il negoziante o con il proprietario del centro commerciale?
      La situazione è la stessa: Microsoft è la proprietaria del centro commerciale (lo store) ed i singoli negozianti (gli sviluppatori) aprono il loro punto vendita al suo interno e vendono i loro prodotti

  19. kame2 ha detto:

    Dubbio.. Ma se uno si era scaricato il .xap per installare l’app manualmente dopo aver copiato l’eseguibile sulla scheda di memoria, può ancora installarla anche se ora è stata rimossa ?

  20. kame2 ha detto:

    Dubbio.. Ma se uno si era scaricato il .xap per installare l’app manualmente dopo aver copiato l’eseguibile sulla scheda di memoria, può ancora installarla anche se ora è stata rimossa ?

  21. Drak69 ha detto:

    Io usavo credito wind….stavo valutando l’acquisto di credito tim dopo il mio passaggio di operatore, ma il data sense mi ha fermato un po xD Per fortuna direi….

    • dani ha detto:

      ciao, noti una certa discrepanza tra i dati usati secondo data sense e quelli verificabili direttamente dal gestore di telefonia mobile (wind o tim che sia)??? Io noto una bella differenza (5-10%), uso data sense per avere una indicazione grossolana, per un riferimento puntuale e precisa contatto il gestore

      • Drak69 ha detto:

        direi minima…un centinaio di mega di differenza …ma a me non cambia nulla tanto alla fine ho 2gb di internet e non riesco mai ad andare oltre il gb di utilizzo xD Data sense mi è utile per vedere dove consumo piu connessione.

  22. IRNBNN ha detto:

    Io usavo credito wind….stavo valutando l’acquisto di credito tim dopo il mio passaggio di operatore, ma il data sense mi ha fermato un po xD Per fortuna direi….

    • dani ha detto:

      ciao, noti una certa discrepanza tra i dati usati secondo data sense e quelli verificabili direttamente dal gestore di telefonia mobile (wind o tim che sia)??? Io noto una bella differenza (5-10%), uso data sense per avere una indicazione grossolana, per un riferimento puntuale e precisa contatto il gestore

      • IRNBNN ha detto:

        direi minima…un centinaio di mega di differenza …ma a me non cambia nulla tanto alla fine ho 2gb di internet e non riesco mai ad andare oltre il gb di utilizzo xD Data sense mi è utile per vedere dove consumo piu connessione.

  23. tivi92 ha detto:

    Io mi tengo la bellissima CREDITO TIM!!! Davvero utilissima. Forza dokkis!

  24. tivi92 ha detto:

    Io mi tengo la bellissima CREDITO TIM!!! Davvero utilissima. Forza dokkis!

  25. Joan ha detto:

    Ma orco dingo , la wind nooo

  26. Joan ha detto:

    Ma orco dingo , la wind nooo

  27. Dome ha detto:

    Un consiglio a chiunque avesse pagato le app é di chiederne il rimborso a Microsoft andando alla loro pagina fatturazione e chiedendo assistenza.

    Spero che si muovano a portare queste app ufficiali sullo store. Ho già chiesto su Twitter a Microsoft Italia di muoversi in quella direzione

  28. Dome ha detto:

    Un consiglio a chiunque avesse pagato le app é di chiederne il rimborso a Microsoft andando alla loro pagina fatturazione e chiedendo assistenza.

    Spero che si muovano a portare queste app ufficiali sullo store. Ho già chiesto su Twitter a Microsoft Italia di muoversi in quella direzione

  29. mordichio920 ha detto:

    Mi dispiace per Dokkis perché e un sviluppatore con le palle . Comprato tutte le sue app ( non la Vodafone) e funzionano perfettamente quindi non sparate delle cazzate che non funzionavano . Dokkis inventa qual cosa per far stare le app nello store .
    Hai la mia stima forza Dokkis

  30. mordichio920 ha detto:

    Mi dispiace per Dokkis perché e un sviluppatore con le palle . Comprato tutte le sue app ( non la Vodafone) e funzionano perfettamente quindi non sparate delle cazzate che non funzionavano . Dokkis inventa qual cosa per far stare le app nello store .
    Hai la mia stima forza Dokkis

    • leoniDAM ha detto:

      Beh non c’è da inventarsi gran che di strano, la soluzione è scritta nelle regole stesse:

      payment and personal account information must be collected outside of the app experience through an approved third-party payment processor or via a secure HTTPs website or as a hosted control within the app where the user can verify the URL and HTTPS security

  31. lale ha detto:

    ora devono però pubblicare quelle ufficiali! soprattutto wind, dove nel suo ultimo spot c’è anche un lumia! e che cavolo! li ho contattati su twiiter e la risposta è stata “continua a seguirci e ti daremo informazioni in seguito!, speriamo bene….

  32. Ale ha detto:

    ora devono però pubblicare quelle ufficiali! soprattutto wind, dove nel suo ultimo spot c’è anche un lumia! e che cavolo! li ho contattati su twiiter e la risposta è stata “continua a seguirci e ti daremo informazioni in seguito!, speriamo bene….

  33. Francesco Buccarella ha detto:

    un altro punto in meno per WP….

    • leoniDAM ha detto:

      Mah le regole sono scritte chiaramente e lo sviluppatore le conosce, doveva sapere e magari informare i suoi utenti della possibilità.

      Io direi un punto in meno allo sviluppatore che non ha adottato tutti gli accorgimenti necessari a garantire la sicurezza e la privacy degli utenti delle loro apps.
      E poi ci si indigna quando vengono fuori le magagne dell’NSA…

  34. Francesco Buccarella ha detto:

    un altro punto in meno per WP….

    • leoniDAM ha detto:

      Mah le regole sono scritte chiaramente e lo sviluppatore le conosce, doveva sapere e magari informare i suoi utenti della possibilità.

      Io direi un punto in meno allo sviluppatore che non ha adottato tutti gli accorgimenti necessari a garantire la sicurezza e la privacy degli utenti delle sue apps.
      E poi ci si indigna quando vengono fuori le magagne dell’NSA…

  35. Silvio ha detto:

    Mi spiace ma il mio prossimo smartphone al 100% non sarà WP. Troppe cose che non vanno e un marketplace che fa ridere rispetto a ios ed android!!!

  36. Silvio ha detto:

    Mi spiace ma il mio prossimo smartphone al 100% non sarà WP. Troppe cose che non vanno e un marketplace che fa ridere rispetto a ios ed android!!!

  37. Francesco ha detto:

    A me hanno fatto rimuovere un client per leggere le email di Libero. Faceva una media di 600 download al giorno…

  38. Francesco ha detto:

    A me hanno fatto rimuovere un client per leggere le email di Libero. Faceva una media di 600 download al giorno…

  39. Andrea Fiorini ha detto:

    ciao a tutti, mi rivolgo a tutti gli indignati che come me non vogliono rinunciare al grande servizio che dava l’app credito Wind. Visto che sarà difficile riaverla vi chiedo di scrivere una email a Wind a questo indirizzo a applicazioni@mail.wind.it che poté trovare sul sito stesso, chiedete TUTTI A GRAN VOCE DI REALIZZARE QUESTA BENEDETTA VERSIONE X WP. Io l’ho fatto, fatelo anke voi e kissà… L’unione fa la forza!

  40. Andrea Fiorini ha detto:

    ciao a tutti, mi rivolgo a tutti gli indignati che come me non vogliono rinunciare al grande servizio che dava l’app credito Wind. Visto che sarà difficile riaverla vi chiedo di scrivere una email a Wind a questo indirizzo a applicazioni@mail.wind.it che poté trovare sul sito stesso, chiedete TUTTI A GRAN VOCE DI REALIZZARE QUESTA BENEDETTA VERSIONE X WP. Io l’ho fatto, fatelo anke voi e kissà… L’unione fa la forza!

  41. jacko ha detto:

    Peccato credito Wind è una bomba

  42. jacko ha detto:

    Peccato credito Wind è una bomba

  43. Franco ha detto:

    Grande :) Sono ottime app, speriamo non vengano nuovamente rimosse

  44. Franco ha detto:

    Grande :) Sono ottime app, speriamo non vengano nuovamente rimosse

  45. Crystal*920 ha detto:

    Mi conviene re installarla o lasciare ancora quella “”vecchia””?

  46. Crystal*920 ha detto:

    Mi conviene re installarla o lasciare ancora quella “”vecchia””?

  47. UtterMarcus ha detto:

    Constatato che il programmatore è la persona + buona di questo pianeta e che sviluppi per piacere e utilità e non nasconda secondi fini vedo che nessuno, nemmeno l’autore dell’articolo, si è soffermato a capire le motivazioni di Microsoft.
    Le app NON sono stato autorizzate dalle varie case madri (anche se qui c’è un problema a monte in quanto i dati sono disponibili a tutti a quanto sembra) e la app fa un uso NON corretto di HTTPs là dove richiesto per privacy (protocollo ormai bucato da anni ma questo abbiamo) e evidentemente la app può trattenere in questo modo in memoria i dati utente delle transazioni numero nomi di accesso etc, e cmq soggetta a sniffer esterni etc etc. Microsoft ci ha avvisati, poi ognuno fa come gli pare :). Cmq fa riflettere il come aziende importanti di telefonia e servizi web danno accesso ai propri dati praticamente a chiunque, al di la di queste app. Ignoranza onesta o voluta? saluti.

    • _Marok_ ha detto:

      Anche in assoluta buona fede dello sviluppatore, non la installerei.
      Riguardo alle tue ultime righe, la stragrande maggioranza delle volte è l’utente stesso che da accesso ai propri dati a chiunque.

      Comuqne il problema non è tanto del protocollo quanto del fatto che nessuna app può accedere a info finanziarie di un servizio, se non è affiliata al servizio stesso.

    • Matteo Ruozi ha detto:

      Scusa, ma se io faccio un programma che non fa altro che entrare nel sito postepay, ad esempio, inserendo nome utente e password, come farei io, non si può?
      Mica sono informazioni delle poste queste, sono dell ‘utente.
      Poi il discorso di tenere dati in memoria è un’ altra cosa

      • tommy86r ha detto:

        In realtà non si può

      • _Marok_ ha detto:

        Assolutamente non puoi. Questa restrizione è fondamentale sia per la sicurezza dell’utente che per quella dello store. Se fossero permesse queste app sarebbero permesse anche app non ufficiali di servizi bancari. Ti immagini cosa potrebbe venire fuori?

  48. UtterMarcus ha detto:

    Constatato che il programmatore è la persona + buona di questo pianeta e che sviluppi per piacere e utilità e non nasconda secondi fini vedo che nessuno, nemmeno l’autore dell’articolo, si è soffermato a capire le motivazioni di Microsoft.
    Le app NON sono stato autorizzate dalle varie case madri (anche se qui c’è un problema a monte in quanto i dati sono disponibili a tutti a quanto sembra) e la app fa un uso NON corretto di HTTPs là dove richiesto per privacy (protocollo ormai bucato da anni ma questo abbiamo) e evidentemente la app può trattenere in questo modo in memoria i dati utente delle transazioni numero nomi di accesso etc, e cmq soggetta a sniffer esterni etc etc. Microsoft ci ha avvisati, poi ognuno fa come gli pare :). Cmq fa riflettere il come aziende importanti di telefonia e servizi web danno accesso ai propri dati praticamente a chiunque, al di la di queste app. Ignoranza onesta o voluta? saluti.

    • _Marok_ ha detto:

      Anche in assoluta buona fede dello sviluppatore, non la installerei.
      Riguardo alle tue ultime righe, la stragrande maggioranza delle volte è l’utente stesso che da accesso ai propri dati a chiunque.

      Comuqne il problema non è tanto del protocollo quanto del fatto che nessuna app può accedere a info finanziarie di un servizio, se non è affiliata al servizio stesso.

    • MioNonno ha detto:

      Scusa, ma se io faccio un programma che non fa altro che entrare nel sito postepay, ad esempio, inserendo nome utente e password, come farei io, non si può?
      Mica sono informazioni delle poste queste, sono dell ‘utente.
      Poi il discorso di tenere dati in memoria è un’ altra cosa

      • tommy86r ha detto:

        In realtà non si può

      • _Marok_ ha detto:

        Assolutamente non puoi. Questa restrizione è fondamentale sia per la sicurezza dell’utente che per quella dello store. Se fossero permesse queste app sarebbero permesse anche app non ufficiali di servizi bancari. Ti immagini cosa potrebbe venire fuori?

  49. leoniDAM ha detto:

    Beh non c’è da inventarsi gran che di strano, la soluzione è scritta nelle regole stesse:

    payment and personal account information must be collected outside of the app experience through an approved third-party payment processor or via a secure HTTPs website or as a hosted control within the app where the user can verify the URL and HTTPS security

  50. tivi92 ha detto:

    Credito Tim é comodissima, grande dokkis!!!

  51. tivi92 ha detto:

    Credito Tim é comodissima, grande dokkis!!!

  52. alberto ha detto:

    WINDINFO gestisce più SIM intestate alla stessa persona con la possibilità di creare più livetile, questa no.

  53. alberto ha detto:

    WINDINFO gestisce più SIM intestate alla stessa persona con la possibilità di creare più livetile, questa no.

  54. Antonio ha detto:

    Ragazzi, è giusto che queste app non ci siano nello store. Da sviluppatore vi dico di non scaricare MAI questa tipologia di app. Chi garantisce la protezione delle credenziali che inserite (soprattutto per Paypos e BanPos) ?
    E se lo sviluppatore si salva le vostre credenziali per farsi i fatti vostri?
    Amici di Plaffo credo che dovreste anche indicare tutti i rischi che si corrono ad utilizzare app non ufficiali di questa tipologia.

  55. Antonio ha detto:

    Ragazzi, è giusto che queste app non ci siano nello store. Da sviluppatore vi dico di non scaricare MAI questa tipologia di app. Chi garantisce la protezione delle credenziali che inserite (soprattutto per Paypos e BanPos) ?
    E se lo sviluppatore si salva le vostre credenziali per farsi i fatti vostri?
    Amici di Plaffo credo che dovreste anche indicare tutti i rischi che si corrono ad utilizzare app non ufficiali di questa tipologia.

  56. DrMouse ha detto:

    Pero! Potrebbe fa anche una per H3G

  57. Emanuele ha detto:

    Esiste quella ufficiale “Area Clienti 3”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *