• 5 commenti

A differenza di Apple, Microsoft non tiene traccia della posizione degli utenti WP7

A quanto pare, è stato scoperto che nell’ultimo anno, iPhone e iPad 3g hanno tenuto un registro dettagliato sulla posizione dei propri utenti in un file facilmente accessibile e non crittografato sul telefono e sul desktop.

042011-iphonetracker

Questo naturalmente è una grande invasione della privacy e rende gli utenti iPhone e iPad 3g vulnerabili ad essere spiati. Gizmodo ha voluto indagare su questa tecnica usata da Apple per vedere se è l’unica azienda che adottaquesto sistema, ha chiesto ad altre aziende importanti di sistemi operativi per smartphone se anche loro adottano il salvataggio della posizione dei propri utenti. Android dispone di un sistema opt-in ma non è stato trovato nessun file sui dispositivi che potrebbe compromettere la privacy degli utenti. Microsoft ha risposto che gli utenti Windows Phone 7 salvano sul proprio dispositivo solo la località e l’ultima posizione. Quest’ultima viene utilizzata se il servizio di Microsoft Trova il mio Telefono è attivo. Gizmodo non ha ancora ricevuto nessuna risposta da parte della RIM.

Nuova pagina Telegram dedicata ESLUSIVAMENTE alla segnalazione di VERE offerte Amazon Italia!

Commenta la notizia

Vuoi un'immagine profilo personalizzata? Impostala su Gravatar utilizzando la stessa e-mail associata ai commenti.


  1. cocco ha detto:

    Ho letto questa storia di Apple, ma mi chiedo a che serve a loro la posizione di tutti gli spostamenti che effettua gli utenti? perchè memorizzarla?

  2. Anonymous ha detto:

    @cocco Il motivo non credo si sappia, ma è una cosa scandalosa, in questo modo basta avere accesso ad un pc di un utente iphone che è possibile sapere tutti i suoi spostamenti… bah

  3. Anonymous ha detto:

    Ma non credo che Google e Microsoft avrebbero ammesso di registrare la posizione degli utenti :S

  4. Cecir ha detto:

    Concordo col fatto che non se ne fanno nulla di queste informazioni. Sembra ridicolo che apple permette questo ai suoi dispositivi.

  5. Anonymous ha detto:

    Non sono tanto d'accordo che non se ne fanno nulla. Tutte queste informazioni possono essere vendute per capire le preferenze ed abitudini delle persone e quindi, come sempre, per scopi pubblicitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *