• 18 commenti

Troppe applicazioni SPAM nel marketplace di Windows Phone! Meglio intervenire…

Abbiamo parlato diverse volte di tutte quelle applicazioni “Spam” che giorno dopo giorno vengono inserite nel marketplace di Windows Phone. Queste applicazioni sono dette “spazzatura” perchè non portano nessun beneficio all’utente finale e in pratica sono tutte identiche una con l’altra.

Come possiamo vedere dall’immagine sopra, il marketplace continua a popolarsi di applicazioni spazzatura, uno di questi sviluppatori registrato all’Hub App con il nome di Attract Labs ha più di 200 applicazioni praticamente uguali che potrebbero benissimo stare in una sola applicazione evitando il fastidioso “scroller” all’utente che deve effettuare per navigare all’interno del marketplace.

Microsoft, nel Giugno 2011, era intervenuta per limitare questo tipo di comportamento da parte degli sviluppatori. Per fare questo aveva scelto una soluzione divisa in due parti:

  • Limitare il numero di applicazioni a 20, che un singolo sviluppatore può rilasciare nello stesso giorno. Microsoft certificherà solo le prime 20 applicazioni che uno sviluppatore rilascia nello stesso giorno. In questo modo gli utenti che giornalmente controllano le novità sul marketplace non dovrà scorrere una lista infinita di app simili.
  • Microsoft contatterà gli sviluppatori interessati e mostrerà come possono essere evitate tutte queste applicazioni simili, aiutandoli a conoscere fino in fondo le potenzialità di sviluppo e ridurre così un gran numero di applicazioni del tutto uguali.

Nonostante questi accorgimenti le applicazioni spazzatura sono ancora presenti, questo, nonostante aiuti a far crescere il numero di applicazioni all’interno del marketplace, non è di certo un beneficio per l’utente finale.

Una crescita esponenziale di questo genere di applicazioni potrebbe far diventare il marketplace di Windows Phone più vicino a quello di Android, dove il numero di applicazioni spazzatura è senza dubbio più alto rispetto alla controparte Windows Phone e iOS.

Ci auguriamo che Microsoft al più presto attui delle regole di certificazione più severe in modo da ritrovarci magari un marketplace con un numero di applicazioni inferiori alla concorrenza ma di qualità!

via