• 4 commenti

Hacker che ha sviluppato FreeMarketplace aiuta gli sviluppatori a proteggere il proprio software

Notizia di ieri che il sistema di protezione delle applicazioni presenti sul market è stato violato (link alla notizia), il creatore che non ha intenzione al momento di rilasciare al pubblico il suo lavoro, ora da consigli agli sviluppatori su come proteggere il proprio software.

Tobias, in nome dell’hacker che è riuscito a rompere il DRM di Windows Phone consiglia agli sviluppatori di includere nel loro codice un controllo sul file WMAppPRHeader.xml, in questo modo è possibile risalire se un applicazione è

stata installata dal marketplace o dagli strumenti dei sviluppatori, il consiglio è quello di impedire l’istallazione su quest’ultimi.

Microsoft non ha commentato le notizie di questi giorni, anche se in molti si aspettano una risposta già dal primo aggiornamento dell’OS.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. Anonymous ha detto:

    Per quando possano proteggere il loro software, si troverà sempre un modo per craccarli.

  2. Marco ha detto:

    Questa purtroppo è la realtà!

  3. Stefano ha detto:

    Come sempre accaduto nel software, ad ogni protezione nasce un modo per toglierla, sarà sempre cosi…
    Devono trovare un modo per non incentivare tale pratica (vedi il gioco online sul pc).

  4. Paolo ha detto:

    facessero prezzi molto piu bassi e cellulari piu accessibili e vedi come cade la pirateria.

    In Italia perchè molti scaricano musica?? perchè 20€ per un album è un furto ;)

    perfortuna che non sento molta musica sennò in Italia avrei proscugato il portafogli

    app giochi film e musica a prezzi bassi bassi e non ci sarà bisogno di scaricarli perchè se lo possono permettere tutti ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *